Home » Limba Sarda » Varie » S'accabadora

Immagini del paese

Castello con croce.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 6591452

Notizie del giorno

 
S'accabadora PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 23
ScarsoOttimo 
Domenica 05 Settembre 2010 12:57

Al Circolo di Carnate a parlare di libri su questa figura inquietante della cultura sarda, compreso il romanzo di Michela Murgia

di Paolo Pulina

Nel pomeriggio di domenica 20 giugno scorso, a Carnate (vicino a Monza), presso i locali in cui si teneva la festa dei Circoli sardi di Carnate e di Monza, su invito dei rispettivi presidenti Giuseppe Fois e Salvatore Carta, tenni una conversazione sulla figura de "Sa femina accabadora". E cioè colei che, chiamata dai parenti, provvedeva a porre fine alle sofferenze del malato terminale colpendolo con una specie di martelletto, con un giogo o, più spesso, soffocandolo con un cuscino.

Nonostante la concomitanza con la partita dei mondiali di calcio Italia - Nuova Zelanda, un nutrito gruppo di soci scelse di soddisfare le proprie curiosità intorno a questa inquietante figura della società sarda di un tempo, su cui si sono accesi i riflettori negli ultimi anni in rapporto al diffondersi a livello di massa del dibattito sulle tematiche dell'eutanasia.

Come avevo specificato, avevo accolto l'invito dichiarandomi disponibile a dare informazioni sulle tante opere di carattere storico o di natura romanzesca che recentemente sono state pubblicate sul tema della donna incaricata in Sardegna di procedere a un'operazione che comunemente oggi chiamiamo eutanasia.

Mi soffermai sulle testimonianze storiche lasciate nell'Ottocento da viaggiatori-scrittori stranieri e italiani (gli inglesi William Henry Smith, John Arre Tyndale, Robert Tennant e Charles Edwardes; gli italiani padre Giovanni Battista Vassallo, Vittorio Angius, Alberto Ferrero della Marmora, padre Antonio Bresciani e Francesco Poggi) e sui riferimenti a questo personaggio presenti nel romanzo storico "Folchetto Malaspina" di Carlo Varese. Che non è mai stato in Sardegna, ma che è autore anche di un altro romanzo storico di argomento isolano intitolato "Preziosa di Sanluri, ossia i montanari sardi".

Citai la ricerca recente di Alessandro Bucarelli e Carlo Lubrano ("Eutanasia ante litteram in Sardegna. Sa femmina accabbadora. Usi, costumi e tradizioni attorno alla morte in Sardegna", Edizioni Scuola sarda, 2003); l'opera narrativa "L'ultima agabbadora" (editore Il Filo, 2007) di Sebastiano Depperu, giovane collaboratore del Museo etnografico Galluras di Luras, in Gallura (l'unico luogo in cui è custodito un esemplare del "rustico martello di legno di olivastro stagionato" usato da "s'accabadora"); il romanzo di Giovanni Murineddu "L'agabbadora. La morte invocata" (editore Il Filo, 2007); la testimonianza raccolta da Dolores Turchi nel volume (con DVD, edizioni Iris, 2008) intitolato “‘Ho visto agire s'accabadora'. La prima testimonianza oculare di una persona vivente sull'operato de s'accabadora".

Riferii anche dello studio del 2007 di Andrea Satta "La signora della buona morte: l'accabbadora. Riti di morte nella sardegna tradizionale"

(http://www.surbile.net/teca/articoli%20pdf/S'accabbadora_Andrea_Satta_Matriarcato6.pdf).

Dissi dello spettacolo "S'accabbadora" messo in scena anche in alcuni circoli sardi della Lombardia (Gallarate, Vigevano, Saronno) da Silvia Schirru dell'Associazione culturale Anfiteatro Sud.

Lessi qualche brano del romanzo "Accabadora" di Michela Murgia pubblicato da Einaudi nel 2008 (e già vincitore del Premio Giuseppe Dessì di Villacidro) non solo a scopo documentario, ma anche per far capire quanto avvincente fosse il racconto della vicenda della piccola Maria Listru che diventa "figgia de anima" di tzia Bonaria Urrai, una vecchia sarta della quale verrà a conoscere la nascosta attività, diciamo collaterale, evocata nel titolo dell'opera narrativa.

Non so quanti di quelli che erano presenti a Carnate abbiano letto, a seguito del mio invito, l'appassionante romanzo di Michela Murgia. Ora, in ogni caso, essi e gli altri sardi orgogliosi della propria identità isolana hanno un motivo di più per fare questa istruttiva e commovente lettura: garantiscono i giurati del prestigioso Premio Campiello di Venezia che hanno assegnato il massimo riconoscimento 2010 all' "Accabadora" della Murgia.

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 10 Settembre 2010 13:04
 
Commenti (1)
S'Acabadora
1 Giovedì 09 Settembre 2010 18:58
Tore Patatu

Nell’anno scolastico 2001-02, stipulai una convenzione con l’Istituto Comprensivo di Monti per una serie di lezioni sulla scrittura creativa, nell’ambito del progetto biennale “Limba a Teatru”. Aderirono al progetto le scuole Materna, Elementare e Media, non solo di Monti, ma anche dei plessi di Su Canale e di Telti. Alla fine del progetto furono rappresentate otto mie commedie, appositamente scritte, per consentire a una delle classi coinvolte, di partecipare alla XI edizione della Rassegna Internazionale Teatro Scuola, organizzata dalla Comunità Montana Monte Acuto di Ozieri.



Una di queste commedie era intitolata “S’Acabadora”, che i bambini di Mores, l’anno successivo, rappresentarono due volte nella piazza del loro paese in occasione di una festa. La stessa venne riproposta a Ittireddu, nel teatrino comunale, da una compagnia di adulti, guidata dalla regista prof. Marisa Turis. E lo scorso anno scolastico fu rappresentata dalla 3° classe della Scuola Media di Ploaghe, adattata alla situazione, in quanto, quell’anno, la classe aveva un numero elevato di femminucce e un numero piuttosto limitato di maschietti.



Questa edizione ploaghese de “S’Acabadora” è pubblicata su questo stesso sito. La commedia, come accade nei progetti opportunamente predisposti, è scaturita da una ricerca preliminare prevista nel progetto stesso, sulla figura in negativo della donna in Sardegna. Per cui, oltre a s’acabadora, c’era la commedia di Maria Lentolu, Maria Fressada, Sa Filonzana, Sa Tessidora, Sa Medusa ei Sa Mama de su Nie e de sa Biddia.



Il finale della commedia “S’Acabadora”, cui si rimanda il lettore, tiene conto, naturalmente, delle finalità didattico-pedagogiche per cui il testo è stato scritto.



Auguri e complimenti vivissimi alla bravissima Michela Murgia


---


Ci asspciamo anche noi agli auguri e ai complimenti per Michela Murgia. Soprattutto per la lezione di stile che ha dato all'ineffabile Bruno Vespa, durante la cerimonia di premiazione. (c.p.)

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):