Home » Limba Sarda » Caccioni Pietro Matteo » Attu de contrizione

Immagini del paese

Ch9.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 7713305

Notizie del giorno

 
Attu de contrizione PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 14
ScarsoOttimo 
Venerdì 19 Marzo 2010 09:35

del sacerdote chiaramontese Pietro Matteo Caccioni

 

Un'altra composizione poetica del Caccioni, ugualmente trascritta da Giorgio Falchi su di uno dei suoi numerosi quaderni. Nei quali non ha mancato di annotare che quel sacerdote scomparve nel 1849. E che nel 1828 lo stesso aveva tentato d'istituire "nel suo paese natio una Pia Casa di educazione per mezzo di due maestre romane...". Ma il progetto non era andato a buon fine per ragioni che il Falchi non ci fa sapere.

Si è limitato a dire che, in attesa che quell'iniziativa si concretizzasse, una delle due maestre romane, certa signora Rosa, si stabiliì a Chiaramonti, dove "per oltre un anno tenne aperta una scuola gratuita d'istruzione e di lavori manuali alle giovinette...". Ma l'opera benefica non durò a lungo, in quanto la "signora Rosa", colpita da male inguaribile, "in pochi giorni tra il compianto dell'intera popolazione cessava di esistere". (c.p.)

---

Attu de contrizione


Troppu malu so istadu

In tota sa vida mia,

Como est rejone chi sia

Lontanu dae su viziu,

Ca' sa die de su giudiziu

Deus mi det giudicare;

Non cherzo pius a pensare

Hapa o no tentazione,

Fuire s'occasione

Chi podet esser peccadu.


Troppu so istadu malu

Currende a s'attropogliada

Milli cosas imbestende,

Hapo curridu su palu

De continu a s'isfrenada

Sempre a Deus offendende;

Est rejone chi m'emende

Et de istare pensende

A sa vida mala mia.

A sa vida mia mala


Et a cosa medas varias

Devo pensare a ogn'ora,

Et cantas nde porto a pala

Cosas istraordinarias

Perdono, nostra Segnora;

Proghi sezis protettora,

Siades intercessora

Pro mi dare lughe et ghia.


Dademi connoschimentu

De rifletter intro de me

In peccadu abborressire,

Custu meu pensamentu

In atteru non l'implee

Si no a Deus servire.

Cum bois mi cherzo unire,

Non cherzo pius divertire

Ca' est mundu de ingannia.


Progh'est mundu trobeale

Chi tardu l'hapo connotu

De s'anima mia ruina,

Non cherzo pius fagher male

Da oe hapo fatto votu

D'osservare sa Dottrina.

Su peccadu est un'ispina

Chi meda zente incaminat

A s'inferru bell'e bia.


Su peccadu est una pena,

Tristos cuddos ostinados

Chi tenet cissa cadena,

Ca' sunt sempre cundennados

Pro tota s'eternidade;

Deus mi nde liberade

Pro chi cussa zeghidade

Non mi si ponzat in via.


(Trascrizione a cura di Giorgio Falchi)

 

Ultimo aggiornamento Domenica 21 Marzo 2010 15:26
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):