Home » Limba Sarda » Demelas Stefano » Istevene Demelas: Sa bellesa ‘e sa vida

Immagini del paese

Scorcio 4.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 8710128

Notizie del giorno

 
Istevene Demelas: Sa bellesa ‘e sa vida PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
Martedì 01 Gennaio 2013 00:00

Con gli auguri di buon 2013, proponiamo all’attenzione dei lettori questa poesia di Stefano Demelas, pubblicata nel volume “Sas poesias de Istevene Demelas", Chiaramonti 2012, pagg. 11-12. (c.p.)

---

Si m'amment'e l'haer bida,

mi che torro a pitzinnia.

M'accisat de allegria,

totu su chi appo fattu

e orizan su retrattu;

sos'ammentos de sa vida.


Passizend'in sa carrela,

'ido sa rosa galana.

Che amabile funtana,

a sa mente torrat puru;

o che cando b'hat iscuru,

s'azzendet una candela.


In sa domo b'hat ricchesa,

cand'est'allegru su coro.

Ammirende sa chi adoro,

est tot'un'atera cosa,

profumada che una rosa,

issinzende sabiesa.


Custa domo est preghiera,

ogni die fatto abboju

pro ammirare cun s'oju

salude, paghe e amore,

cudd'angelicu candore,

chi che regnat 'ogni sera.


Una perla 'e diamante,

de iscarlattu colore.

Pro sa vida tenzo amore,

no cherz'a morte pessare,

sempre prontu a cuminzare,

cun ispiritu costante.


Mai la conto finida,

s'esistenzia bramada.

Como chi mi l'hana dada,

est dover'e cortesia

de viver'in bramosia

sa bellesa de sa vida.

Ultimo aggiornamento Sabato 05 Gennaio 2013 22:53
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):