Home » Limba Sarda » Demelas Stefano » Sa notte santa

Immagini del paese

Chiaramonti panorama 23.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 7698883

Notizie del giorno

 
Sa notte santa PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 8
ScarsoOttimo 
Martedì 23 Dicembre 2014 19:15

di Guido Gozzano

in sardo di Stefano Demelas

Certi di fare cosa gradita ai lettori, pubblichiamo una vecchia, cara poesia di Guido Gozzano (Torino 1883-1916), da noi tutti imparata a memoria sui banchi della scuola elementare.

Ve la riproponiamo nella versione in lingua sarda del poeta chiaramontese Stefano Demelas, non mancando di riportarne anche il testo originale in lingua italiana.

Tutto ciò con i nostri migliori auguri di buon Natale. (c.p.)

---

 

Giuseppe

Oh! Maria consolad'in s'andare,

accò Betlemme! Sa idda 'e sos Rèse.

In cussa domo hamus a reposare

ca tropp'istraccu sò, istracca sese.

Narradore

Su campanile tzoccad'hat sas sese.

Maria

Sos de su Caddhu Murru,

una rete de letu pro Giuseppe e pro a mie.

Primu oste

Signores nò c'hat logu custa die;

e com'ite cherides chi bos fete?

Narradore

Su campanile tzoccad'hat sas sette.

Giuseppe

Padronos de Su Moro, 'ue m'accoto?

Muzere mia nò si rêd'in pese.

Sigundu oste

Sò pienu de prinzipes e rèse,

Prò istasero pagu fagher poto.

Narradore

Su campanile tzoccad'hat sas otto.

Giuseppe

Sos de su "Chelvu Biancu", nessi pro 'oe,

faghidenos drommire pro favore.

Terzu oste

Su logu nd'est pienu, e cale onore,

de damas, contes e d'ogni eroe.

Narradore

Su campanile tzoccad'hat sas noe.

Maria

Padrona 'e sas Tres Merulas, t'intreghe

unu favore in custa notte bella.

Quartu oste

Sun tot'inoghe isetende s'istella,

nò c'hapo logu e nò nd'hapo neghe.

Narradore

Su campanile tzoccad'hat sas deghe.

Giuseppe

Mere de Cesarea, siat gentile...

Quintu oste

Su mastru ascia? Su logu m'infamas!

So pienu 'e cavaglieris e damas

e nò atzet'inoghe zente umìle.

Narradore

Sas undighi han tzoccad'in campanile.

Giuseppe

Mì su nie! Accò una pinneta!

Maria

B'istamus ben'in mesu 'e su fenu!

Giuseppe

Sas bestias nos'iscaldin cun s'alenu.

S’Anghelu

Maria 'e s'iglierare est affranta!

Narradore

Tand'hat tzoccadu Mesanotte Santa.


 

 

 


 

 

 

 

La Notte Santa

di Guido Gozzano

- Consolati, Maria, del tuo pellegrinare!
Siam giunti. Ecco Betlemme ornata di trofei.
Presso quell'osteria potremo riposare,
ché troppo stanco sono e troppo stanca sei.

Il campanile scocca lentamente le sei.

- Avete un po' di posto, o voi del Caval Grigio?
Un po' di posto per me e per Giuseppe?
- Signori, ce ne duole: è notte di prodigio;
son troppi i forestieri; le stanze ho piene zeppe

Il campanile scocca lentamente le sette.

- Oste del Moro, avete un rifugio per noi?
Mia moglie più non regge ed io son così rotto!
- Tutto l'albergo ho pieno, soppalchi e ballatoi:
Tentate al Cervo Bianco, quell'osteria più sotto.

Il campanile scocca lentamente le otto.

- O voi del Cervo Bianco, un sottoscala almeno
avete per dormire? Non ci mandate altrove!
- S'attende la cometa. Tutto l'albergo ho pieno
d'astronomi e di dotti, qui giunti d'ogni dove.

Il campanile scocca lentamente le nove.

- Ostessa dei Tre Merli, pietà d'una sorella!
Pensate in quale stato e quanta strada feci!
- Ma fin sui tetti ho gente: attendono la stella.
Son negromanti, magi persiani, egizi, greci...

Il campanile scocca lentamente le dieci.

- Oste di Cesarea... - Un vecchio falegname?
Albergarlo? Sua moglie? Albergarli per niente?
L'albergo è tutto pieno di cavalieri e dame
non amo la miscela dell'alta e bassa gente.

Il campanile scocca le undici lentamente.

La neve! - Ecco una stalla! - Avrà posto per due?
- Che freddo! - Siamo a sosta - Ma quanta neve, quanta!
Un po' ci scalderanno quell'asino e quel bue...
Maria già trascolora, divinamente affranta...

Il campanile scocca La Mezzanotte Santa.

Ultimo aggiornamento Martedì 03 Marzo 2015 16:42
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):