Home » Limba Sarda » Patatu Salvatore » Sa rana ei su boe

Immagini del paese

Castello 29.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 7284251

Notizie del giorno

 
Sa rana ei su boe PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 133
ScarsoOttimo 
Domenica 06 Febbraio 2011 01:00

Sa fàbula de La Fontaine Lìberu 1 - n. 3

Non pius manna de un'ou de puddighina, bidende su boe bellu e rassu, e mannu, una rana s'imbufat pius de cantu podet pro arrivire a sa mantessi mannària.

"Abbàidami como" tichirriat superva. "Russa so?

"Non bastat, amiga cara".

Ei sa rana si ufiat, si ufiat e s'imbufat fintzas a crebare che una buscica de porcu.

Burghesos, chi est pius su fumu chei s'arrustu, sennores pienos de ambissione e chena carveddu, zente chi rifiutat de istare in logu sou, cantas sunt sas ranas chei custa.

---

Sa fàbula imberritada

Una rana laerresa, passende in sos dretos de sa tanca de Bopitos, bidet duos boes laorende, chi resessiant a trazare cudda balla de aradu cun s'alvada, chi che falaiat in terra pius de mesu metro. Su sero los bidet pasculende, lìberos, mandighende erva, chi pariant duos munimentos a sa mannària e a sa bellesa. Mannos cantu unu campanile, elegantes, pienos de pascescia e de fortza chi non s'agataiat su cumpanzu. S'acùrtziat a unu de issos, su chi in s'aradu beniat postu a dresta, chi pariat puru su pius bellu, e lu preguntat:

"Ebbé! Purpuri', comente andat sa vida?"

"Già andat bene" rispondet cuddu, girèndesi pro inzertare da ue ndi bessiat custa boghe.

"Mi chi so inoghe in basciu, acurtzu a tie" narat ancora sa rana altziende una de sas anchigheddas de nanti comente e chi esseret istada saludende.

Su boe si girat apenas e bidet custa farfaruza birde, alta cantu un'ou de puddighina, chi giughiat sa bula chi che finiat in mata trinnighende e li narat:

"Ah, tue ses, raniteda de riu! e ite cheres?"

"Comente mai non sezis laorende oe?".

"Oe est Nostra Segnora Iscorra boes ei su padronu nos at dadu una die de libertade, già l'ischis chi in die de oe non si trabagliat, mascamente sos messajos!" rispondet su boe cun gentilesa.

"Mah!" sighit a nàrrere sa rana "no istrimpanades a trazare cuss'aradu ei cussos carros mannos gàrrigos de trigu, chi bos ponent a tirare atacados a corros?

"E ite cheres fàghere" rispondet ancora su boe "no est chi leamus trempa meda, ca pro zente de sa contomàtzia nostra, custos sunt gioghiteddos de criadura. Non bi cheret si non chei cussu pro nos aterrare. Si fis istada manna chea nois, tue puru aisti trazadu aradu, carru, èrpice e totu sas àteras afatzendas" concluit su boe, gruscèndesi pro aggantzare cun sas dentes fortes che ferru unu màtulu mannu de fenu.

Sa rana torrat a domo e comintzat a meledare comente podiat fàghere pro diventare manna e forte, bella e potente chei cuddu boe purpurinu, cun duos corros chi pariant duas bandelas.

"Proa a ti ufiare a sa sola" li narat una rana amiga sua, tentende de l'aggiuare.

Tando cudda iscudet duas isufuladas a inintro e bidet chi sa mata li creschet de duos bonos centrìmetes e preguntat a s'amiga sua:

"Ebbé, creschida sò ?"

"Emmo" li rispondet cudda "ma solu in mata".

Tando sa rana sighit a s'imbufare e cun duas isufuladas resessit a crèschere ancora un'àteru paju de centrìmetes in mata e preguntat ancora a s'amiga:

"Ebbé, creschida sò o nono?"

"Bae in ora bona, pro cussu est chi nos narant Laerru Pompa, ca semus pazosos e cherimus pàrrere pius mannos e pius bellos de su chi semus" rispondet cudda abbaidende s'amiga. "Resta comente ses e frigadinde, sa rana non si mesurat a prammos! acuntèntadi de comente ses, tantu ses creschende solu in mata".

"Non si podet restare goi, cando sa natura nos at dadu sa possibilidade de aumentare de fregura e de crèschere comente sò fatende. Non bides chi che sò gia addopiu de innanti? Un'àteru isfortzu e semus a caddu" sighit a nàrrere sa rana.

