Home » Limba Sarda » Seu Giuanne » Giuanne Seu: Su regnu 'e sos animales

Immagini del paese

Chiaramonti 1900.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 8629118

Notizie del giorno

 
Giuanne Seu: Su regnu 'e sos animales PDF Stampa E-mail
Lunedì 12 Maggio 2008 22:44

Riceviamo da Enza Loi (che ringraziamo) e pubblichiamo le ottave seguenti, cantate in palco dal poeta estemporaneo chiaramontese Giuanne Seu nel corso di una gara tenutasi in un paese imprecisato e della quale non conosciamo la data. In quella occasione, a Seu era stato assegnato, quale tema da trattare, il “regno animale”; gli altri due poeti, Pepe Sotgiu e Bernardo Zizi, “difendevano” rispettivamente il regno vegetale e quello minerale. È un vero peccato che non ci siano pervenute anche le ottave di Sotgiu e Zizi.

SEU:

Terminadu su primu itineràriu,
in su dovere devimus sighire;
fît de dare su tema netzessàriu,
pro la poder sa zente divertire.
Si ana su vegetale e mineràriu,
su chi tenz'eo podides ischire;
Ducas devo cantare a contu meu
sos animales chi at creadu Deu.

A bo los elencare totu in riga
de pag'ora non bastat un'iscena;
afronto cun coraggiu sa fadiga,
si mi permitit s'estru e-i sa vena;
a comintzare da-e sa formiga,
finas a ch'arrivare a sa balena.
M'apartenin mannos e minores
de sa terra e de mare abitadores.

Como chi as su mare ses cuntentu
e t'ispassas che fizu de reina,
podes esser padronu 'e sa salina,
as tesoros de oro e de argentu;
ma dana a s'universu s'alimentu
sos pisches chi abìtan sa marina.
Cussos a nois aggiunghen sa vida,
ma pagu alet cuss'abba salida.

De bèstias sa terra in abbandonu
niente 'alet chi nde sias cunvintu:
su leone a sos buscos est custrintu,
ca est de sa foresta su padronu;
b'at finas animales chi an s'istintu,
chi marcan tempus malu e tempus bonu.
Ca tentu amus da-e s'animale
su baròmetro antigu e naturale.

Contan tropu in sa terra sos masones,
ca mustran peta e late fitianu;
sun che ambasciadore sos piciones,
ca sas novas che giughen'a lontanu.
Est bella s'armonia 'e sos puzones,
cando in coro cantana in beranu.
Cun s'insoro dulcuria e melodia
ponene sa natura in allegria.

As nadu chi sa luna est iscoberta,
ca est oe s'iscienzia potente.
Eo naro che Pepe novamente:
a ite t'est servida cuss'oferta,
si non bi podet campare sa zente,
proite est isfrutifera e diserta.
In custa terra non che mancat nudda,
ca ti do 'eo finzas lat'e pudda.

Bae chi non nde 'olto su cherveddu
a che cherrer pigare a s'infinitu;
e Pepe Sotgiu s'est fatu mannitu,
ca tenet de banana unu sacheddu.
Creo chi siat mezus su porcheddu,
s'anzone, su 'itellu e-i su crabitu.
Ogni banca desizat fitiana
àteru che indàtiru e banana.

E, pro mi dare sida, calchi ramu
ti aceto su tou contributu:
però 'e peta 'alet unu gramu
che chentu chilos de pira e frutu.
Si non leare podes su salàmu,
su saltzitu afitadu o su prosciutu,
ch'aggradat finas a unu principinu
pius che de aranzu e mandarinu.

Tenes rejone chi a bog'arta proes
chi ti ses de motore fatu amigu;
però t'ammenta: in su tempus antigu,
sos ch'in s'agricoltura fin eroes
ana giuntu a s'aradu duos boes
e betaian'orzu, fena e trigu.
Tando est su meritu 'e s'animale
chi incrementadu at ogni vegetale.

Cand'Erode paganu in Palestina
mandeit a su pòpulu unu editu,
ca de Cristos cheriat su delitu,
cheriat istrotzare ogn'innotzente
Giusepe cun Gesùs fin'a s'Egitu
fuidos sunu a caddu a su molente.
E tando est su merìtu totu meu,
c'apo salvadu su fizu 'e Deu.

Dagh'est naschidu Cristos nazarenu
in sa caverna guas'in segretu
e ca Maria non teniat letu
che l'at colcadu supra 'e su fenu;
però l'ana iscaldidu, cun s'alenu,
sa mula 'e unu 'oe mansuetu
in cussa gruta piena 'e mufa
sos animales l'an fatu 'e istufa.

