Home » Archivio - Chiaramonti Notizie » Chiaramonti Al Caffè » Carlo Patatu - Scuola, Chiesa e Fantasmi

Immagini del paese

Chiaramonti panorama 1.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 4743322

Notizie del giorno

 
Carlo Patatu - Scuola, Chiesa e Fantasmi PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 66
ScarsoOttimo 
Mercoledì 12 Marzo 2008 15:17

di Mauro Tedde

Fermare i ricordi e per ognuno di essi realizzare un ritratto, magari ricostruendo a posteriori le tante lezioni che la vita di un paesino, in questo caso della Sardegna più "intima", può dare. Questo sembra voler fare Carlo Patatu quando, liberando la sua incontenibile passione per la scrittura e per il racconto, cerca e trova cose grandi là dove nessuno va mai a scavare.

Dentro episodi o fatti solo apparentemente marginali, in personaggi solo apparentemente minori e poco conosciuti. Fatti, personaggi e valori che, nel bene e nel male, sono stati la nostra storia, la storia dei nostri padri e dei nostri nonni. Storia che non può più essere affidata alla memoria, che si tramanda attraverso la voce, ma deve essere riportata sulla carta prima che scompaia del tutto. L'ultimo lavoro di Carlo Patatu s'intitola "Scuola, chiesa e fantasmi - l'educazione di un laico chiaramontese", dato alle stampe in questi giorni per le edizioni Gallizzi.

Carlo Patatu è una figura molto conosciuta non solo in Anglona, dove ha operato per 45 anni nel mondo della scuola, prima come docente e poi come dirigente scolastico, e di cui per oltre trent'anni ha raccontato le vicende sulle colonne de "La Nuova Sardegna".

Dopo i vari saggi sul "Lunissanti" e sulla Confraternita di Castelsardo, sul celebre bandito Giovanni Fais e sulle "Cronache" di Giorgio Falchi, ora Patatu si cimenta in un testo di memorialistica improntato alla nostalgia degli anni della sua infanzia, della sua gioventù. "Ogni sessantenne potrebbe, in teoria, realizzare un lavoro di questo genere - scrive Giuseppina Battaglia nella prefazione del libro - ma non tutti sarebbero in grado di dare dignità letteraria al loro lavoro. Ciò che fa la differenza in questo scritto di Patatu è la pungente ironia che lo sostiene, che si fa sarcasmo duro e aspro soprattutto nell'affrontare i temi legati agli atteggiamenti poco caritatevoli della Chiesa di quegli anni".

La capacità d'interpretare e sintetizzare con grande capacità giornalistica e culturale i personaggi che, più nel loro piccolo, sono stati fondamentali per l'educazione di un fanciullo, fa sì che il racconto non resti chiuso all'interno di una limitata dimensione provinciale, ma si elevi come parte di un processo più ampio, dove la vita del paese è anche la vita del paese-Italia. Il piccolo mondo circoscritto di Chiaramonti, le ristrettezze della vita quotidiana, i problemi del lavoro si mescolano alle notizie che arrivano da lontano e ai personaggi, di cui si narrano le gesta, paesani o "continentali" che siano, che ruotano attorno alle vicende.

"Scuola, chiesa e fantasmi" - scrive ancora Giuseppina Battaglia - è un affresco di paese composto come un puzzle, attraverso episodi drammatici o comici".

da La Nuova Sardegna di martedì 12 marzo 2008, pagina 28

Le foto: in alto, la copertina del libro; a destra, Carlo Patatu

Ultimo aggiornamento Martedì 11 Novembre 2008 19:27
 
Commenti (4)
Sogni lontani
4 Lunedì 25 Aprile 2016 17:13
emilien malta 3r figuiere o41oo manosque

Quel libro che ho avuto da Marie José sono ameno tre volte che lo leggo. Siccome in settimana vado al circolo dei vecchi, o meglio anziani, così ero sempre disturbato per dirvelo che ce l'ho.


