Home » Limba Sarda » Patatu Salvatore » Salvatore Patatu: Fabulas imberrittadas

Immagini del paese

Panorami 2.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 6992884

Notizie del giorno

 
Salvatore Patatu: Fabulas imberrittadas PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 55
ScarsoOttimo 
Giovedì 14 Ottobre 2010 14:10

A partire dal Novembre prossimo, ogni primo giorno di mese pubblicheremo una 'fabula' tratta dal libro di Tore Patatu "Fabulas imberrittadas”, edizioni Laino Libri, Sassari 2000. L'autore vi ha rielaborato, liberamente e in lingua sarda, nove favole di Fedro, Esopo e Lafontaine, ambientandole in diversi paesi dell'Anglona, regione storica della Sardegna settentrionale.

Prima di ciascun racconto, l’autore ha pensato di fare cosa utile riportando, con una brevissima nota, la favola nella sua stesura originale.

Ogni favola è seguita da un questionario, che potrà essere di valido aiuto per chi, dedicandosi all'insegnamento della lingua sarda, volesse utilizzare il libro come antologia.

Seguono poi le traduzioni in italiano della favola originale e di quella imberritada.

A tale riguardo, riteniamo utile, prima di procedere alla pubblicazione de 'sas fabulas', riportare la prefazione con la quale l'autore introduce alla lettura del libro.

Che si apre con questa dedica, a noi particolarmente cara: (c.p.)


Nel ricordo dolcissimo

del mio caro nipote

Giovanni Patatu

che rinnovava il nome

e le virtù di mio padre.

---

Prefassione

Apo pensadu de iscrìere custu lìberu dae paritzos annos como. S'idea m'est bènnida dae cando fia istudente in sas iscolas superiores, chi m'apentaia a fàghere poesias satìricas in Sardu, impitende versos de sos poetes italianos, e latinos puru, pro leare in giru cumpanzos de iscola e professores isgeniados.

Non resessia, però, a cumprèndere ite sensu podiat àere a reduire in sardu sas òberas de sos iscritores mannos Esopo, Fedro e La Fontaine. Apo sempre pensadu chi un'òbera literària devet èssere traduida in àtera limba, pro dare sa possibilidade de leghidura a chie non connoschet sa limba cun sa cale s'òbera est iscrita.

Ma custas folas sunt istadas reduidas in totu sas limbas, Italianu cumpresu. E chie connoschet su Sardu cumprendet bene meda puru s'Italianu, limba in sa cale podet lèzere, si gia non l'at fatu in iscola, sas fàbulas clàssicas. No aiat cabu perunu, edducas, a las reduire in Sardu; cosa chi fit istada fata puru dae àteros iscritores innanti de me, a comintzare dae Pedru Casu.

E tando, sighende su caràtere meu bugliante e satìrigu, apo pensadu de las intrepetare dae nou, addatèndelas a s'ambiente sardu ue deo so nàschidu e mi so fatu mannu. Las apo imberritadas, dèndelis un'assentu sardu in totu e pertotu e, giambèndelis puru sa morale, pius in sintonia cun sa naturalesa de nois anglonesos, logudoresos e tataresos, prontos a bugliare subra a calesisiat fatu e a giambare in risu finas avventuras trista e dramàticas. Una naturalesa e unu modellu de vida diversu dae su chi tzertos giornalistas e iscritores tèndent a propagandare, nende chi sos sardos semus ignorantes "introversos", pianghijolos, arretrados, secruestadores... e nde la sesso inoghe.

Su sardu est irònicu, satìrigu, bugliante, prontu a girare in risu su chi naschet in piantu. Pro custu sunt istados inventados sos dicios de sas biddas chi in Anglona sunt: Nulvi brigadore, Martis traitore, Tzaramonte ladru, Laerru pompa, Perfugas pantza, Bulzi balente, Sèdini corra e Casteddu piogosu.

Sos primos a bugliare subra ai custos paralùmenes semus nois abitantes dei custas biddas. Deo, pro esèmpiu, cando istudiaia in continente e andaia a mandigare in calchi ostera foras de Pisa cun calchi amigu, faghia de totu pro mi furare unu gingirigheddu de pagu contu e valore pro difèndere e ammuntènnere sa fama de onestu tzaramontesu ladru. Sos de su casificiu de Nulvi ant giamadu Brigadore unu de sos mezus tipos de casu chi faghent.