Nachi Gesùsu retzit gioiellos,
ca l'ana iscritu: ammentare ti dêse
ca si a Deus l'at giutu fin'a pese
a sa gruta sos regalos bellos
partin da-e s'Oriente sos tre rêse
daghi an garrigadu sos cammellos.
Est de sos animales cuss'onore,
c'ana onoradu a Cristos Redentore.

O Pepe Sotgiu, meda non ti 'antes
chi dae linu sos tessutos criana;
anda pro gai a sos tempos distantes,
cando sa tela non la connoschiana,
fini nudos sos primos abitantes
e dae ruzas peddes si 'estiana.
Dad'ap'eo in bestire contribudos
cando non esistian sos tessutos.

A s'animale canto deo s'osanna
ca est s'aggiudu de ogni cristianu
daghi su cane pones in sa gianna
resta fidele che guardianu
ei su puddu allegru a boghe manna
cantat in su puddarzu ogni manzanu
non tenet su rellozu netzessàriu
epuru non isbagliat in s'oràriu.

An valore sos palatos mazores
e finas sos fiores de ogni ratza
ma dese ischire chi rendene onores
in tzitade in piatza
e cale gustu an sos catzadores
sa prima die chi aberin sa catza
ca faghene a su monte una partida
pro chilcare sa peta saborida.

A mie Zizi mi parese istranu
cando faeddas dei cussa manera
tue ti pones su fusile in manu
e-i sas cartucias in sa cartucera
chi 'essis chito chito su manzanu
a sa montagna a chilcare sa fera
però si fera inie non de agatas
nara cussu fusile si lu tratas.

Ma s'archibusu non ti dat profitu
e non balet ch'ispares a disputa
prite chie a sa fera istada apitu
chi essit chito chito pro una iscuta
chie giughet de canes una muta
chie giughet in bratzos su eritu
ch'est bèstia minore e ratza nana
chi nde 'ogat sos coniglios dae sa tana.

A bistas minerale apena in pasu
ch'est tota mia sa produtzione
si mancat animales a cumone
s'universu ti paret più romasu
sa elveghe ti rendet un'anzone
e-i su late friscu burru e casu
oltre chi dat sa peta ei sa lana
e nara ite valore at sa campana.

M'ammento cando in epocas lontanas
a Roma cheren tessere un'imbrogliu
sas enimigas armas chitulanas
cheriana arrivare a Campidogliu
tando s'ischidana sas ocas romanas
e si sun postas a fagher degogliu
cussas an sos romanos ischidadu
ei sos nemigos ch'ana iscatzadu.

Cando Deus dae s'alta gerarchia
at distrutu s'umana parentella
e Noè cun tota sa familìa
baranta dies intro de una cella
tando mandadu at sa columba bella
e nd'at batidu su ratu 'e s'olia
e at ischidu dae s'animale
chi fi sessadu cussu temporale.

Ultimo aggiornamento Lunedì 15 Ottobre 2018 00:22
 
Commenti (1)
Sarebbe interessante conoscere le fonti
1 Domenica 22 Giugno 2008 16:05
Anghelu 'e sa Niera
Si vede che c'è il respiro del grande poeta, ma penso che la trascrizione forse non sia del tutto precisa, visti alcuni versi monchi. Sarei curioso di conoscere se il testo è stato trascritto da altra fonte e in quante mani è poi passato. Il trascrittore evita le doppie, perché?
Un esperto di lingua sarda potrebbe agevolmente ricostruire i versi in modo ortograficamente corretto,rifacendosi anche ad altri testi che sicuramente si hanno di questo poeta chiaramontese. Vorrei sapere se esistono pubblicazioni di altre ottave. Grazie
Angelino

---

Il testo, procuratoci da Enza Loi, era stato da me sottoposto a Tore Patatu perché, prima della pubblicazione, lo rivedesse nel rispetto delle regole grammaticali vigenti. Che, lo dico andando contro corrente, a me non piacciono proprio. Ma io non sono né uno studioso né un cultore della lingua sarda. Mi limito a parlarla correntemente, con parenti e amici, così come l'ho imparata a casa dai miei genitori e per la strada. Per quanto attiene alla gara poetica in questione, la stessa Enza Loi, da me sollecitata, ha procurato pure i testi delle ottave prodotte dai poeti che gareggiavano in contraddittorio con Giuanne Seu. Non appena le stesse saranno opportunamente rivedute e corrette, saranno pubblicate. Per il resto, invoco l'aiuto di Tore Patatu, che di queste cose s'intende quanto io non m'intendo.
c.p.

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):