Home » La Tribuna » La Tribuna » La Tribuna: Una risposta doverosa

Immagini del paese

restauro3.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 8315374

Notizie del giorno

 
La Tribuna: Una risposta doverosa PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 90
ScarsoOttimo 
Lunedì 14 Marzo 2011 22:54

di Toruccio Sotgiu e Francesca Scanu

Carissimo Andrea,

molto probabilmente siamo stati da te fraintesi anche se, ti assicuriamo, altri hanno capito benissimo.

Il nostro voleva essere, visto il periodo carnascialesco, semplicemente un modo un po' goliardico di interpretare la strana coincidenza tra la fine del carnevale e l'inizio del "taglio" degli alberi.

Ti rendiamo merito e ti ringraziamo di cuore, unitamente ai tuoi "collaboratori", se da dieci anni dai il tuo contributo alla riuscita del carnevale chiaramontese e ci dispiace se le nostre parole possono esserti sembrate un attacco nei vostri confronti. Non era nostra intenzione.

Comunque, con tutto il rispetto nei tuoi confronti e del tuo parere e anche se ti potrà essere difficile da capire, per motivi intuibili dai più, noi non vogliamo una risposta da te e ti chiediamo la cortesia di cercare di comprendere il nostro punto di vista.

Noi vogliamo, semplicemente, risposte dal Sindaco e dalla giunta.

Abbiamo passato due anni nel gruppo di maggioranza di questa amministrazione comunale e quindi, conoscendo bene il modo di agire di determinate persone, le modalità dello scellerato intervento perpetrato ai giardini ci hanno spinto a scrivere quell'interpellanza.

Il nostro compito di consiglieri comunali è quello di rendere conto ai cittadini di Chiaramonti dell'operato dell'amministrazione.

Come abbiamo accennato, è dal settembre del 2009 che chiediamo di poter discutere della cosa in Consiglio Comunale e, ancor di più, con i cittadini. Con i cittadini che noi riteniamo essere i veri "padroni" della cosa pubblica.

Noi non crediamo che il "padrone" di Chiaramonti debba essere Giancarlo Cossu o qualcuno dei suoi sodali, così come sino ad oggi è avvenuto.

I "padroni" dei giardini sono i Chiaramontesi ed a loro bisognava chiedere un parere, o quanto meno informarli sulle motivazioni che hanno portato a soluzioni tanto drastiche. Ammesso e non concesso che quello attuato fosse il metodo migliore per sconfiggere il problema causato dagli uccelli, se permetti, se ne poteva almeno discutere prima?

Democraticamente, noi vogliamo solo che le scelte e le decisioni siano condivise dal maggior numero possibile di cittadini Chiaramontesi. Insomma, e speriamo si comprenda, vogliamo quello che è sempre mancato a Chiaramonti: TRASPARENZA. Sai benissimo quello che personalmente ci sta costando pretendere TRASPARENZA.

Ma, contaci, andremo avanti non pentendoci di niente di quello che sin ora abbiamo fatto.

Ti salutiamo cordialmente.

 

 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):