Home » Eventi » Al voto per scegliere il futuro

Immagini del paese

Castello 41.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 6874010

Notizie del giorno

 
Al voto per scegliere il futuro PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 34
ScarsoOttimo 
Martedì 07 Giugno 2011 20:14

di Carlo Patatu

Domenica prossima, prima di volare in Sicilia, andrò a votare.

Per dire che sono contro il nucleare e la privatizzazione di un bene prezioso come l'acqua. Che, come l’aria, non ha padroni. Non ne deve avere. Ma, soprattutto, voterò per sostenere che tutti i Cittadini (proprio tutti) sono uguali davanti alla Legge.

Andrò a esprimere quattro SI per non lasciare che altri, mossi da ragioni che non sono le mie, decidano per me. Magari contro di me.

Mi spaventa l’idea che la mia terra venga stipata di veleni da smaltire in decine di migliaia di anni. Mi terrorizza il pensare che un banale evento o una colposa distrazione possano innescare una catastrofe irreversibile. Com’è accaduto altrove più volte. Il patrimonio naturalistico avuto in prestito dai miei avi sento di doverlo restituire, per quanto possibile, integro ai miei nipoti.

M’indigna l’atteggiamento di politici e amministratori pubblici che abdicano a cuor leggero a favore di privati ogni prerogativa gestionale di un bene primario: l’acqua che ci disseta e ci fa vivere.

Infine, poiché i Padri costituenti saggiamente stabilirono che siamo “...tutti uguali davanti alla Legge...”, non mi piace che ci sia qualcuno più uguale di un altro. Non gradisco che pochi privilegiati, legibus soluti come ai tempi del Re Sole, se accusati si difendano dal processo. Invece che nel processo, com’è giusto che sia.

Ebbene, non sono, queste, buone ragioni per andare di corsa a votare quattro volte SI, Domenica e Lunedì prossimi?

Se sei cuorioso e interessato al problema, clicca qui.

Ultimo aggiornamento Lunedì 13 Giugno 2011 22:43
 
Commenti (1)
Passaparola
1 Venerdì 10 Giugno 2011 19:03
Soddu Salvatore

Assurdo invitare a non andare a votare. Che poi questo venga da persone che ci governano rende non costituzionale l'invito. Ricordiamo che dobbiamo pubblicizzarlo noi il Referendun. Visto che a quanto pare nessun' altro lo farà...né Rai né Mediaset.


Sappiamo il perché ?


Perché nel caso in cui riuscissimo a raggiungere il quorum lo scenario cambierebbe e potremmo da cittadini dire la nostra, senza subire decisioni prese da chi ci governa per interesse di qualcuno.


Grazie che se ne parli. Sottoscrivo: quattro volte SI!!!

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):