E gai nende, iscudet àteras duas isufuladas, comente e chi esseret istada pipende unu zigarru mannu cantu su truncu de un'àlvure de chercu ei cudda mata si ufiat ancora, chi pariat sa buscica de unu de sos mannales, chi passaiant sos tres cuintales e chi beniant pesados pro los bèndere a sa Galbani.

Si comente non podiat faeddare, ca si nono ndi bessiat tota s'aera chi che aiat tragadu e si fit istada falada che roda de brucicheta bucada, si girat a s'amiga e li faghet tzinnu cun s'anchighedda, illarghende sos chizos e movende sos ojos, comente e preguntende si b'aiat creschimòniu. Ei cudda li narat:

"A t'arresetas gai si no iscopias chei sa buscica de su porcu de tiu Treca".

Ma cudda insistit cun s'anchighedda e fatende andare sos ojos dae suta a subra e dae subra a suta, tratenzende s'alenu che chi esseret istada in sa cughina de tia Rosalinda, ue, si respiraisti, su fiagu ti ch'intraiat in pinnas de nare e, passende serente a sos concales de ojos, chei s'ammoniaca, ti che pigaiat a carveddos, fatèndedi ifiadare.

"Mezoradu già as mezoradu!" sighit a nàrrere cudda. "Chena ti mòvere as cambiadu bidda. Innanti fis Laerru Pompa ei como ses Perfugas Pantza!

Chistionàriu

1) Sos boes benian postos sempre su mantessi boe a manca ei s'àteru a dresta de s'aradu o de su carru, o los acollocaiant comente capitaiat?

1) As mai bidu in presèntzia unu boe? e una rana?

3) Comente si narat in Italianu sa Madonna Iscorra boes? cando s'afestat? in cussa die si andat o no a iscola? e proite in cussa die non trabagliant, mascamente sos messajos?

4) Cando si tratat s'èrpice? si tratat innanti o daboi de àere semenadu? in cale istajone de s'annu si semenat su trigu?

5) Proite beniat ufiada sa buscica de su porcu? daghi arriviat a una tzerta mannària, ite bi poniant a intro?

6) Ite si cheret nàrrere, cando a unu li narant: "Andàdiche a sulare buscicas" o, puru "Cussu est bonu solu a sulare buscicas". O adderetura, "Cussu no est bonu mancu a sulare buscicas".

6) "...tratenzende s'alenu che chi esseret istada in sa cughina de tia Rosalinda..." ite cheret nàrrere? proite si deviat intrare a un'alenu in cussa cughina?

7) Proite si narat Laerru pompa? e Perfugas pantza?

---

Traduzione

La rana e il bue, di La Fontaine libro I - n. 3

Non più grossa di un uovo di gallina, vedendo un bue bello e grasso, e grosso, una rana si gonfia per raggiungere la stessa imponente grandezza.

- Guardami adesso! - grida con superbia. - Sono grossa abbastanza?

- Non è ancora sufficiente, mia cara amica.

E la rana si gonfia e si gonfia ancora fino a scoppiare come una vescica di maiale.

Borghesi, più fumo che arrosto, signori pieni di ambizione e senza cervello, gente che rifiuta di stare al suo posto, quante sono le rane come questa?

 

La favola imberrittada

Una rana del paesino di Laerru, passando nei dintorni del tancato di Bopitos vede due buoi che stavano trascinando un aratro col vomero che si affondava sul terreno per più di mezzo metro. La sera, finito il lavoro, li vede mentre pascolano, liberi, brucando l'erba: per l'imponente bellezza sembravano due monumenti. Grandi come campanili, eleganti, pieni di pazienza e di forza che non trovavi l'uguale. Si avvicina a uno dei due, quello che arando stava al fianco destro, che sembrava anche il più bello, e gli chiede:

- Ebbé, Porporino, come va la vita?

- Va abbastanza bene - risponde quello voltandosi e cercando di capire da dove venisse il rumore di quella voce.

- Guarda che son quaggiù, vicino a te - dice la rana sollevando una delle sue zampettine anteriori come in atteggiamento di saluto.

Il bue si volta e vede questa cosettina verde, alta quanto un uovo di pollastra, che aveva la gola che sconfinava nella pancia palpitando e le dice:

- Ah! sei tu, ranettina di fiume, che cosa vuoi?

- Come mai oggi non lavorate?

- Oggi si festeggia l'Immacolata Concezione e il nostro padrone ci ha concesso un giorno di vacanza; lo sai già che in questa giornata particolare non si lavora, soprattutto i contadini! - risponde il bue con gentilezza.

- Mah - seguita a dire la rana - non fate fatica a trascinare quell'aratro e quei grossi carri carichi di sacchi di grano che voi trascinate con la forza delle corna?

