Home » Limba Sarda » Soro Giovanni » Giovanni Soro: Timidas oras

Immagini del paese

Chiaramonti panorama 28bis.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 5686118

Notizie del giorno

 
Giovanni Soro: Timidas oras PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 21
ScarsoOttimo 
Sabato 18 Settembre 2010 12:44

(A Pedru Tedde)


Poche parole sul personaggio cui Giovanni Soro ha dedicato questa sua poesia.

Pietro Tedde, più noto in paese come “Pedru Corda”, era un bracciante che, dalla propria casa in via Grazia Deledda, emigrò in Australia negli anni Cinquanta. In cerca di lavoro e di fortuna, come tanti altri. È tornato forse un paio di volte a Chiaramonti; ma io, che pure avevo avuto con lui una buona frequentazione negli anni giovanili, non ho mai avuto occasione di rivederlo.

Giovanni Soro ha avuto occasione d’incontrarlo durante una tournée in Australia col coro “Matteo Peru” di Perfugas. Quel breve incontro, nel corso del quale Pedru non ha mancato di manifestare nostalgia e rimpianto per la Sardegna lontana, ha ispirato questo sonetto, datato 1998.

Colgo l’occasione per salutare quel caro amico che, ormai ottantenne, continua a vivere in Australia. Ciau, Pedru! E tenedi contu! (c.p.)

---

Pedru, ch'in su lontanu logu ch'istas,

narami cantas bias has pensadu

a sa 'idda tua? Has arrejonadu

tando de mannas e notorias conchistas?


Ahi! Timidas oras, prite tristas

pianghides ancora su passadu?

Tue ses inoghe, Pedru istimadu,

a m'allegrare coro e pibiristas:


ses amigu sinzeru e pius de santu

mandas regalos mannos che tesoro

chi intregadu mi tenzo e fittianu...


Rezzi cuntentu un'istrinta de manu

E un'abbrazzu forte de su coro...

Salude epas cantu ti pregas... cantu...


Tzaramonte su 26 de santuaine de su 1998

 

Ultimo aggiornamento Sabato 18 Settembre 2010 12:52
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):