Home » Archivio - Chiaramonti Notizie » Comune » Elezioni e presidenti di seggio, atto 2°

Immagini del paese

Ch arcobaleno 1.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 6465806

Notizie del giorno

 
Elezioni e presidenti di seggio, atto 2° PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 19
ScarsoOttimo 
Mercoledì 09 Aprile 2008 13:48
In relazione alla errata proclamazione di un candidato alla carica di consigliere comunale nelle ultime elezioni e di cui avevamo riferito a tempo debito, mercoledì 9 aprile i presidenti dei seggi elettorali Nathalie Faedda e Danilo Puggioni, unitamente al segretario della sezione n. 2, ci hanno chiesto di pubblicare una loro precisazione, che abbiamo subito messo on line. Trascorse 24 ore, contrariati dal nostro commento fatto seguire alle loro esternazioni, i tre hanno chiesto di cancellare il documento che avevano appena sottoscritto.
Pur non essendovi tenuti (se, invece che su internet, la lettera fosse finita sulle pagine di un giornale...), rispettiamo la loro volontà. Ma corre l'obbligo di precisare che la pagina di un sito non è la sala d'attesa di una stazione ferroviaria, dove si entra e si esce a piacimento. Chi espone in pubblico le proprie ragioni non può (non deve) presumere che gli altri (a maggior titolo chi della pubblicazione è il curatore), debbano tacere.

Ciò detto e ritenendo di avere commentato con equilibrio la nota suddetta, accogliamo la richiesta dei tre lettori e cancelliamo il loro intervento. Ma confermiamo la nostra replica. Che ritenevamo (riteniamo) doverosa nei confronti dei lettori. E che riportiamo qui sotto fedelmente.


---

Chiarisco anche qui (come avevo già fatto privatamente con gli interessati) che, prima di pubblicare la notizia di cui è caso, ho consultato le fonti ufficiali. E cioè gli uffici elettorali del Comune e della Prefettura, oltre che il sito del Ministero dell'Interno. Dopo di che, sempre da internet, ho scaricato la parte della legge elettorale inerente alla questione da trattare. Nella fattispecie, l'articolo 71 (comuni fino a 15.000 abitanti), che disciplina la materia in modo molto chiaro. Così a me pare.

Che io sappia, nessuno, e men che mai chi scrive, si è sognato di sospettare che l'errore sia stato commesso in mala fede. Lo si è commesso e basta. Per quanto mi riguarda, l'ho ascritto a una lettura frettolosa delle norme contenute nelle pubblicazioni che, solitamente in anticipo, sono consegnate a presidenti e segretari di seggio. Probabilmente, con un po' di attenzione in più, essi e i rispettivi collaboratori avrebbero potuto dribblare facilmente l'errore. Per converso, chi ha subito il danno non avrebbe avuto necessità di rivolgersi al giudice amministrativo, con aggravio di spese. Per tacere che un candidato ha occupato, per alcuni mesi, uno scranno in consiglio comunale senza averne titolo. Tutto qui.

Se mi è consentito, posso aggiungere che un paio di volte, nelle diverse occasioni in cui ho presieduto seggi elettorali, ho avuto a che fare anch’io con le elezioni comunali. Il responsabile della I Sezione, che era un giudice del Tribunale di Sassari, ha convocato l'adunanza dei presidenti (le sezioni erano quattro, allora) presso l'ufficio del segretario comunale. Ciò per avere il supporto dell'ufficio elettorale del comune, il telefono a portata di mano e... una calcolatrice a disposizione.

Chi svolge un compito così delicato com'è quello di dirigere e coordinare un seggio elettorale, è investito di funzioni pubbliche e, come tale, soggetto a vedere il proprio nome anche stampato sui giornali e pubblicato sui siti internet; e ciò senza che sia prevista una qualsivoglia autorizzazione da parte dell'interessato. Trattandosi di un pubblico ufficio, il presidente di seggio è soggetto anche al controllo sociale, oltre a quello degli uffici sovraordinati. Pertanto le critiche e le osservazioni, mosse da parte di chi ne ha titolo (e gli elettori lo hanno), devono essere accolte come cosa naturale. Legata alla funzione stessa, direi.