Baci a tutti voi e se incontrate Filippo Ruiu datene un grosso ma grossooooooo da ricordasi di me.


Mimia. Spero a presto in paese, se tutto va bene.


---


Caro Compare, mi fa piacere apprendere che la lettura di storie del nostro paese vi procura gioia; ma anche un po' di malinconia. Siamo anziani, come dite; pertanto i ricordi si rincorrono.


Ho portato il vostro messaggio a Filippo, che ricambia con affetto. Ovviamente vi ricorda sempre con simpatia. D'altra parte, come non potrebbe?


A presto, dunque, se, come mi pare di capire, avete intenzione di fare una rimpatriata. Saremo felici di riabbracciarvi. (c.p.)


 

Un amico un tesoro
3 Lunedì 24 Gennaio 2011 00:53
peri52
Lo dicevano gli antichi Saggi, chi trova un amico trova un tesoro. Sono onorato di essere considerato un amico del mio Maestro, Dottor Carlo Patatu.


Buone notizie, ho ricevuto il plico con i libri. Come al solito, ci mancava che non fosse così, mi sono emozionato. Complimenti, Maestro, la scrittura è piacevole, crea molto spesso la sensazione di essere partecipi ai fatti descriti, che solo la grande scrittrice Grazia Deledda sapeva suscitare. Grazie Maestro


Salvatore quel de Milan, inviato speciale Famiglia Patatu saluta tutti gli amici
Scuola Chiesa e fantasmi
2 Domenica 09 Gennaio 2011 21:11
peri52

Buona sera per tutta la sera. Ho notato che il sito risulta molto attivo. In questi giorni di festa ho visitato pagine storiche del sito, mi chiedevo se fosse il caso di intervenire con qualche commento, considerando interessante l'argomento. Poi, devo essere sincero, ho cercato in tutte le librerie di Milano, non si trovano, non si possono prenotere, qualche libraia, molto gentile, mi ha consigliato di andare a Genova, che li potevo trovare qualcosa, sono andato a Genova in occasione di lavoro, ho cercato anche a Genova, niente non si trovano, e non si possono prenotare. "Balle" sono andato a Genova di propposito per cercare i libri scritti del mio Maestro, Dottor Carlo Patatu, mosso a pietà mi faccia pervenire "chi a Milan al me Indiris" almeno due, uno e il titolo del commento, l'altro a suo gradimento....


Grazie Maestro.


Un saluto alla vechia maniera con vera ammirazione e stima Salvatore quel de Milan inviato speciale Famiglia Patatu


---


Caro Tore, non hai trovato i miei libri, né li troverai altrove in vendita, per il semplice motico che li ho stampati in numero di copie limitate da regalare agli amici. Per mia scelta, non li ho mandati in libreria. Si tratta di lavori da me portati avanti e dedicati al mio paese e alla sua gente. E poiché fra fli amici ci sei anche tu, ho già provveduto, da circa una settimana o poco più, a spedirtene copia al tuo indirizzo di Milano. Se ancora non li hai ricevuto è perché le Poste, che funzionano solitamente non bene, durante le festività natalizie entrano in tilt. Abbi fede: a breve, il postino busserà alla tua porta e ti consegnerà il mio plico.


Buona letttura e saluti affettuosi. (c.p.)

Educazione laica di un fanciullo di Chiaramonti
1 Sabato 05 Luglio 2008 00:46
SODDU Ottavio
Caro Carlo,
come posso avere una copia del tuo libro?
Ciao, Ottavio

---

Te lo spedirò a casa, se mi farai avere il tuo indirizzo. Il libro non è in vendita. L'ho stampato per farne omaggio ai chiaramontesi e agli amici. Quindi, anche tu sei nella lista. Speravo di poterti incontrare a Chiaramonti.
Un abbraccio.
Carlo

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):