Home » Limba Sarda » Patatu Salvatore » Salvatore Patatu: Su casteddu de Tzaramonte

Immagini del paese

Chiaramonti Sos Pinos anni '20.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 6351644

Notizie del giorno

 
Salvatore Patatu: Su casteddu de Tzaramonte PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 27
ScarsoOttimo 
Venerdì 10 Luglio 2009 19:51

Il sonetto che segue, scritto a Roma, è già stato pubblicato nel mio libro "Contos de s'antigu casteddu". Aspettavo, da più di un'ora, di essere ricevuto da un funzionario della Cassa per il Mezzogiorno, cui avevamo richiesto un contributo per restaurare e consolidare i resti del Castello, che stava letteralmente cadendo a pezzi. Da questo funzionario ero già stato l'anno prima; e l'anno prima ancora e, come al solito, mi aveva rimandato al bilancio del prossimo anno, dicendomi anche di tentare col Ministero.

Io ero stato, con Stefano Pinzuti instancabile accompagnatore, anche al Ministero, tutte le volte, e, sempre, mi avevano detto che era più facile con la Cassa per il Mezzogiorno. Insomma, unu che l'imbolaiat in palas de s'àteru. Mentre aspettavo, un po' prevedendo le risposte, scrissi di getto questo sonetto.

 

Collocadu in mesu a sas cudinas,
tra umbras de pantàsimas in bolu,
ispraminadu in crastos e ruinas,
casteddu, ses restadu tristu e solu.

Canes, arreminzende in sas ispinas,
umpare a su noturnu tzirriolu,
disturban su reposu e su consolu,
a sos eroes de bonas raighinas.

Mill'annos testimonzu 'e tziviltade
istadu ses pro s'ìsula intrea.
Como, solu misèria e povertade

dominas dae s'altu ei sa pelèa
de sa Sardigna, chi, nobilidade,
furadu l'an pulìticos de chèa.


Roma, anticamera della Cassa per il Mezzogiorno, 1978

Ultimo aggiornamento Sabato 11 Luglio 2009 12:58
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):