Home » Limba Sarda » Truddaju Bainzu » Bainzu Truddaju: Pastore in ierru

Immagini del paese

Immagine 020.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 4931130

Notizie del giorno

 
Bainzu Truddaju: Pastore in ierru PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 12
ScarsoOttimo 
Venerdì 08 Novembre 2013 00:00

Falat su sole in palas de su monte                   

pro che fagher lugore in s'ater'ala,                                       

in d'unu riccu e lontanu orizonte.                                      

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cun s’ama addaenanti e linna a pala,

recuit a cuile su pastore,

timende de sa notte s'ira mala.

 

Faghet su fogu, chenat e rigore

fattat o non nde fattat, sa nottada

li dat sonnos dorados; e a s'albore,

 

bidende s’ama istella e-i s'anzada (1)

cun tittas mannas cantu unu barile,

cantat beneighende tanta... intrada.

 

Unu fittone fumat in cuile.


1958

l) s’ama istella: de murghere.

 

Cfr. BAINZU TRUDDAJU, Rosas e ispinas de Baldedu, Ivo Melis Editore, Cagliari 1992, pagina 182

Ultimo aggiornamento Venerdì 08 Novembre 2013 11:23
 
Commenti (1)
S'ama istella
1 Venerdì 15 Novembre 2013 09:24
Tore Patatu

"S 'ama istella" non è "s'ama de mùrghere", se non per deduzione o, meglio, per il cosiddetto metodo degli impliciti e delle inferenze. Mi spiego meglio, esemplificando proprio con questo stupendo verso di tiu Bainzu. "S'ama anzada", cioè figliata, non può essere munta, in quanto deve allattare l'agnellino. "S'ama istella", cioè non figliata (vero significato di istella), invece, deve essere munta. Tanto è vero che, per poter mungere la pecora figliata, bisogna procedere alla macellazione del povero e innocente l'agnellino. Questa operazione, in Sardegna, viene chiamata, istellare, cioè, ironizzando, riportare la pecora allo stato di "signorina", cioè istella. Che, per significato deduttivo, può essere nuovamente munta.


---


Grazie, Tore. In realtà anche a me ha fatto sorgere qualche dubbio la nota che io stesso ho riportato a pie' di pagina, integralmente riprodotta dal testo originale del poeta. Ora il tutto appare chiaro pure a me. Grazie ancora. (c.p.)

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):