Home » Limba Sarda » Sechi Franco » Franco Sechi - Rocca

Immagini del paese

Istradone1.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 11090136

Notizie del giorno

 
Franco Sechi - Rocca PDF Stampa E-mail
Domenica 13 Aprile 2008 19:55

Cliccando sul trangolino nero dell'icona qui sotto, è possibile ascoltare il pezzo dalla voce dell'autore.

 

{mgmediabot2}path=images/stories/media/sechifranco/rocca.mp3|type=mp3|buffer=8|displayheight=0|image=images/stories/fruit/pears.jpg|autoplay=false|width=250|height=18{/mgmediabot2}

 

Como ti nde ses pesadu!
Già fît ora, brulligadi!
Ista calmu, ammasettadu,
setzi igue, ascultami.

 

Eo già ti connoschia:
caddu, carru, tottu fis.
Calchi 'olta ti timia
E tue custu l'ischis.

Fis che rocca,
che rocca chi torres.
Fis che rocca
Che rocca ses.

Non giuat a narrer "mai";
e nemmancu "non resesso".
Si naschet goi; si morit gai,
non ti che fales giosso.

Si una 'olta ses fuidu
Cun sa conca peri su 'entu,
chenza nudda ses torradu,
poi chi as vividu a bistentu.

Fis che rocca,
che rocca chi torres.
Fis che rocca
Che rocca ses.

Cussu logu est sempre tou,
niune l'at appeittadu;
su chi aisi est che nou,
solu tue l'as impittadu.

Como, pensa a istare 'ene,
non ti misces pensamentos.
As roba, 'inu, pane...
A laccana sos ammentos.

Fis che rocca,
che rocca chi torres.
Fis che rocca
Che rocca ses.

(1996)

 

 

Ultimo aggiornamento Domenica 26 Dicembre 2010 20:09
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):