Home » Archivio - Chiaramonti Notizie » Chiaramonti Al Caffè » La vignetta: m'imbizzas e mi lassas!

Immagini del paese

comune vecchio1.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 8444738

Notizie del giorno

 
La vignetta: m'imbizzas e mi lassas! PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 36
ScarsoOttimo 
Venerdì 31 Luglio 2009 14:06

Gian Mario Ruju ci manda questa vignetta, che pubblichiamo volentieri. Ma con una precisazione: sa 'ucca, pro chie cheret, no ada a esser tappada. Infatti, chiusa la sezione "Chiaramonti notizie" per i motivi che sappiamo, resta pur sempre aperta quella intitolata "Parliamo di...". Pertanto, chiunque potrà intervenire su quel che gli parrà. Noi pubblicheremo puntualmente messaggi, articoli e quant'altro possa riguardare il nostro paese e tutti quei fatti che, anche indirettamente, possono riguardarlo.

Resta ferma la condizione di firmare sempre i contributi da pubblicare. Se poi gli interessati desiderano comparire pubblicamente con uno pseudonimo, noi rispetteremo la loro volontà. Ma, ai responsabili del sito deve risultare chiaro, con tanto di nome e cognome, chi entra nel nostro salotto virtuale. Diversemente, resterà fuori dalla porta. Come accade a Superciuk. (c.p.)

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 31 Luglio 2009 14:21
 
Commenti (1)
Il silenzio degli innocenti
1 Domenica 14 Novembre 2010 02:12
peri52
Sono stato invaso da molteplici pensieri. Prima di tutto, scusate il ritardo. Per me che sono un giovane navigatore di questo sito, della grande famiglia Patatu. Tutto ciò che leggo per me rimane attuale, è come se fosse successo ieri. Allegorica la vignetta, molto bella. Se guardo la vignetta da sinistra verso destra, vedo lo stemma della nostra regione Sardegna che si abbassa la benda per guardare, si guardano negli occhi per dire qualcosa. Ahime' siamo di nuovo imbavagliati. Se guardo la vignetta da destra verso sinistra, vedo immensi spazi, per commentare liberamente, un articolo pubblicato in questo sito della Famiglia Patatu, che ringrazio immensamente per avermene dato la possibilità. A chi, come me, ha poco tempo per pensare e scrivere tematiche importanti, rimane il privilegio di commentare, sempre con educazione, e rispettoso verso chi legge e scrive argomenti importanti. Come dicevo, sono stato invaso da molteplici pensieri. La difficoltà per me è descriverli che abbiano un senso logico, quindi cari naviganti portate pazienza. Non so scrivere in Sardo, faccio fatica a leggerlo, però capisco il senso di quello che leggo anche se scritto in lingua Sarda. Adesso andiamo in Grecia, Atene. Culla della nostra civiltà e cultura. Visita di tre giorni. Per la prima volta in vita miaho provato una sensazione di benessere. Il terzo giorno di permanenza è come se facessi parte di quella natura. Avevo dimenticato il lavoro, i parenti i figli, la moglie no perché era lì con me. Cosa mi ha indotto a questa sensazione? La televisione sempre accesa, programma nazionale della Grecia. Musica e balletti, assonanza uguale alla musica Sarda, balletti, "su ballu tundu". Dopo ogni esibizione applausi di 5 minuti. Ho capito perché mi sentivo a casa mia, respirando aria di democrazia, quella vera. Sapendo che, la mia libertà finisce quando inizia la libertà dell'altro. Vorrei tanto usare espressioni forti, tipo Sgarbi, ma il rispetto e la buona educazione ricevuta, mi impediscono d'essere volgare.


Buona sera per tutta la sera. Salvatore quel de Milan

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):