Home » Eventi » Alla scuola media: una mostra per rivisitare il passato

Immagini del paese

Murrone janas 7.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 6446322

Notizie del giorno

 
Alla scuola media: una mostra per rivisitare il passato PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 18
ScarsoOttimo 
Scritto da Carlo Patatu   
Lunedì 25 Maggio 2009 16:09

Una rassegna che ci riporta al passato attraverso lingua, storia, scienza e arte

Hanno rivisitato il passato praticando percorsi originali: la lingua sarda, le memorie dei nonni, l’arte figurativa, lo studio del territorio. Ma anche curando la raccolta di strumenti e sussidi didattici che, all’avanguardia appena vent’anni fa, oggi sono ormai oggetti da museo. Un lavoro di ricerca che raccoglie la sintesi dell’attività svolte, nel corso dell’anno che va a concludersi, dalle tre classi della scuola media di Chiaramonti. E che è stato esposto in una mostra inaugurata sabato scorso.


Gli insegnanti di lettere Mario Marcia e Maria Arras, di matematica e scienze Giovanna Cesaracciu, d’educazione artistica Silvana Paglietti e di educazione tecnica Graziella Arru hanno guidato gli studenti in questo percorso a ritroso nel tempo. E quindi nella realizzazione di un prodotto interessante e significativo. Sia per quanto attiene alle arti figurative che alle scienze e alla produzione letteraria. In italiano e in limba.

Coi loro disegni, realizzati utilizzando tecniche le più disparate, i ragazzi si sono ispirati ai geroglifici egiziani, all’arte gotica, a quella fenicia e romana, all’espressionismo. La riproduzione e riprogettazione di celebri vetrate di altrettanto celebri cattedrali hanno conseguito risultati di tutto rispetto. Del che i ragazzi vanno molto orgogliosi. Come pure la loro insegnante di educazione artistica.

Un opuscolo interessante, redatto in lingua sarda e corredato da molte immagini, raccoglie dati e notizie sul nostro territorio e sulle consuetudini di vita nel presente e nel passato. Tanti pannelli illustrano vicende legate al rispetto dell’ambiente in questa regione. Ma non basta: il lavoro dei ragazzi è stato integrato bene dall’apporto di genitori e nonni. Che, partecipando al concorso “Ricordi di scuola”, hanno raccontato episodi e fatti curiosi vissuti a scuola negli anni Cinquanta e Sessanta del Novecento. Tre di questi lavori sono stati premiati e figurano esposti in bacheca.

Infine, la raccolta di strumenti scientifici, sussidi didattici e apparecchiature già utilizzate in segreteria. Si tratta di apparecchi radio, telefoni, macchine per scrivere e da calcolo, fotocopiatori, lavagne luminose e rudimentali proiettori per diapositive, una macchina per cucire a pedale. Roba da Jurassik Park, pur se prodotta negli anni Ottanta. Fra gli strumenti, una tastiera e uno schermo del mitico pc Commodore 64. Il tutto ordinato in due capienti espositori nuovi di zecca.

I docenti lo sanno bene: la scuola del fare è quella preferita dai ragazzi. Che vedono l’impegno giornaliero concretizzarsi in qualcosa di palpabile. E che altri possono vedere e toccare. Insomma, lo svolgimento di un’attività che ha come risultante un prodotto che si valuta subito e che, nel bene e nel male, può essere sottoposto al giudizio e al godimento della comunità. Nel rispetto dell’ormai celebre assioma secondo cui “se sento dimentico, se guardo ricordo, se faccio capisco”.

 

Per visitare la nostra galleria d'immagini, cliccare qui.

Ultimo aggiornamento Sabato 01 Agosto 2009 00:39
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):