In ogni caso, sono grato ai tre lettori per i chiarimenti forniti e, mentre lascio a loro la responsabilità intera di quanto affermano, li ringrazio dell'intervento.
Ovviamente, lo spazio del sito (lo si è scritto fin dal primo giorno) è aperto alla collaborazione, alle osservazioni, ai suggerimenti e alle critiche di chiunque. Pertanto anche queste sono benvenute.

Carlo Patatu
Ultimo aggiornamento Venerdì 11 Aprile 2008 15:48
 
Commenti (11)
Fascisti e antifascisti (ancora!!!!)
11 Giovedì 24 Aprile 2008 12:48
Arturo
E' proprio vero...
In Italia ci sono due tipi di fascisti: i fascisti e gli antifascisti.
E' possibile che ogni volta che vince un avversario della sinistra, questa definisce chi lo ha votato come stupido e deficiente? Non se ne può proprio più di sentire sempre dagli stessi che la "ragione" abita solo a sinistra.
Anche gli operai non credono più a questa sinistra, tanto è vero che, sentendosi traditi da chi ambiva solo ai posti di potere ed al tornaconto personale, hanno votato da tutt'altra parte.
E ricordatevi che domani si lavora…….
Saluti e grazie.
Con dei governi di destra (1er partie)
10 Mercoledì 23 Aprile 2008 18:41
mario soddu
Lo spettro della fame si prepara..
Le cifre d'inflazione in Europa sono inquietanti; le famiglie con due figli dovrano pagare +/- 700 euros all'anno in più, per il riscaldamento e l'alimentazione.
E' tutta una catena di aumentazioni di prezzi dei prodotti alimentari ed energetici.
Questa situazione, secondo gli esperti in economia, é preoccupante...
Specialmente i paesi sottosvilupati, subiscono più dei paesi industrializzati.
Degli scioperi in Haiti, Egitto e in più paesi d'Africa, sono all'ordine del giorno.
Questa é la situazione che si prepara perfettamente, a una catastrofe mondiale della fame. Se la situazione non cambia....!
Il prezzo del riso é aumentato del 300%, in SIERRA LEONE e Haiti. IL mercato non é controllato, i ricchi possono fare quello che vogliono. Uno tsunami economico e umanitario é alle porte dell'Europa.
Non é con i governi di destra che si possono risolvere tutti i problemi economici attuali. IN Italia la destra non riuscirà mai a fare tutte le promesse che hanno fatto nella campagna elettorale.
Sono delle persone politiche che non fanno gli interessi degli operai, ma bensì dei ricchi.
Mi dispiace per Rifondazione comunista, per gli altri l'hanno meritato, cercano solo una sedia al parlemento....!
Durante i cinque anni che la destra ha governato non é cambiato niente, i poveri sono sempre più poveri e i ricchi sempre più ricchi.
Con dei governi di destra' la situazione non cambia.(2 ieme partie)
9 Mercoledì 23 Aprile 2008 18:11
mario soddu
I padroni delle società hanno degli introiti da copogiro, pagano a suon di milioni d'euro gli azionisti.
E gli operai che votano a destra sperano che gli venga doppiato il salario, opure la pensione. (Però possono sempre sperare...!)
50% di lavotori non si possono permettere di andare in vacanza, uscire e fare sport, le entrate sono minime, non si arriva al fine mese.
Il Nord Italia vuole la separazione, adesso che sono miliardari i dirigenti, grazie alla mandopera del Sud.
Minacciano anche di prendere i fucili contro il governo centrale... é una provocazione per le istituzioni e la democrazia.
Se oggi parlano Italiano, é grazie a (Garibaldi e a Napoleone 3) con il colpo finale della BRIGATA SASSARI nel 15-18.
Perciò: quest'ultima esiste ancora, pronta a mettere l'ordine se é neccessario...! e anche più bene armata del 15-18.
Il nuovo governo non farà vita lunga con dei dirigenti, fascisti, separatisti e capitalisti al potere.. La realtà è che in Italia c'è fame... la delinquenza ha preso il sopravvento, favorita dalla classe dirigente corrotta.
W RIFONDAZIONE COMUNISTA.
MARIO SODDU
Osservazione
8 Sabato 12 Aprile 2008 15:59
Mario Casula
Ritengo che la cancellazione, a semplice richiesta, di un intervento dal sito costituisca un pericoloso precedente. Proprio perchè, come da tua precisazione, la pagina di un sito non è una sala d'aspetto di una stazione ferroviaria. A mio modesto parere ritengo che accettare la richiesta di cancellazione dei tre lettori "pentiti" sia stato un errore. Forse, nella tua insindacabile valutazione, hai applicato una estensione buonista del condono. Cordialità.

