Home » Limba Sarda » Coro "Tzaramonte" » Alla vigilia dell'Epifania, "Cantigos de coros"

Immagini del paese

ch17.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 7154837

Notizie del giorno

 
Alla vigilia dell'Epifania, "Cantigos de coros" PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 10
ScarsoOttimo 
Scritto da Carlo Patatu   
Domenica 03 Gennaio 2010 15:28

 

Via alla rassegna "Cantigos de coros".

La manifestazione, giunta alla 5a edizione, si terrà nella chiesa parrocchiale Martedì 5 Gennaio con inizio alle ore 19,30.

L'iniziativa è frutto di un progetto del "Coro de Tzaramonte", che si avvale della collaborazione della Pro Loco, dell'Ente Musicale di Ozieri, del Coro Parrocchiale e della Confraternita Santa Croce.

Con questo spettacolo pubblico, i coristi chiaramontesi intendono salutare il nuovo anno e porgere gli auguri alla cittadinanza e a coloro che li sostengono e li seguono. Ma la circostanza vuole essere anche un momento di confronto con altre formazioni corali. Che, provenendo da realtà diverse e avendo alle spalle percorsi differenti, contribuiranno ad arricchire la nostra conoscenza del patrimonio musicale isolano.

Quest'anno saranno ospiti graditi il coro "Logudoro di Usini" e il coro "Boghes Noas di Ossi". Ai quali, nella serata, si uniranno il "Coro Femminile" chiaramontese e, ovviamente, il "Coro de Tzaramonte".

Ecco il programma della serata:

Il "Coro Femminile", diretto dal maestro Salvatore Moraccini eseguirà "Ave Maria", musicata dallo stesso Moraccini, "Celeste tesoro" di Pietro Casu e "Ave Maria" tradizionale.

Il "Coro Logudoro di Usini", sotto la direzione del maestro Dario Pinna, eseguirà "Sa giogalza", testo di Nino Fois e musica di Tonino Tedde; "S'aneddu" di Salvatore Nuvoli; "A s'isposa", parole di Antonio Cherchi e musica di Tonino Tedde; "A nostra Segnora", parole di Nino Fois e musica di Tonino Tedde.

Il coro "Boghes noas" di Ossi eseguirà, sotto la direzione del maestro Danilo Pingiori, "S'ainu e su padronu", Fizigheddu", "Innu a sa limba sarda" e "Gosos de Nadale".

Il "Coro de Tzaramonte", diretto dal Maestro Moraccini, proporrà l'ascolto di "Notte de chelu", testo di Pietro Casu e musica di Agostino Sanna: "Sos tres res", canto tradizionale locale; "S'emigradu", parole di Maria Sale, musica di Salvatore Moraccini; "Su ballittu cadenzadu", parole di Bainzu Truddaju e musica di Alessandro Catte.

Naturalmente l'ingresso sarà libero. Pertanto l'invito a partecipare è rivolto a tutti coloro che amano il canto corale tradizionale sardo.




 

Ultimo aggiornamento Domenica 12 Dicembre 2010 14:36
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):