Home » Limba Sarda » Demelas Stefano » Istevene Demelas - Sas manos mias

Immagini del paese

Chiaramonti panorama 22.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 8710016

Notizie del giorno

 
Istevene Demelas - Sas manos mias PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 74
ScarsoOttimo 
Scritto da Carlo Patatu   
Mercoledì 10 Novembre 2010 17:21

Sas manos mias sun su pane meu;

cando las miro tortas e nodosas

tratendelas pro milli e un’impreu.


Sun totu pistas e gallosas,

cancaradas in manzanada fritta;

ma sempre prontas a totu sas cosas.


Pagu galentini in sa proa iscritta,

ma mi difenden dai sos attacos

finas si b’hat calc’ugna biaita.


Torro su sero a brazzos istraccos;

issas ancora sun prontas a dare

su contributu, che bonos teraccos.


S’aunini astrintas pro pregare,

accopiadas in signu ‘e perdonu

mirend’a Cristos in su Santu altare.


Cun issas no so’ mai in abbandonu,

delizian pro s’istrinta ‘e manu

dae su coro si s’istranzu est bonu.


O si saludas unu paesanu,

li naras tottu cun sa manu alzada

“Ba’ in bono’ora e ista sempre sanu”.


O si toccheras in manu de fada

su visu delicadu cun carignos

d’amore a sa cumpagna tantu amada.


Sun tantos, chena contu, sos impignos

Dende sa manu a una criadura

In su caminu ‘e milli dissignos.


Mai trattadas sian pro sa fura

sas manos mias, chi sian pulidas,

lontanas dai cussa btujadura.


De cos’anzena mai abbramidas,

sempre estidas de sinzeridade

chi han connottu cando sun naschidas.


Tramas de rispettu e onestade

desizo sempre in su coro meu

e manos bonas de abilidade.


Tribagliadore, custu mundu intreu,

senza bisognu ‘e fagher majias,

istemus tottu in manos de Deu.

...su pane meu sun sas manos mias.


Zaramonte, su vinti ‘e Majiu de su 1995

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 09 Dicembre 2010 02:44
 
Commenti (1)
Condivido
1 Giovedì 11 Novembre 2010 19:26
Peri52

Possono essere entrambe le cose: Quello che la poesia dice in primis. Scritta in lingua sarda acquista un sentimento (per me ormai assopito) vivendo lontano dalla Sardegna. Il sentimento primordiale si risveglia e subentra l'emozione, leggendo in lingua sarda. Con tutta la mia mente, con tutto il mio cuore e con tutte le mie mani condivido la poesia. Curiosità come si chiama la moglie? Complimenti vivissimi.


Saluti Salvatore quel de milan


---


Credo di non tradire la riservatezza familiare del nostro amico e poeta dicendo che sua moglie si chiama Giulia, ottima danzatrice del gruppo folk "Santu Matheu", di cui Stefano Demelas è fondatore e animatore della prima ora. (c.p.)

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):