Home » La Tribuna » La Tribuna » La Tribuna: Vendette trasversali?

Immagini del paese

Immagine 005.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 11244684

Notizie del giorno

 
La Tribuna: Vendette trasversali? PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 82
ScarsoOttimo 
Lunedì 26 Settembre 2011 12:28

Ennesima interrogazione presentata al Sindaco: questa volta sull'affidamento del servizio di scuolabus

di Francesca Scanu[1]

In questi giorni sono iniziate le lezioni del nuovo anno scolastico. Puntualmente, con esse, ha avuto inizio il servizio di trasporto degli scolari con lo scuolabus. Da alcuni anni il mezzo era condotto da Mario Sotgiu.

A Mario tutti riconoscono di essere persona pacata ed attenta, seria e scrupolosa. Oltre che, per precedenti esperienze lavorative, pratico di motori e carrozzerie. Capacità che, viste le condizioni in cui era ridotto il nostro scuolabus, hanno consentito di rinnovare il mezzo a costi pressoché nulli.

Fatto sta che, dopo due o tre giorni di servizio, Mario non conduce più il pulmino. Ora lo conduce una persona originaria di Martis. Come mai?

Si dice che alla nuova gara d'appalto per l'affidamento del servizio, nessuno si sia presentato o, è parso di capire, che l'unica ditta che ha manifestato interesse non avesse la documentazione in ordine.

Allora che hanno fatto? Hanno fatto iniziare il servizio a Mario, salvo poi sostituirlo con uno "straniero" (niente di personale con il martese).

Motivi? Boh!

C'è qualcosa da dovere far pagare a Mario Sotgiu?

Crediamo nulla. O sarà che ha una colpa che in fondo non è sua? Sarà che è fratello di Toruccio? Avete capito bene: Toruccio, il consigliere comunale. Quello che, dopo aver seduto tra i banchi della maggioranza comunale, ha deciso, con la sottoscritta, di formare un gruppo indipendente che fosse libero di esprimere le proprie opinioni senza dover andare in consiglio ad alzare la manina e votare, passivamente, a favore di quel che decide il Sindaco o chi per lui.

I Chiaramontesi sanno bene a cosa siamo andati incontro per aver fatto quella scelta: cercano in tutti i modi di farci terra bruciata attorno.

Visto che, come abbiamo avuto occasione di sentire dalla bocca del Sindaco, siamo già in campagna elettorale per le prossime comunali, quale occasione migliore poteva presentarsi per farla "pagare" a Toruccio, anche se in modo indiretto? Togliere il posto di lavoro a Mario, e quindi far mancare il sostentamento alla sua famiglia, è una bella "lezione" per Toruccio.

Sicuramente avranno pensato che così facendo si potevano togliere dai piedi quello che ritengono un rompiscatole che sta lì a fare domande, a porre interrogazioni ed interpellanze, a chiedere copie di atti e convenzioni. Insomma potevano togliersi di mezzo un Consigliere Comunale che cerca di compiere solamente il suo dovere istituzionale e che non sta lì a fare la bella statuina.

E invece hanno sbagliato anche stavolta. La prima cosa che abbiamo fatto è un'interrogazione per conoscere come sono avvenuti i fatti e per avere copia degli atti che ci faranno capire se nello svolgimento della gara d'appalto vi sono state delle anomalie. Leggete l'interrogazione che segue questo mio intervento.

Non capiamo, infatti, data la carenza cronica di lavoro, come mai nessuno si è fatto avanti per partecipare alla gara. È possibile che i prezzi fossero troppo bassi e nessun appaltatore li abbia ritenuti sufficienti per lo svolgimento del servizio? È possibile che, in assenza di un vincitore della gara, il servizio sia stato affidato, anche se temporaneamente, ad una ditta che non ha dimostrato interesse alla gara stessa non partecipandovi? Questo martese (ribadiamo di non avercela con lui) avrà senz'altro accettato di svolgere il servizio ad un costo maggiore di quello previsto in appalto.

Aspettiamo i prossimi giorni per vedere le carte e cercare di dare una spiegazione a questo mistero anche perché non vogliamo credere che sia stato tolto il pane di bocca ai genitori di due bambine per pura vendetta politica.

Vi farò sapere presto. Ecco, intanto, l’interrogazione presentata al Sindaco:




[1] La dottoressa Francesca Scanu è consigliere comunale e siede all’opposizione

 

 
Commenti (1)
Arragatevi!
1 Lunedì 26 Settembre 2011 19:10
dall'Aventino

Cara dottoressa, abbia l’animo preparato all’arrivo di altro ancora …. come se non bastasse! In tal misura anche chi vi sta attorno: impiccioni per abitudine e rompiscatole molesti e importuni. Come la zanzara Culex (west Nilo).


E allora?, …arragativi e attrinzatevi. Il Caravanserraglio di via F.lli Cervi 1 non si tocca, ma a una certa ora della notte si sente una voce, come accorato lamento, venire dai corridoi vuoti :


Dint'a sta casa


mia quanto nce stive tu


rignava l'allegria


surriso e giuventù .


'A che te ne si ghiuta


nun ce resisto cchiù ,


sta casa è triste e muta


pecchè nce manche tu.


(da "Casa mia" di Antonio De Curtis, Totò)

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):