Home » Limba Sarda » Demelas Stefano » Stefano Demelas: Sa limba nostra

Immagini del paese

Castello 17.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 8450456

Notizie del giorno

 
Stefano Demelas: Sa limba nostra PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 38
ScarsoOttimo 
Lunedì 20 Settembre 2010 11:22

In questa poesia, datata 1994, l’autore elenca un bel numero di utensili e arredi della cultura agro-pastorale.

Nella quale egli si è fatto uomo. E che, nonostante abbia cambiato mestiere (ora è imprenditore edile), gli è rimasta appiccicata al cuore e all’anima.

 

 

Quegli attrezzi, di uso comune al tempo della mia adolescenza, oggi sono pressoché scomparsi della nostre case. Sia in paese che in campagna. Di conseguenza, i loro nomi sono spariti dal lessico dei più giovani. Che, ovviamente, si sono abbeverati ad altra cultura. Che privilegia invece le mille macchine infernali del nuovo millennio. Compresa questa di cui io, ora, mi servo per comunicare.

Anche con loro. Sperando di riuscirvi. (c.p.)

---

Pro ch’in d’ogni limbazu b’est s’istoria

gai est pro sa limba sarda puru.

Semus abbandhonendhe a manch’incuru

sa nostra identidade antigoria.


Sa passione a sas cosas antigas

m’est restada in s’intragna da-e minore.

Pius de prima ‘nd’ido su valore,

pro cussu ‘nde signalo pagas rigas.


S’orriu, su fundeddhu, su sedattu,

s’istarellu, sa terza, su truddhone,

su chiliru, in sa mesa su cannone,

incannonendhe pane corriatu.


Cott’in su furru bell’indeoradu

e poi postu in su canistreddhu.

Su chi essiat puntini nieddhu,

cussu fit purile e pagu pesadu.


Tandho giuale, timone e aradu,

frimm’in d’un’oru ‘e su ‘iradolzu;

sa soga, su foete, su puntolzu

in su pezzu a laore semenadu.


Sos loros, sos’amentos, sa sisujia,

su massajiu trataiat serenu.

Sempr’in s’ispera de ‘eranu pienu,

sestende poesias a s’iscujia.


Su fascalzu ‘e mannujios in s’alzola

cun messadolza segados a manu.

Pulid’in terra s’idiat su ranu

e-i sa paza in alto ‘ola ‘ola.


Labiolos, s’aiscu, sa cannada

su pastore teniat in cuile.

Su fogu in sa faddhjia a manzanile,

signale chi fatendhe fit s’intrada.


Custu limbazu l’han fatu bastaldu,

faeddhendhelu est cosa ‘e riere.

Sos mannos mios no ischian’iscriere,

ma intant’imparadu m’han su saldu.


Onoradu no est de tanta musa,

ma lu diffendho, l’ammiro e lu bramo.

Cand’in domo sos caros mios giamo,

mi risponden’a tonos de ichnusa.


Tzaramonte, su degheotto de Majiu de su millenoighentos norantabattoro.

 

Ultimo aggiornamento Martedì 21 Settembre 2010 09:43
 
Commenti (1)
Orgoglio de sa limba
1 Sabato 02 Ottobre 2010 19:12
Peri52
La lingua sarda ai sardi. L'italiano agli italiani. Siamo sardi pur essendo italiani, e siamo italiani pur essendo europei, e siamo europei pur facendo parte di questo mondo attuale. La cultura sarda è tramandata da millenni. La nostra lingua durerà per altri millenni. Nonostante tutto.


Saluti Salvatore quel de Milan

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):