Home » Archivio - Chiaramonti Notizie » Comune » Ecco il giardino orfano dei tre pini

Immagini del paese

campanile2.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 8314894

Notizie del giorno

 
Ecco il giardino orfano dei tre pini PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 25
ScarsoOttimo 
Scritto da Carlo Patatu   
Lunedì 06 Luglio 2009 13:01

A sostegno della sua tesi favorevole all'abbattimento dei tre pini storici del nostro giardino pubblico, Gian Mario Ruiu ci ha inviato le foto che pubblichiamo.

Grazie a una simulazione, le foto illustrano a sufficienza come si presenterebbe quel fazzoletto di verde attrezzato senza i tre alberi storici di cui abbiamo trattato qualche giorno addietro. E che la giunta municipale ha deciso di abbattere.

Come si può rilevare, l'area interessata apparirebbe del tutto inondata dal sole e priva della volta verde che ora produce ombra. E, grazie agli storni, anche montagne di sterco maleodorante. Che, così sostiene Gian Mario Ruiu, scomparirebbe in virtù dell'intervento di un'accetta provvidenziale. Gli storni, dice lui, andrebbero a cercarsi asilo altrove. Del che noi, sbagliando forse, continuiamo a diffidare non poco.

Ma, al di là di questo, ci pare opportuno mettere in evidenza che, così come aveva scritto una ragazza paragonando la scomparsa di un giovane amico alla morte di un pino, l'eventuale abbattimento dei tre alberi lascerebbe un vuoto nel cielo. E, quel ch'è peggio, un vuoto anche nella memoria storica dei chiaramontesi.

Ultimo aggiornamento Lunedì 06 Luglio 2009 13:37
 
Commenti (3)
Tzilibriu
3 Mercoledì 24 Novembre 2010 20:25
peri52

Navigando negli articoli e commenti, ho letto che qualcuno aveva già consigliato i rapaci per risolvere il problema degli stormi sui pini rendendo l'ambiente indecoroso. Mi ricordo che anche sotto la volta della grotta di Codinarasa faceva il nido il falchetto. Se questo non c'è più, si potrebbe spiegare gli odori che gli uccelli lasciano nei giardini. Penso che non riuscirò mai a leggere tutto quello ch'è pubblicato in questo sito, così pieno di argomenti interessanti. Vecchi e nuovi. Sono argomenti molto approfonditi e significativi. Comunque l'idea è quella giusta solo perché la strada è quella per andare a Santa Giusta.


Qui Milano, inviato speciale famiglia Patatu saluta tutti i naviganti


Salvatore


---


Procedi con calma nell'esplorazione delle pagine di questo sito e dei relativi contenuti. Non farne un'indigestione. Per quanto attiene a su tzilibriu, esso è pressoché scomparso. Tant'è che, quando ne compare qualcuno librandosi nel cielo a prendere il vento, ci meravigliamo un po' tutti e lo osserviamo con grande interesse e curiosità. E pensare che, quand'io ero bambino, quello era un uccello di nessun valore; e noi, quando se ne presentava l'occasione, lo prendevamo ancora implume dal nido, allevandolo in casa e nutrendolo con lucertole e topolini. Che allora abbondavano anch'essi. Ciao. (c.p.)

Rapaci
2 Domenica 21 Novembre 2010 23:43
peri52
Mi preocuppo, quando devo fare un commento su un tema datato "luglio 2009". Comunque per me rimane nuovo. Non avendo notizie aggiornate sul caso non risolto, spero, così posso esprimere un suggerimento. Quando nel lontano 1960 vivevo ancora a Tzaramonte, il paese più bello del mondo", affermazione che dico ancora oggi, quando mi chiedono, dove sei nato? Non preocupatevi cari naviganti, di questo sito della grande Famiglia Patatu, arrivo al sodo. Andando alla festa di Santa Giusta, a piedi, attraversando le campagne arrivavo in un punto su una collina, praticamente circa a metà strada, si trova una piccola Chiesa, abbandonata, così sentivo dire. In questo luogo trovavo sempre un nido di falchetto e in questo nido trovavo sempre i piccoli del falchetto. Il nido si trova nella parete a ovest, a circa 3 metri da terra. Mi arrampicavo sempre per vedere i piccoli del falchetto e, quando loro mi vedevano, venivano sempre verso di me e mi beccavano, ma non facevano male perché erano piccoli, erano ricoperti di piume bianche, soffici, bellissime. Pensando che loro potessero aver fame, andavo a caccia di lucertole con la fionda, ne prendevo qualcuna e la portavo al nido. Dovevate vedere come le divoravano. So per certo che negli aeroporti ci sono i falchi addestrati dai falconieri, per tenere lontano gli uccelli che volano in vasti storni come, piccioni e altri volatili. Potrebbe essere l'idea giusta?


Salvatore inviato speciale Famiglia Patatu saluta tutti i cittadini che si trovano in bidda e gli speciali inviati nel mondo.
Tagliare i pini
1 Venerdì 10 Luglio 2009 08:21
Tore Patatu

Mi riferisco al commento di Gian Mario Ruiu, col quale spiega i vantaggi che si otterrebbero nel tagliare i famosissimi pini. Ne dimentica, però, uno e non di lieve importanza. Col taglio dei pini, infatti, la nostra giunta potrebbe concorrere al Premio Attila che viene assegnato annualmente dal circolo di Legambiente di Gallarate, a chi si distingue per aver provocato danno grave all'ambiente. L'anno scorso è stato assegnato al sindaco di Gallarate Nicola Mucci. Ma la giuria aveva votato all'unanimità di assegnarlo anche all'ex assessore di Roma Simeoni che aveva fatto costruire una rotatoria, limitando lo spazio del prato verde, in Piazza Risorgimento. Qualcuno, nell'occasione, per accontentare più concorrenti, propose l'istituzione del premio Gargamella, noto personaggio dei fumetti, "famoso per le sue trovate ed invenzioni estemporanee che inevitabilmente non raggiungono gli obiettivi prefissati". Vincere uno di questi premi, per la nostra giunta, e per i chiaramontesi, non sarebbe male. Chiaramonti salterebbe agli onori della cronaca nazionale. E così, al "Chiaramonti ladro", si aggiungerebbe "Chiaramonti barbaro". Era ora di cambiare appellativo. Che ne dite?
Se può servire, per aiutare a riflettere, vorrei ricordare quanto scalpore e quanta indignazione destò nei chiaramontesi il taglio dell'albero da parte dell'ANAS nella zona di Litu. Si trattava di un solo albero, non di tre. E non era neanche storico. Allora la popolazione insorse a tal punto che qualcuno aveva manifestato propositi di vendetta (Eh i vecchi chiaramontesi di una volta) nei confronti dei responsabili. Io, che allora ero sindaco, pretesi ed ottenni una lettera di scuse da parte dell'ideatore del progetto e dei dirigenti dell'ANAS, che è conservata ancora agli atti del comune o, almeno, lo spero.
"Meditate, gente... meditate..."

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):