Home » Limba Sarda » Sale Maria » Sa luna mia[1]

Immagini del paese

PIC00095.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 5542144

Notizie del giorno

 
Sa luna mia[1] PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 8
ScarsoOttimo 
Sabato 11 Gennaio 2014 00:00

de Maria Sale


A passos prios iscradiat

in drettos fitianos,

sa luna mia

issogadora de nottes

cun giobos de lughe.

At  leadu sa torrada

e tremet istremenende

a s’ala de sole  inciupida,

sa luna mia incanida.

 

 

 

 

 

 

 

Tzoccat gianna a disora,

s’accerat fuiditta  e si cuat,

no pasat inziende affaìnu,

sa luna sempre in bighinu.

E bizat sa pidiga iscutta,

candela, in mesu sa nue,

isgantzitende s’intrada,

sa luna cun manu accabada.


L’appo ‘ida cari tunda,

codulende, intro su poju,

ispijendesi a s’abboju

cuncordadu a s’intrinada,

sa luna mia ingiogatzada.

Bratzi culza, no giompia

a la poder carignare;

tando in s’oru, imbenujada,

bestighitas  isterria,

a sa luna tota mia.

Fit inie chi tenia

un’apitu, unu cunzadu

totu a rosas piantadu.

Chena  tzinnu, in pedra lada,

da-e su poju s’est boltada,

a ispijare ater’annada.


Deri sero, m’at contadu,

de sos frueddos  annoàdos,

su chi deo appo piantadu

contivizat  issa inie.


Meledat e porrit a mie,

sa luna mia cossizera,

de su tempus fattu altare.


---


Traduzione in italiano a cura dell’Autrice

La mia luna

 

A passi stanchi scivola

nei soliti tratti,

la mia luna

accalappiatrice di notti

con gioghi di luce.

Va verso il ritorno

e trema sfranando

nella parete inzuppata di sole,

la mia luna incanutita.

Bussa ad ora inusuale,

s’affaccia fuggente e si cela,

senza sosta con fare incitato,

la luna sempre in vicinato.

E veglia l’attimo oscuro,

quale fiaccola, al centro di nube,

aprendovi esile varco,

luna che porge saggezza.

Col viso tondo l’ho vista,

rotolando, nel laghetto,

quale specchio all’imbrunire,

per l’incontro concordato

con la luna mia giocosa.

Le mia braccia ancora corte,

non potevan carezzarla;

e dal bordo, inginocchiata,

bastoncini protendevo,

alla luna tutta mia.

Era lì che io avevo

un recinto, un gran tancato

un roseto ben piantato.

Senza cenno, in pietra liscia,

da quel lago si è spostata,

rispecchiando altre stagioni.

Ieri sera, mi ha informata,

di germogli rinnovati,

ciò che avevo io piantato

lei coltiva ancora lì.

Medita e poi mi sussurra,

la  luna mia consigliera,

di quel tempo fatto altare.



[1] 1° Premio – Concorso 2011- C.R.E.I.-ACLI Sardegna

 

 

Ultimo aggiornamento Domenica 09 Febbraio 2014 11:03
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):