Home
 

 

Questa è una tribuna virtuale. Sulla quale potrà salire chiunque per dire quel che vorrà. La scelta degli argomenti è libera: si potrà parlare di comune, regione, governo; ma anche di religione, scienza e tecnologia, lavoro, sindacato, sport, ambiente, costume e così via. Nel rispetto di chi legge e di chi scrive.

Per fruire della tribuna è indispensabile presentarsi con nome, cognome e indirizzo mail. A richiesta, pubblicheremo gli interventi in forma anonima o con uno pseudonimo. Ma deve essere chiaro che i responsabili del sito devono sapere con chi hanno a che fare. Non ci piace (né c'interessa) ospitare ignoti dal volto coperto. Né dialogare con loro.

Gli scritti vanno spediti al seguente indirizzo: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.



Giù le mani dal XXV Aprile PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 
Mercoledì 24 Aprile 2019 14:22

La celebrazione della ricorrenza non è appannaggio della Sinistra né della Destra: deve essere una festa che appartiene a tutti gli italiani, nel ricordo della fine di una dittatura ventennale e di una guerra che ha causato morti e distruzioni inenarrabili

di Carlo Patatu

Domani celebreremo la ricorrenza del XXV Aprile. Taluni si chiedono se abbia ancora un senso festeggiare l’evento, a distanza di oltre settant’anni. Io credo che di senso ne abbia ancora; pertanto continuerò a coltivare il ricordo di quel giorno fatidico che, nel 1945, segnò in Italia la fine dell’occupazione nazista e della cosiddetta Repubblica di Salò.

Ultimo aggiornamento Giovedì 25 Aprile 2019 09:30
Leggi tutto...
 
« InizioPrec.12345678910Succ.Fine »

Pagina 1 di 53