---

Hai ragione, è stato un errore. Che, lo prometto, non ripeterò in futuro. I lettori che inviano messaggi da pubblicare su questo sito sappiano fin d'ora che, messo in pagina il testo, rien ne va plus.
Hai fatto centro: sono un buonista; ma pentito. Ricambio saluti cordiali
Carlo Patatu
ultima cosa
7 Venerdì 11 Aprile 2008 21:52
x francesco
Magari ti è sfuggito ma i presidenti di seggio hanno ammesso il loro errore mentre qualcun altro magari si nasconde dietro una scrivania confusa e piena di circolari (poi ci si lamenta di come vanno le cose in Italia)...
P.S. per quanto riguarda l'articolo penso che se fosse arrivato sulle pagine di un giornale non avrebbe di certo avuto una chiosa finale...
Cordiali saluti
leggere o straleggere
6 Venerdì 11 Aprile 2008 21:37
x francesco
Caro francesco penso che tu non abbia capito il senso dell'articolo, purtroppo però non sarò certo io a darti chiarimenti....
La cosa importante è che la falsa libertà e imparzialità regna sovrana ovunque!
Cordiali saluti
Ammettere l'errore
5 Venerdì 11 Aprile 2008 16:56
Francesco
Cari Presidenti di Seggio,il vostro errore (ed è solamente vostro) sicuramente è stato commesso in assoluta buona fede e la sua ammissione da parte vostra, sarebbe un atto di onestà intellettuale che metterebbe fine a tutta una serie di illazioni.
Al contrario, se continuate ad arrampicarvi sugli specchi per cercare giustificazioni inesistenti, fate un'offesa alla vostra intelligenza, ma il danno peggiore di questo atteggiamento potrebbe essere quello di poter instillare il tarlo del dubbio in quelle persone predisposte a vedere ovunque inganni.
Vi saluto
errata corrige
4 Venerdì 11 Aprile 2008 16:11
x arturo
intendo non semplici critiche bensì insulti gratuiti...
Grazie
insulti
3 Venerdì 11 Aprile 2008 16:08
x arturo
leggendo si capisce che i vecchi presidenti non hanno ricevuto semplici insulti, bensì insulti gratuiti("ripetutamente messo in dubbio l'onestà...") poi per il rispetto mi pare sia sufficiente "a persona in questione ha ritenuto altresì opportuno non farsi più sentire nonostante le promesse di tenerci aggiornati sugli sviluppi del ricorso al T.A.R., in quanto ci aveva pure rassicurati che per "sciocchezze" simili non vengono")...
Grazie

---

Grazie a te, caro lettore. Ora tutto appare più chiaro. Prendiamo atto che gli insulti non provengono dai curatori del sito.
c.p.
calcolatrice?
2 Venerdì 11 Aprile 2008 14:40
x Arturo
Leggendo l'articolo non mi pare che il punto sia calcolatrice, al massimo può essere un esempio tra tanti ma, gli insulti gratuiti e il mancato rispetto verso chi lo ha sempre avuto!
P.S. il cellulare non fa parte dell'armamentario del buo presidente...
A buon intenditore...

---

Scusa, caro lettore, vuoi specificare da che parte vengono insulti gratuiti e mancato rispetto? Non ho ben capito ciò che intendi comunicare.
Grazie.
c.p.
Calcolatrice...
1 Venerdì 11 Aprile 2008 10:47
Arturo
E pensare che ormai sono tutti armati di cellulare che, tra l'altro, ha anche la funzione di calcolatrice. In ogni caso, come si possono fare dichiarazioni di questo genere? Ciascuno si assuma le sue responsabilità al momento giusto. Grazie

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):