Home » Chiaramontesi lontani » Chiaramontesi lontani: Gianni Solinas e la sua 1a tessera FIGC

Immagini del paese

ch.s.giovanni2.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 5913806

Notizie del giorno

 
Chiaramontesi lontani: Gianni Solinas e la sua 1a tessera FIGC PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 83
ScarsoOttimo 
Scritto da Carlo Patatu   
Martedì 16 Novembre 2010 22:04

Ecco la prima tessera FIGC di Gianni Solinas, il chiaramontese che attualmente allena una squadra di serie A in Algeria. E del quale abbiamo scritto nei giorni scorsi. La pagina con la notizia, cliccata finora da alcune centinaia di nostri lettori, non poteva passare inosservata a Vincenzo Murgia. Ch’era presidente della “Polisportiva Chiaramontese”, quando questa disputò un campionato onorevole di 2a categoria nel 1984/85.

Fu proprio lui ad “arruolare” Gianni Solinas appena sedicenne.

 

Ebbene, appreso che il nostro compaesano oggi è allenatore di successo in Algeria, Murgia ci ha mandato una mail, allegando copia del primo tesserino di Solinas, rilasciato a suo nome nel 1984 dal Comitato regionale Sardo della FIGC - Lega Nazionale Dilettanti.

Come si può vedere dal frontespizio e dal verso, la tessera reca il n. 1857, il timbro della società e il numero di matricola 1919663, assegnato dalla federazione a quel ragazzino smilzo e spilungone che, a quel tempo, era Gianni.

Murgia ha raccontato di avere accompagnato personalmente il giovane Solinas e suo padre Peppino a Sassari. Per l'incontro con i dirigenti del settore giovanile della Torres. Alla quale squadra, sottolinea, il ragazzo è stato ceduto a titolo gratuito.

“A noi - dice Murgia – è bastato l’avere offerto a un ragazzo talentuoso la possibilità d’intraprendere un percorso che poi l’ha portato molto in alto. Auguri Gianni!”.

Pubblichiamo il documento, ritenendo di soddisfare la curiosità dei lettori e certi di fare una sorpresa gradita a “quel ragazzino” che, nella sua veste di “coach italien”, oggi allena con successo il Setif-Calcio. Che, lo ricordiamo, partecipa al campionato nazionale della serie A in Algeria.

Ovviamente il nostro grazie va a Vincenzo Murgia, del quale pubblichiamo una foto che, fatta nel campo sportivo di Cunventu, lo ritrae nel suo ruolo di presidente in quell’annata.

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 30 Novembre 2017 09:58
 
Commenti (4)
ti voglio bene babbo
4 Domenica 02 Ottobre 2011 18:20
Magda Solinas
Babbo, sono orgogliosa di te. Dei tuoi successi presenti e futuri!!!! Penso sempre a te, non lo scordare mai.


Sei FORTE babbo
"dai che pareggiamo"
3 Mercoledì 17 Novembre 2010 23:45
Andrea Pischedda

In quegli stessi anni, oltre ad essere calciatore, Gianni fu il preparatore atletico della squadra giovanile di Chiaramonti allenata da Bastianino Soddu.
Mi ricordo che, durante una seduta di potenziamento muscolare praticata nella salita de “sa conchedda de su mercante”, un atleta accusò un dolore muscolare. Gianni, pur di non penalizzare l’allenamento del resto del gruppo, prese quel giovane sulle spalle e riprese la corsa accanto a noi.
In un’altra occasione, nella prima trasferta di campionato, dopo aver subito su rigore il tredicesimo o forse quattordicesimo goal, Gianni dalla panchina tentò d’incoraggiarci urlando: “dai che ora pareggiamo!”.
Quell’energia, la sua passione per il calcio e la sua bravura non potevano che condurlo verso una bella e orgogliosa carriera.
Complimenti e in bocca al lupo per il tuo campionato. Andrea

Per Gianni
2 Mercoledì 17 Novembre 2010 16:50
A.L.B.

Sono la madrina di Gianni. Grazie per avermi offerto la possibilità di mandargli i miei complimenti e tanti affettuosi auguri per il futuro.
Luisella Budroni

Immensità
1 Mercoledì 17 Novembre 2010 00:24
peri52

Il piacere, la soddisfazione, che provo per un tzaramontese, Mister Gianni Solinas, resta grande perché lui è un grande e tutti noi facciamo il tifo per lui con un bel "IN BOCCA AL LUPO". L'emozione subentra vedendo la foto del Presidente Vincenzo Murgia perché se non sbaglio abbiamo frequentato la mitica classe 5 elementare insieme. Realizzando la piccola "Italia in rilievo" chissà se esiste ancora. Cari naviganti non dovete pensare che io mi emoziono sempre. "E' vero, mi emoziono sempre", ma non piango. Guardando le foto del paese mi emoziono, leggendo in lingua Sarda, le belle poesie che sono sempre significative, i racconti, le cronache del passato, leggendo qualche nome, tutto fa tornare alla mente quel periodo della mia infanzia passato in paese. Un caro saluto a tutti i Tzaramontesi presenti in Bidda e a tutti quelli sparsi nel mondo. "Nell'immensità qualcuno pensa un poco a me".
Salvatore quel de Milan
---
La carta geografica dell'Italia "fisica" di cui parli c'è ancora a scuola. E' sempre appesa al solito posto e vi si leggono tutti i nomi degli scolari che hanno contribuito a costruirla. Ma non vi figura il nome di Vincenzo Murgia, essendo nato nel 1954. Pertanto era allora in quarta. Grazie per le belle parole nei confronti dei Tzaramontesos in genere e di Gianni Solinas in particolare. Del quale sei stato il primo, e finora l'unico, a commentare la vicenda su queste pagine. Ti saluto. (c.p.)

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):