Home » Limba Sarda » Sale Maria » Maria Sale: Bidda a car'a bentu

Immagini del paese

Ch neve 2005 23.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 4931140

Notizie del giorno

 
Maria Sale: Bidda a car'a bentu PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 16
ScarsoOttimo 
Lunedì 10 Ottobre 2011 19:24

Qualche giorno fa, la poesia che segue è stata premiata con una menzione d’onore alla rassegna "Elighes 'Uttiosos" di Santu Lussurgiu. A questi fanno seguito altri versi di Maria Sale; ma in italiano. E coi quali, fa sapere l’autrice, “esprime, con altre immagini poetiche, lo stesso sentimento e lo stesso paese”. (c.p.)

Bidda a car'a bentu

Intrat e fuet su 'entu

in sos carruzos istrintos,

e inghiriat contonadas

cun pinzellos infustos,

in laccheddos de sole.

Cun manos pedrosas

carignat rundas

e concheddas de janas.

Bandidore 'e sas novas,

bendidore 'e sa sorte,

berdulariu chi fuet

e torrat e istruet

e triulat e affianzat...

Sun manizos de 'entu

cando fruscu intrat

e tzoccat sas campanas

e nos intronat'in coro.

Bolos de piuere

coberin sinnos

e nuraghes concudos,

chi ancora tenen

sas pedras umpare.

Sos assentos suos

lassat iscrittos

in pijas de caras,

a s'ispingh'e arrumba

in sa costera,

de suelzos mannos,

imbenujados,

pro un'iscaza 'e sole....


Ojos pitzinnos isperian

sa camba 'e mare mannu.

Turmentu antigu restat...

Carigno s'impedradu

in carrelas boidas.


Bentu frittu in coro

istasero punghet...

---

Paese

Nell'alone di vento

che avvolge la cima

dei tuoi "cari ruderi"

vibra ancora intensa

la luce del giorno

mentre tutt'intorno

stanco il sole cede

il potere all'ombra.

Vola, aleggia e posa

come un triste canto

che di tanto in tanto

antiche note porta

e fra malinconia

di dolcezza intrisa

mi fa tesser parole

da tendere nel vento

che dondola e che increspa

la tela ed i ricami

che con mano incerta

sto cucendo piano.

Mentre cammino a fianco

del tuo "muro d'ombre"

sento che mi sfiora

e par che mi sospinga

quel passare stanco

dei vecchi pastori,

con bisacce vuote

trascinate a stento

strette da carezze

di rugosa mano

fra presente e arcano

ad incitar speranze.

Ed io figlia ignara

crebbi solo ricordi

che oggi evoco stinti

sul vecchio selciato

dal tempo ormai confuso.

E quando vedo stretti,

i tuoi tetti al colle,

bianco di calcare,

e all'orizzonte il mare,

è tutto un palpitare

chiuso in culla di sogni:

Paese

in quell'abbraccio

sei rifugio e quiete

e l'anima mi colmi

stringendo forte il cuore

 

Ultimo aggiornamento Martedì 11 Ottobre 2011 11:27
 
Commenti (1)
Poesia M. Sale
1 Mercoledì 12 Ottobre 2011 14:47
N. Scanu

Ma che bella!! Complimenti alla Signora.


Saluti cordiali NS

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):