Home » Limba Sarda » Soro Giovanni » Giovanni Soro: Notte incantada

Immagini del paese

castello10.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 5686111

Notizie del giorno

 
Giovanni Soro: Notte incantada PDF Stampa E-mail
Venerdì 15 Febbraio 2008 14:00

Sonat solitariu, istanotte,
un organittu in sa cantonata;
notas de amore ismentigadu,
torrana in su coro meu in pena.
In s'altu chelu, sa luna serena
est torrada a risplender ista notte.

Mi dimando: "Ma cale,
cale tempus torrat pro me?"
Mi rispondet sa 'oghe
iscura 'e sa notte:
"Omine, proite gai, in dolore e lamentos
passas nottes e dies biadas?
Allegru ista in sa gioventura;
ma narami: cantas cantadas,
pro sa tua ermosura,
in sa notte has fattu?"

Isculto su solitu
monitu
e in paghe riposo
in custa notte
che Deus hat fattu
pro me.

(segnalazione 7. Premio Città di Ozieri 1962)

Tratto dal volume "Premio di poesia sarda Città di Ozieri - Poesia in Sardegna 1956-1967" , a cura di Antonio Sanna e Tonino Ledda, editrica Sarda Fossataro - Cagliari 1969.

 

Ultimo aggiornamento Sabato 24 Maggio 2008 19:36
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):