Custos dicios no est chi siant beros, ma naschent dae unu fundu de veridade. In Tzaramonte non fint pius ladros che in àteros logos, ma custa 'idda aiat (e at ancora, mancarri li manchet su territòriu tzèdidu a Erula) su territòriu pius mannu de tota s'Anglona e pienu meda de iscolladorzos e percias. Edducas, a inie fit pius fàtzile a bi recuire, pro lu cuare, bestiàmine furadu... dae tzaramontesos e... dae àteros puru.

Su nulvesu, pro caràtere est boghialtinu e, cando faeddat, paret brighende.

In Perfugas s'abbuddaiant bene de melone e de sìndria e, daboi, andaiant a bìere a sa funtana de Calvai, un'abba latza e pesante, chi, pro ti catzare su sidis bisonzaiat de nde bìere unu fiascu. E, si b'annanghimus sa malària chi, tando bi fit a bèrtulas intreas, fit fàtzile a l'apitzigare su diciu de matimannu. E gai sighende in totu sas àteras biddas.

Mi so permìtidu de orientare paritzas folas mias gioghende cun custos improvelzos de sas biddas, cun s'ispera chi nisciuna bidda s'ofendat. Niunu cheret pius bene de a mie a sa Sardigna e a sos sardos, sos anglonesos in particulare; e non dia mai fàghere nisciuna assione chi lis potat nòghere in calchi modu. E b'est puru de ammentare chi si unu resessit a bugliare subra a unu visciu o difetu sou, cheret nàrrere chi non bi creet. Unu si ofendet solu cando si li narat sa veridade.

Pro iscrìere su cuntènnidu ei sa trama de sas folas clàssicas, chi si aciapant in s'incomintzu de su contadu prima de sa fàbula imberritada, apo tratadu sa memòria mia. Est a nàrrere chi non so andadu a la lèzere in perunu lìberu, ma apo contadu su chi sa fantasia mia bundante de istudiante est resessidu a muntènnere in mente dae sos annos de sa gioventura. Apo postu, però, un'inzitu pro chie cheret torrare a las lèzere in s'edissione clàssica intrea.

Sos cuestionàrios, chi bis sunt in finitia de onzi fàbula, podent èssere ùtiles a sos mastros pro insinzare su Sardu in sas iscolas, tratende su lìberu comente e una antologia. Sos cuestionàrios in italianu sunt diversos dae cussos in Sardu, ma li sunt cumplementares.

Cfr. SALVATORE PATATU, Fabulas imberrittadas, ed, Laino Libri, Sassari 2000 , pagg. 5-6

I disegni a corredo del testo e in copertina sono di Bonaria Mazzone. In copertina sono illustrati, da sinistra, Patatu, Esopo, Fedro e Lafontaine

 

Ultimo aggiornamento Domenica 17 Ottobre 2010 09:13
 
Commenti (3)
Grazie a “nipote” e al figlioccio
3 Mercoledì 20 Ottobre 2010 16:52
Tore Patatu

Grazie Franco Sechi, sei sempre molto carino e gentile con “zio Tore”. In effetti, in quella fotografia ci sono i tratti familiari dei Pulina e, quindi, anche quelli del carissimo e indimenticabile Giovanni. E grazie anche a te mio figlioccio de Milan. Rassomgliare a mia nipotina Carla, seppur solo per le orecchie, è per me motivo di vanto e di orgoglio.

Zio Tore
2 Mercoledì 20 Ottobre 2010 10:25
Franco Sechi

L'ultima volta che ho parlato di Giovanni Patatu (Florinas Ottobre 2010), ho sbagliato per l'ennesima volta... mi è "scappato" di ricordarlo come un ottimo avvocato mentre invece studiava economia, forse nella mia testa, avendo avuto la fortuna di conoscerlo, l'ho sempre immaginato come un'ottimo avvocato, vista anche la rassomilglianza con te, sia nei tratti somatici (fotografia dei primi anni 60 con mio bisnonno), sia nell'ironia, nella padronanza di linguaggio, nelle argomentazioni ricche di buon senso. I racconti che pubblicherete periodicamente saranno sicuramente uno di quei cortometraggi che riesci a creare solo tu.


Grazie e complimenti

Nobel per la letteratura
1 Domenica 17 Ottobre 2010 10:22
Peri52
Quando inizio la lettura di questi scritti, non riesco più a smettere finché non finisco. Sono scritti in una maniera tale, che tengono inchiodati alla lettura. Parola dopo parola creano pensieri, ricordi, sembra di essere presente ai fatti descritti. La scelta di pubblicare ogni mese e ottima. Complimenti vivissimi allo scrittore in lingua sarda Tore Patatu. Nominato per il Nobel in lingua sarda. Chissà mai che possa accadere.


Saluti Salvatore quel de Milan

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):