Home » Limba Sarda » Varie » Ignazio Sanna: Mèngu di mari

Immagini del paese

p.repubblica6.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 7713205

Notizie del giorno

 
Ignazio Sanna: Mèngu di mari PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 10
ScarsoOttimo 
Domenica 20 Settembre 2009 19:29

1° classificato al premio di Poesia “Santu Mateu” – Chiaramonti 2009

Grazie alla segnalazione cortese dell'autore, abbiamo provveduto a correggere uno svarione contenuto nel titolo dell'opera vincitrice del primo premio del concorso "Santu Mateu", sezione "poesia sarda".

Avevamo scritto 'Entu invece che Mèngu. Fra l'una e l'altra voce vi è una bella differenza. Ce ne scusiamo con Ignazio Sanna. Unica attenuante, per noi, la pessima acustica della nostra chiesa parrocchiale.

Pubblichiamo volentieri il testo completo della composizione di Ignazio Sanna, non mancando di ringraziarlo per avere rinverdito circostanze della nostra comune stagione giovanile. A testimonianza di un'antica frequentazione nell'ambito di un gruppo di amici, giovani allora di belle speranze e pertanto impegnati sia in politica che nel sociale. Grazie, caro Ignazio, per averci riportato indietro negli anni. A rivisitare tempi felici, che non lasciavano ancora intravedere le malesorti e le vicissitudini, non sempre piacevoli, che la vita ci avrebbe poi riservato. (c.p.)

 

Mèngu di mari

 

Culthivu frutti di mari e li rigaru...

Cu la méa barcha da la véra bianca

tèndu la randa abà ch'è giunta séra    

affundèndi e dèndi vóltha l'òndi azzurri

comu un assulchadòri cu' la tèrra.

Si è luna bòna m'appròntu a siminà:

n' accógliu isthèlli da zéru e poi l'ipagliu

inciarèndi lu mèu campu trimuranti

di sèmini d' isthèlli che lu granu.

Che fògghi di lu mezzaòsthu

paimmi di prata crésciarani

da li dòzzi indattari di ròcca,

da rigarà  a ca ha incucciaddu mari gròssu

affarrèndisi cun pòipi che muntagni,

cun draghi da li simbianti umani,    

e abà aisétta lu chiétu e lu sirènu.

Cussì, cumènti in terra, paru paru!

Pa chissu vògliu assè mèngu di mari:

aggi' auddu lu digógliu e lu misthrari

affruntèndi a dènti isthrinti l' òndi,

affundèndi a mara gana li  rimpianti.

Inde un gòzzu di résina di pièntu

abà navigu cu' la méa sirèna;

m'incanta lu so cantu

e fazi sì, s'aggiu la mènti isthracca,  

ch' eu no zi làmpia l'ulthimi illusiòni

chi mi résthani abà ch'è giunta séra:

li me' isthèlli di mari.

       

Traduzione dal sassarese

Contadino del mare                 

Coltivo frutti di mare e li regalo.../ Con la mia barca dalla  vela bianca /tendo la randa ora ch'  è giunta sera /affondando  e rovesciando le onde azzurre /come un assolcatore con la terra. /Se è luna buona mi appresto a seminare:/raccolgo stelle dal cielo e poi le spargo /rischiarando il mio campo tremolante /di semi di stelle come il grano./Come fuochi di ferragosto /palme d'argento cresceranno / dai dolci datteri di roccia, /da donare a chi ha incontrato il mare grosso / lottando con polipi giganti, /con draghi dalle sembianze umane, /ed ora attende il sereno e la quiete. /Così, allo stesso modo, come in terra. /Perciò del mare voglio esser contadino: /ho incontrato il maestrale e la tempesta /affrontando le onde a denti stretti, /affondando i rimpianti con fatica. /In un gozzo di resina di pianto /ora navigo con la mia sirena; /il suo canto m' incanta /e fa sì, se la mènte ho stanca, /ch' io non getti le ultime illusioni /che mi restano ora ch' è giunta.

 

Ultimo aggiornamento Domenica 20 Settembre 2009 20:30
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):