Home » Limba Sarda » Sale Maria » Cale ‘oghe (Afghanistan)

Immagini del paese

Castello 21.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 5542198

Notizie del giorno

 
Cale ‘oghe (Afghanistan) PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Domenica 13 Settembre 2015 16:07

di Maria Sale

 

E mi ch'ido

in litos isconnotos

inue uppas fuen

cun su sole lantadu.

E puntorzos

isperran s'aera

e istinchiddas

ispinghen

e-i sa vida

truvat.


E giaman

boghes de annèu

boghes de arrennègu

boghes disimperadas

boghes chi no alzan

a chelu.

Boghes

chi sero isfrijinende

cun bentos

chi sighin a isfozire.


E miro

e no distingo

inue eh'est dada

sa rejone.


 

 

 

 

 

 

 

 

Traduzione, a cura dell’autrice

 

Quale voce (Afghanistan)

 

E mi ritrovo

in luoghi sconosciuti

dove fuggono ombre

col sole ferito.

E spade

separano il cielo

e scintille

spingono

e la vita

incita.

 

E chiamano

voci di pianto

voci rabbiose

voci disperate

voci che non ode

il cielo.

Voci

che sento dissolvere

col vento

che seguita a spogliare.

 

Ed osservo

e non distinguo

dov'è che è finita

la ragione.

 

Cfr. MARIA SALE, Carignos de ‘entu, edes, Sassari 2015, pagg. 44-45.

Ultimo aggiornamento Domenica 13 Settembre 2015 16:33
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):