Home » Limba Sarda » Brozzu Renzo » Renzo Brozzu: Adiu, 'idda mia

Immagini del paese

Ch neve 2005.15.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 6051297

Notizie del giorno

 
Renzo Brozzu: Adiu, 'idda mia PDF Stampa E-mail
Domenica 06 Aprile 2008 16:45

Pubblichiamo un'altra poesia di Renzo Brozzu, emigrato appena diciassettenne in Belgio, dove ha lavorato in una miniera di carbone per poco meno di dieci anni. Ammalatosi di silicosi è stato collocato a riposo a soli 25 anni. Con questi versi dà sfogo a un sentimento profondo che non lo ha mai abbandonato: la nostalgia per il paese natio. Tant'è che, appena ne ha avuto la possibilità, ha messo su casa qui ed è tornato a vivere a Chiaramonti, dov'è scomparso nel 2000. A 66 anni.

------

Ti lasso, 'idda mia...
mi nd'istrazzo su coro
e ti lu lasso in prenda
e in pettorras bi ponzo
unu bicculu de s'aera tua,
pro chi mi rian sos ojos
in dies de tristura.

Ti lasso, 'idda mia...
ma mi giutto una vida de ammentos
de sas carrelas pedrosas,
ue, in seros de istiu,
intendia contados e risos
de zente diciosa.

Ti lasso, 'idda mia...
ma mi giutto su retrattu tou
imprimidu in ojos:
sas teulas rujas de sas cobelturas,
sos fumajolos in dies de ijerru,
su campanile de sa cheja manna
inghiriadu de rundines
in beranos solianos de isperas.

Ti lasso, idda mia...
parto e ti saludo;
cun sos ojos lagrimende t'abbrazzo.
Parto atterue in chirca 'e pane
e mi giutto unu punzu 'e terra;
ca, si non potto torrare a sa 'ezzesa,
cando 'enit su sonnu dulche de sa morte,
nde cherzo intender su palpitu 'e su coro.
Hap'a serrare sos ojos cuntentu
de ischire chi ses bia e...
l'has a esser pro sempre, idda mia.

Renzo Brozzu

 

La foto mostra la via XX Settembre, dove Renzo Brozzu è nato e ha vissuto da bambino; quando la strada era nota come Via delle balle

Ultimo aggiornamento Martedì 12 Maggio 2009 16:26
 
Commenti (1)
Anche lui aveva un cuore, nonostante...
1 Mercoledì 28 Maggio 2008 08:51
Anghelu 'e sa Niera
Per lo scomparso Renzo tutte le mie indegne preghiere possibili, ma da ragazzo spesso mi si presentava con orrende e mostruose maschere nei momenti più impensati ai crocicchi o nelle vie, unu dimoniu. Poi sa vide ispero chi l'appat fattu più bonu. Ad onzi modu custu est s'ammentu da cando fit pizzinnu e deo più de aissu.

RENZO PEZZANI

Renzo Pezzani
cattivo
e sciocco.
Paura
e spavento
con la tua
maschera
di mostro
in via dell'Acquedotto
mi incutesti
all'ora del tramonto.
Non c'era
zio Antonino
con la sua barba
da padreterno
nè zia Nannedda Calzone
nella via deserta
solo tu Pezzani Renzo
col volto di mostro.
Ero di corsa
Renzo Pezzani
e lo spavento
mi legò le mani
e le ali ai miei piedi pose.
Renzo Pezzani
di soprannome
col tuo scherzo
pesante
non di giochi
vivace compagno
ma di orrendi mostri
evocatore
nei frammenti
d'infanzia
mi appari.

Sassari 1978

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):