- E cosa vuoi farci - risponde ancora il bue - non è che fatichiamo molto perché per la nostra mole questi son lavoretti da bambini. Ci vuole ben altro per atterrarci. Se tu fossi stata grande come noi, anche tu avresti trascinato l'aratro, il carro, l'erpice e tutte le altre attrezzature - conclude il bue allungando il capo in avanti per agguantare coi denti forti come il ferro una grande manciata di fieno.

La rana rientra a casa e comincia a progettare come può fare per diventare grande e forte, bella e potente come quel bue porporino, con due corna che sembravano due bandiere.

- Prova a gonfiarti da sola - le dice un'amica rana con la chiara intenzione di aiutarla.

Allora inspira con forza due volte e si gonfia al punto che la pancia le cresce di almeno due centimetri e chiede alla sua amica:

- Ebbé! son cresciuta?

- Certamente sì - le risponde quella - ma solo nella pancia.

Allora la rana seguita a gonfiarsi e con altre due grosse inspirate riesce ad aumentare ancora un altro paio di centimetri nella pancia e chiede all'amica:

- Ebbé, son cresciuta o no?

- Vai in buon'ora, per questa mania della vanità, perché vogliamo apparire più grandi e più belli di quello che siamo ci chiamano Laerru Pompa - risponde quella guardando l'amica. - Resta come sei e infischiatene. La grandezza di una rana non si misura a palmi! Accontentati di stare come sei, tanto stai aumentando solo nella pancia.

- Non è possibile restare così quando la natura ci ha dato la possibilità di migliorare la nostra immagine e di crescere come io sto facendo. Non t'accorgi che sono già il doppio di prima? Un altro sforzettino e siamo a cavallo - seguita a dire la rana.

E così dicendo, tira in dentro l'aria come se stesse fumando un sigaro grosso come un tronco di quercia e lo scarica dentro la pancia che si gonfia ancora, da sembrare una vescica di quei maiali che superavano i tre quintali e che venivano allevati per venderli alla Galbani.

Siccome non poteva parlare, altrimenti, aprendo la bocca, l'aria che aveva inghiottito sarebbe uscita facendola sgonfiare come la camera d'aria di una bicicletta forata, si gira verso l'amica e le fa un cenno con la zampettina allargando le sopracciglia e facendo roteare gli occhi con l'evidente intenzione di chiedere come era andata l'operazione di tentata crescita e quella le dice:

- Smettila e stai come sei, altrimenti rischi di scoppiare come la vescica del maiale di zio Trecca.

-

Ma quella insiste con la zampettina e facendo andare gli occhi da sotto a sopra e da sopra a sotto, trattenendo il respiro come se si trovasse nella cucina di zia Rosalinda, dove, se respiravi, l'odore ti entrava nelle narici e, rasentando le fosse degli occhi, come fosse ammoniaca, ti arrivava impietosamente al cervello, togliendoti il respiro.

- Migliorato, certamente, hai migliorato! - seguita a dire quella - Senza muoverti hai cambiato paese. Prima eri Laerru "Pompa Magna" ed ora sei diventata Perfugas "Panza". (Panciuta)

QUESTIONARIO

1) Perché La Fontaine si rivolge ai borghesi, a conclusione della sua favola?

2) Come li definisce l'autore francese ed a chi li paragona?

3) Può considerarsi, questa esortazione ai borghesi, la "morale"?

4) Perché è importante, nella dinamica della favola sarda, che la Rana sia di Laerru?

5) Nella descrizione dei buoi l'autore sardo sembra fare inconscio riferimento alla lirica di G.Carducci "Il Bove". Quali analogie si possono individuare?

6) Con quali caratteristiche viene invece definita la Rana?

7) Chi suggerisce alla Rana di provare a gonfiarsi? Quale funzione ha quest'ultimo personaggio nella dinamica del racconto?

8) Quali umani sono citati nella favola e con quale funzione?

9) Qual è la caratteristica degli abitanti di Perfugas che viene utilizzata per concludere con una battuta il racconto?

10) Scoppierà la Rana alla fine? Perché non viene detto esplicitamente, ma solo suggerito in forma di possibile evenienza?

11) Il testo narrativo dell'autore sardo può essere suddiviso in due macro-sequenze. Quali?

12) L'ambientazione sarda della favola cambia (arricchendola o deprivandola) la vicenda fondamentale?

 

Cfr. Salvatore Patatu, Fabulas imberrittadas, ed Laino Libri, Sassari 2000, pagine 50 - 66

Il disegno è di Bonaria Mazzone

Questa è la 4a "fabula" di 9. La 5a sarà pubblicata il 1. Marzo 2011

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 04 Febbraio 2011 21:04
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):