Home » La Tribuna » La Tribuna » La Tribuna: Solidarietà agli operai dell'ALCOA

Immagini del paese

PIC00096.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 11015093

Notizie del giorno

 
La Tribuna: Solidarietà agli operai dell'ALCOA PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 10
ScarsoOttimo 

di Paolo Pulina

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa della FASI, associazione che riunisce i circoli sardi in Italia, a sostegno degli operai dell’ALCOA. I quali sono in lotta per la conservazione del proprio posto di lavoro.

Facciamo nostre le espressioni di solidarietà della FASI, unitamente all’auspicio che le legittime richieste portate avanti da quei lavoratori trovino la giusta considerazione e il dovuto accoglimento presso chi deve e può. (c.p.)

---

Gli emigrati sardi organizzati nell'Italia continentale nei circoli della Federazione delle Associazioni Sarde in Italia (FASI) hanno seguito con crescente preoccupazione l'evolversi della situazione degli operai dello stabilimento dell'ALCOA (fabbrica di alluminio) di Portovesme fin da quando alcuni dipendenti, nel novembre scorso, sono saliti in cima a un silos dello stabilimento nell'area industriale (a circa sessanta metri di altezza dal suolo) per protestare, a nome di tutte le maestranze, contro la prospettiva di chiusura della fabbrica.

Abbiamo apprezzato le parole di solidarietà espresse dal Papa (domenica scorsa, all'Angelus) ai lavoratori dell'Alcoa, che ormai da tre mesi lottano per impedire la fermata della fabbrica, ribadita anche nell'ultimo vertice del 7 gennaio dalla proprietà americana.

La chiusura dello stabilimento dell'ALCOA rappresenterebbe un colpo micidiale al già debole tessuto produttivo del Sulcis-Iglesiente: non a caso al sit-in a Roma hanno partecipato rappresentanti di tutte le fabbriche in crisi del polo industriale di Portovesme: oltre ad Alcoa, Eurallumina, Portovesme srl, Rockwool e Otefal, ex Ila.

Gli emigrati sardi, esprimono la propria solidarietà ai lavoratori in lotta per il diritto al lavoro.

La multinazionale americana deve essere obbligata a sedersi al tavolo delle trattative; non le si può permettere di pensare che la salvaguardia dei suoi profitti dipenda dalla riduzione sul lastrico di alcune migliaia di persone. Tanto più se si considerano gli ingenti aiuti finanziari ricevuti dal Governo Italiano.

In rapporto agli esiti del confronto a Roma tra Governo e azienda, gli emigrati sardi dichiarano la propria disponibilità a mobilitarsi a fianco delle giuste rivendicazioni degli operai dell'ALCOA di Portovesme e delle altre fabbriche in lotta nel Sulcis.

Per la FASI, il responsabile per la Comunicazione Paolo Pulina

 

 
Commenti (3)
gli operai argentini
3 Sabato 06 Marzo 2010 23:16
m.l. canu
oggi h.22.30 su rai sat extra c'è un documentario sulle lotte degli operai in argenina per riprendersi legalmente le fabbriche.
dovrebbero guardarlo gli operai che lottano e farne preziosa esperienza
Quanto ti rimane? Spero ancora molto!
2 Martedì 09 Febbraio 2010 15:01
Salvatore Patatu
Ho sorriso quando ho letto l'osservazione di Claudio e ho fatto a mia volta una constatazione. Oggi aprendo il sito, ho notato, nel luogo indicato da lui, un invito a contattare 50 milioni di utenti e, contestualmente, veniva proposto un “dépliant” illustrativo con tutta una serie di belle ragazze, qualcuna delle quali in abiti lievemente succinti e dallo sguardo ammiccante e provocatorio. Sarà perché, essendo in qualche modo coinvolto nel sito per ragioni familiari sono opportunamente raccomandato? No no, l'osservazione giusta è che c'è chi è fortunato e chi no. “Ritenta, sarai più fortunato un'altra volta”, dice, infatti, un vecchio adagio, spesso, utilizzato dalla pubblicità del gratta e vinci. Si tratta pur sempre "de sa fortuna de Pedru Feghe, chi est mortu"... in brutte condizioni.


In tutti i casi, un mio vecchio amico diceva che, finché certe proposte le vedi e sei in grado di rifiutarle, il problema non esiste.


Ciao, simpaticamente Tore
Quanto ti rimane ?
1 Lunedì 08 Febbraio 2010 21:11
c.c.
Cliccando sul vostro sito, appare in alto, nella striscia riservata agli annunci Google, questa scritta: "QUANTO TI RIMANE ? Clicca quì "
A corredo della inserzione, su sfondo violetto: un teschio e una lapide !
Allegria ! C'è qualcuno dei vostri lettori, che ha risposto al gaudioso invito e funerea curiosità ? Io no ! E' troppo presto comunque...ho da fare !


Cordialmemnte, Claudio.

---

Casco dalle nuvole. Non so proprio di che si tratti. Poiché quello della pubblicità è uno spazio ceduto a Google (che peraltro riconosce al sito un modestissimo contributo, devoluto interamente in beneficenza) non presto attenzione a tali annunci. Nè me ne occupo. Non so dire alcunché circa il caso specifico. Ma vedrò di vederci chiaro, se mi riuscirà. Grazie, comunque, per la segnalazione. Ricambio i saluti. (c.p.)

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):