Home » Limba Sarda » Truddaju Bainzu » Bainzu Truddaju: Su primu chentenario de sa cheja mazore de Zaramonte

Immagini del paese

Chiaramonti panorama 3.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 4931109

Notizie del giorno

 
Bainzu Truddaju: Su primu chentenario de sa cheja mazore de Zaramonte PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 13
ScarsoOttimo 
Mercoledì 27 Maggio 2009 22:08
Questa poesia è stata composta nel 1988, per celebrare il primo centenario della edificazione della nostra chiesa parrocchiale, intitolata a San Matteo apostolo ed evangelista. Su progetto dell’ingegnere sassarese Domenico Cordella, la chiesa fu costruita grazie ai finanziamenti derivanti dal legato Tedde e al termine di una lunga vicenda che vide contrapposti lo Stato e la competente sede vescovile.
La nuova parrocchiale sostituì quella originaria, che sorgeva sul colle omonimo di San Matteo e di cui oggi restano i ruderi, insieme ai resti della torre del castello fatto edificare, probabilmente nel XIII secolo, dalla nobile e potente  famiglia genovese dei Doria.
La chiesa, costruita sull’area in cui all’epoca c’era l’oratorio di Santa Croce, fu consacrata solennemente dall’arcivescovo di Sassari Diego Marongiu Delrio il 16 Settembre 1888.
Per celebrare degnamente quel centenario, l’allora parroco don Giovanni Antonio Tilocca, insieme al Comune, alla Scuola e alla Pro Loco, mise su un programma di manifestazioni di grande rilevanza religiosa, culturale e d’intrattenimento.
Al coro su unì anche Bainzu Truddaju con la poesia che segue. (c.p.)

Oe est in festa su paese meu,
ca giompet oe chent'annos de vida
sa cheja' de S'Apostulu Matteu.

Si est movimentada e riunida
sa 'idda onorende custa data,
ne mai in festa gai si fit bida.

In nomen de Matteu isteit fatta
de Zaramonte sa cheja mazore
in su coro 'e sa 'idda, in sa piatta.

Su tattaresu piscamu 'e valore,
chi fit Diegu Maronzu Delriu,
tent'hat de cunsagrarela s'onore.

Chent'annos como in s'unda 'e su riu
custa barca 'e su grand'evangelista
post'hat timone santu in su naviu.

Prima sa cheja posta fit in crista
de s'antigu casteddu de sos Dorias,
chi de totta S'Anglona fit in vista,

inue b'hat tristissimas memorias
de sa cheja, de tumbas, de osseras
e oscuras leggendas e istorias.

Poi rigores de atmosferas,
fulmines, tronos, saetas e lampos
chi pioian da-e sas aeras

no b'han lassadu 'e vida pius iscampos
pro custa cheja in punta 'e su monte
e si fit dirochende a mannos giampos.

Tand'appuntu sa 'idda 'e Zaramonte
su milli e ottighentos ottant'otto,
seighi 'e cabidanni alzat sa fronte

a' custa cheja noa e narrer potto
si pintore de giudu istadu fia
che Cimabue, Rafaello e Giotto

t'haia ricramadu, 'idda mia;
ma si no fatto similes acuistos
azzetta cust'umìle poesia

pro sa domo 'e s'apostulu 'e Cristos.


Zaramonte, 16 de Cabidanni 1988.
Ultimo aggiornamento Giovedì 28 Maggio 2009 13:20
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):