Home » Limba Sarda » Sechi Franco » Franco Sechi: Carrela 'e su fiore

Immagini del paese

Ch5.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 11090239

Notizie del giorno

 
Franco Sechi: Carrela 'e su fiore PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 44
ScarsoOttimo 
Mercoledì 20 Ottobre 2010 23:17

La canzone, il cui testo è del cantautore chiaramontese Franco Sechi, è musicata dallo stesso e da Gianni Masia. Che ne ha curato pure l’arrangiamento. Il pezzo fa parte del CD “Brinca”, edito da Zentenoa e pubblicato nel 2006.

Cliccando sul triangolino nero dell'icona qui sotto, è possibile ascoltare il pezzo dalla voce dell'autore.

{mgmediabot2}path=images/stories/media/sechifranco/carrelaesufiore.mp3|type=mp3|buffer=8|displayheight=0|image=images/stories/fruit/pears.jpg|autoplay=false|width=250|height=18{/mgmediabot2}

 

Cliccando qui, potrete vedere un filmato col testo della canzone sovrimpresso in italiano


Sas peraulas mias pro te,

chi m’as indeoradu de amore.

Sas peraulas mias pro te,

che a tie, giaras che-i su sole.

 

Limpias che abba de trainu,

friscas che su nie de monte.

Lijas che rosas de ‘eranu,

che nois duos, a manu tenta.


Como chi sa carrela ‘e fiore

non nos bidet che criaduras,

prima de sa die isgiarire,

per sos biccos e carrelas,


caminende che in aeras,

cun sas alas de s’amore,

cun sas vidas indeoradas

nois in carrela ‘e su fiore.


Sas peraulas mias a tie,

como ch’est sole faladu

e at istudadu sa die

dae cando non so torradu.


E ti tenzo in pitzu ‘e coro,

che-i sos ojos in tottue;

ca ses anghelu, ses oro,

puru si chi ses... ue?


Sas peraulas mias pro te,

chi m’as pinzelladu de amore,

fozas de alvures pro te

eo su ‘entu a las faeddare;


che bentu no at a finire,

mancari pedra eo divente,

mancari chirche de fuire,

mancari piuere divente.


Como chi che oro ses cara,

chi mi ‘ales una vida,

eo t’aisetto in sa carrela

e t’aisetto lughe ischida,


ca ‘eo creo chi in calchi chizolu,

calchi pensamentu cuadu

onzi tantu leat su ‘olu

abberit su ch’est serradu.


Sas peraulas mias pro te,

chi ses fiore de su coro,

raju ‘e sole ses pro me,

ses su chelu e deo bi ‘olo.


Sas peraulas mias pro te,

como chi so chentza nidu;

solu litteras pro te,

finzas como ch’appo ‘oladu.


Ma so ancora aisettende,

umpare de a tie ‘olare?

O nara chi mi ses torrende,

torrende sas alas de amore.

 

Ultimo aggiornamento Domenica 26 Dicembre 2010 21:16
 
Commenti (1)
cumplimentos!
1 Lunedì 24 Gennaio 2011 19:29
antoni
"Ses su chelu e deo bi 'olo"


misurat sa tua dultzura;


si ch'in cussa tua aura


unu lizu ti b'imbolo.

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):