Home » Eventi » Ricordando i chiaramontesi caduti in guerra

Immagini del paese

Istradone1.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 8450480

Notizie del giorno

 
Ricordando i chiaramontesi caduti in guerra PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 12
ScarsoOttimo 
Scritto da Carlo Patatu   
Sabato 31 Ottobre 2009 13:28

La ricorrenza del 4 Novembre, giornata dedicata alle Forze Armate, sarà celebrata in tutta Italia. E quindi anche a Chiaramonti.

Per consuetudine, il sindaco, accompagnato dai consiglieri comunali e dai carabinieri della locale stazione, in mattinata presenzierà alla messa celebrata in parrocchia con bandiere e gonfalone del Comune.

Quindi deporrà sul monumento ai Caduti una corona di fiori e darà lettura del bollettino della vittoria. Dopo di che procederà all'appello dei chiaramontesi morti in combattimento o per causa di guerra. All'appello, è d'uso che i presenti rispondano a voce alta: presente! In luogo di ciascun caduto. (c.p.)

---

Bollettino della Vittoria

La guerra contro l'Austria-Ungheria che, sotto l'alta guida di S.M. il Re, duce supremo, l'Esercito Italiano, inferiore per numero e per mezzi, iniziò il 24 maggio 1915 e con fede incrollabile e tenace valore condusse ininterrotta ed asprissima per 41 mesi, è vinta.

La gigantesca battaglia ingaggiata il 24 dello scorso ottobre ed alla quale prendevano parte cinquantuno divisioni italiane, tre britanniche, due francesi, una czecoslovacca ed un reggimento americano, contro settantatre divisioni austroungariche, è finita.

La fulminea e arditissima avanzata del XXIX Corpo d'Armata su Trento, sbarrando le vie della ritirata alle armate nemiche del Trentino, travolte ad occidente dalle truppe della VII armata e ad oriente da quelle della I, VI e IV, ha determinato ieri lo sfacelo totale della fronte avversaria. Dal Brenta al Torre l'irresistibile slancio della XII, della VIII, della X armata e delle divisioni di cavalleria, ricaccia sempre più indietro il nemico fuggente.

Nella pianura, Sua Altezza Reale il Duca d'Aosta avanza rapidamente alla testa della sua invitta III armata, anelante di ritornare sulle posizioni da essa già vittoriosamente conquistate, che mai aveva perdute.

L'Esercito Austro-Ungarico è annientato: esso ha subito perdite gravissime nell'accanita resistenza dei primi giorni e nell'inseguimento ha perduto quantità ingentissime di materiale di ogni sorta e pressoché per intero i suoi magazzini e i depositi. Ha lasciato finora nelle nostre mani circa trecentomila prigionieri con interi stati maggiori e non meno di cinquemila cannoni.

I resti di quello che fu uno dei più potenti eserciti del mondo risalgono in disordine e senza speranza le valli che avevano disceso con orgogliosa sicurezza.

Comando Supremo, 4 novembre 1918, ore 12.

Firmato: Armando Diaz, generale capo di stato maggiore dell'Esercito

---

Elenco dei soldati chiaramontesi caduti in guerra:

Morti nella 2a Guerra d'Indipendenza - 1859:

Soldato Pietro Sale Fresi

Morti nella 3a Guerra d'Indipendenza - 1866:

Soldato Andrea Pitoto Casu

Morti nella Guerra d'Africa - 1896:

Capitano di Fanteria Cossu Salvatore, ucciso nella battaglia di Adua (Eritrea) il 1. Marzo 1896, ufficiale addetto al 2. Battaglione. Decorato con medaglia d'argento al valore militare "per avere mantenuto salda la Compagnia al fuoco con calma e ardimento. Ferito, non volle ritirarsi e continuò a combattere finché fu ucciso".

Morti nella 1a Guerra Mondiale - 1915.18:

Appuntato Giovanni Matteo Brunu, medaglia d'argento

Soldato Pietro Cossu, medaglia d'argento

Sergente Carta Salvatore

Caporal Maggiore Giovanni Francesco Perinu

Caporale Giovanni Maria Migaleddu

Caporale Domenico Malta

Caporale Pietro Satta Soddu

Caporale Francesco Scanu

Finanziere Leonardo Vincenzo Satta

Soldato Stefano Addis

Soldato Antonio Brundu

Soldato Antonio Canopoli

Soldato Giacomo Casella

Soldato Bernardino Cossiga

Soldato Giovanni Deriu

Soldato Giuliano Deriu

Soldato Antonio Manchia

Soldato Giuliano Manchia

Soldato Sebastiano Mannu

Soldato Giovanni Maria Pani

Soldato Angelo Puggioni

Soldato Giuseppe Seu

Soldato Giuliano Soddu

Soldato Matteo Uneddu

Dispersi nella 1a Guerra Mondiale - 1915.18:

Caporale Agostino Ruggiu

Soldato Giuseppe Biddau

Soldato Salvatore Lei Spano

Soldato Andrea Lumbardu

Soldato Antonio Luigi Scanu

Soldato Giovanni Scanu

Soldato Giovanni Maria Pisanu

Morti in prigionia nella 1a Guerra Mondiale - 1915.18:

Soldato Celestino Malta

Soldato Paolo Murgia

Soldato Luciano Tedde

Morti per ferite o malattie contratte in combattimento nella 1a Guerra Mondiale - 1915.18:

Soldato Giovanni Luca Budroni

Soldato Eliseo Budroni

Soldato Antonio Luigi Cossu

Soldato Marco Cossu

Soldato Giovanni Pinna

Soldato Matteo Piseddu

Soldato Francesco Soddu

Soldato Giovanni Deiana

Morti in prigionia a seguito della riconquista della Libia - 1922:

Soldato Giovanni Gavino Caccioni, medaglia d'argento

Morti nella 2a Guerra Etiopica - 1935.36:

Soldato Giovanni Michele Mureddu

Morti nella Guarra di Spagna - 1936.39:

Caporal Maggiore Filippo Budroni, medaglia d'argento

Morti per ferite riportate in combattimento nella Guerra di Spagna - 1936.39:

Sergente Andrea Canu

Morti in combattimento nella 2a Guerra Mondiale - 1940.45

Appuntato Finanziere Giovanni Antonio Brunu

Appuntato Carabiniere Giovanni Piga

Carabiniere Giommaria Pulina

Finanziere Giovanni Gavino Tolis, medaglia d'oro alla memoria

Dispersi nella 2a Guerra Mondiale - 1940.45:

Soldato Sebastiano Brundu

Soldato Francesco Budroni

Soldato Nicolò Murru

Soldato Francesco Nela

Soldato Antonio Pinna

Soldato Stefano Solinas

Morti per ferite riportate in combattimento nella 2a Guerra Mondiale - 1940.45:

Soldato Giovannino Cossiga

Finanziere Antonio Lumbardu

Carabiniere Amelio Serra

 

Nota: l'elenco è ufficiale e ci è stato fornito dal Comune, che ringraziamo.

Ultimo aggiornamento Sabato 12 Febbraio 2011 15:24
 
Commenti (1)
4 Novembre alla carbonara
1 Sabato 07 Novembre 2009 21:26
Chiaramontese pignolo

Quattro gatti accanto al monumento ai caduti per la cerimonia del 4 Novembre. Contrariamente a quanto avete annunciato in questo sito, niente labaro del Comune, niente bandiere. E nemmeno la lettura del bollettino della vittoria, né appello per i chiaramontesi caduti in guerra. La cerimonia pare sia stata trasferita in chiesa. Chi ha deciso?

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):