Home » Personaggi » De sos Padronos

Immagini del paese

Ch neve 2005.12.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 8071777

Notizie del giorno

 
De sos Padronos PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Mercoledì 03 Dicembre 2014 20:22

de Sevadore Cossu, rettore de Piaghe

 

Si parla molto, in questi tempi di crisi economica e di licenziamenti a catena, dei rapporti che dovrebbero intercorrere, e di quelli che effettivamente intercorrono, fra datori di lavoro e dipendenti.

Ebbene, sia pure da un’angolazione diversa, il problema ebbe ed affrontarlo e a sottoporlo all’attenzione dei propri parrocchiani il teologo chiaramontese Salvatore Cossu (1799-1868), per oltre quarant’anni apprezzato e amato rettore di Ploaghe.

Un secolo e mezzo fa!

I precetti di ordine morale, come si può leggere nel testo che riportiamo integralmente, seguono (e non precedono) quelli di natura squisitamente “sindacale” (rapporti interpersonali improntati alla familiarità e al rispetto, dando il buon esempio).

Ultima notazione: gli attori del rapporto di lavoro (Padronos, Padronas, Servitudine, Servidores et Servidoras, Domesticos) nel testo sono citati sempre con la lettera maiuscola. A sottolineare la pari dignità personale riconosciuta a quei soggetti dal Rettore Cossu.

Però... (c.p.)

---

Quales sunt sos obbligos de unu Padronu et Padrona cum sa Servitudine?

Su Padronu et Padrona cum sa Servitudine sunt obbligados:

1. Tractarela, non cum superbia nè duros modos, ma cum benignidade et charidade, cumpatendende sos defectos, et dendeli costantes bonos exemplos in paraulas et operas què ad fizos.

2. Quando mancat, curreggirela cum moderatione, et procurare qui imparet sa Doctrina (si non l'ischit), vivat de bona christiana et non declinet dae s'observantia de sa lege de Deus et de sa Ecclesia; su qui torrat in bene de sos matepsi padronos, proite sunt mezus servidos[1].

3. Provvidirela de victu et bestidu cumbeniente (salvu qui non si siat diversamente cuntractadu) et dareli in su tempus cumbennidu su salariu et quantu s'est licitamente pactuidu, senza si nde retenner prepotentemente.

4. Non obbligarela ad trabaglios in dies de festa, nè indiscretos o damnosos ad niunu; et hàerende, quando est malaida, cura charitativa.

5. Non permitter familiaridade, nè libertade pergulosa inter Servidores et Servidoras, od ateras personas de sa familia; et prudentemente licentiarela, quando est de iscandalu, o de damnu ad sa domo.

 

Cfr. CATERINA SATTA – ANGELINO TEDDE, I doveri del cristiano nelle opere in lingua sarda del rettoree di Ploaghe Salvatore Cossu, ed. Associazione Culturale “Alcide De Gasperi”, Sassari 2007, pagg. 225-226



[1] Narat S. Paulu, esser infidele, et peus, quie non hat cura de sos Domesticos: epperò sos bonos Padronos solent mandare sa Servitudine ad sas preigas, ad sos cathechismos et ad sos Sacramentos; ischende qui Deus, Supremu Padronu de totu, hat meda charos cuddos Padronos qui concurrent ad sa sanctificatione de sa povera Servitudine; comente meda odiat cuddos ateros, qui crudeles contribuint ad la perder non curendela abbandonendela, currumpendela...

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Dicembre 2014 20:31
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):