Home » Limba Sarda » Brozzu Renzo » Renzo Brozzu - Sa Rosa ammalmiada

Immagini del paese

Ch arcobaleno 1.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 9377925

Notizie del giorno

 
Renzo Brozzu - Sa Rosa ammalmiada PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 14
ScarsoOttimo 
Giovedì 15 Luglio 2010 23:34

 

S'era moderna hat abbertu sa gianna

a nues ch'intzegadu han in s'aera

su sole de sa vida e de s'ispera;

e sa notte est falada in s'adde manna.

 

Es falada sa notte in sa natùra,

ue sun chenz'alenu sos fiores,

ue sun mortos sos cràa benidores,

riccos de disisperu e disaùra.


Ca sos mazzones chi sun chenza coro,

che ambisuas de antiga fama,

suzzan puru su samben de sa mama

pro arrivire a s'intentu issòro.


E gai, sas bruscheddulas marzìdas,

a mizas in sas carres de su mundu,

su 'irde 'eranu tappulan de brundu,

cun gangrenosas profundas feridas.


Feridas chi si curant a iscancos,

de crebacoro sas penas lu mujan.

Cando sas bezzas ch'hat in palas cujan,

atteras nde l'abberin in fiancos.


Rizolos, rios, traìnos e benas,

chi deris fin pintados de incantos,

sun oe isconsolados campusantos,

accolumos de pudidas carenas.


In sas montagnas, in littos amenos,

sa morte b'ispassizat in tottùe;

e dogni tantu finzas calchi nue,

faghet pioer chimicos velenos.


S'intendet sa campana 'e s'agonia

de su mare, chi narat a sos bentos:

"Giughideche in su mundu sos lamentos

de sa martirizada intragna mia".


E pois ch'hazis solu cuss'imprèu

de luare su mundu o ponner fogu,

ammentadebos sempre, in dogni logu,

su chi bos narat custu diciu meu.


"Su mundu est una rosa chi fiorit

e si rinnovat frisca a dogn'albòre:

ma una rosa puru, chenz'amore,

prima s'ammalmiat e poi morit".


Menzione d'onore alla VI edizione del "Cuncursu 'e poesia sarda logudoresa in rima a tema impostu: "Mundu luadu" - Ozieri 1987

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 07 Febbraio 2011 23:53
 
Commenti (2)
Il male
2 Domenica 03 Ottobre 2010 01:39
Peri52
Dal peggiore dei mali, si può trarre la conoscenza di ciò che ci fa soffrire. Non per sempre. Prima di morire passerà quella sofferenza solo perché abbiamo sofferto per quel motivo.


Soffrire per il semplice fatto che qualcuno soffre di una esperienza analoga.


Salvatore quel de Milan
sensibilità!
1 Giovedì 05 Agosto 2010 00:58
Patricia Brozzu
Mio padre è morto, senza potergli dire una parola, senza chiedergli alcune cose! Oggi, avrei voluto che mio padre fosse un vero padre, un padre che coccolasse i suoi figli, che giocasse con loro, che mostrasse il suo affetto. Mi manca tutto questo, oggi soffro... si soffro, avrei avuto bisogno di un vero padre. Non ho potuto vedere la sua tomba, ma per la prima volta l'ho vista qui in questo sito, con una fotografia che io stessa avevo scattato quando lavoravo nella fotografia. Vederlo qui nella sua tomba... sono rimasta scioccata. Sono cresciuta insieme ai miei fratelli senza un vero padre e questo mi fa male, e mi farà male fino a quando moriro'!


Scusate il mio italiano, ma non ho studiato in Italia! Tutto questo puo' sconvolgere certuni, ma è realtà, non è un fumettto!

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):