Home » Limba Sarda » Sale Maria » Deo sò

Immagini del paese

Ch neve 2005.19.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 5341149

Notizie del giorno

 
Deo sò PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Giovedì 01 Ottobre 2015 00:00

di Maria Sale

 

So s’istrizile fenu

in sa costera

chi tremet

a sa muida bandulera

cando iscurrit su briu,

e chena pasu

sero ch’istremenende

m’est a riu.


Andaina samunada

a pizu ‘e muru

pessigo

semenende camineras.


A manu lebia

intacco s’antalire

arcadu a sa notte

chi porrit

pedras a chelu,

e in sas giagas de mare

m’apparitzo ‘e benennidas.


Deo so

a raighina ispeddada

cun ranzas pendulende.


Deo so

Pro me ‘oddende

lughes de fiara fritta,

so intende neulas coloradas

chi campan mesa die

e poi isvanessin.


Deo so

chena ‘oghe

pedende ‘eranos

cumbinados

pro rendaglios de ispuma.


Deo so

a car’a bentu

banzighende

alidos de ispera

cun ranzigas boghes

tzocchende

a giannas de coro.


---

 

Traduzione a cura dell’autrice

 

Io sono

 

Sono l’esile stelo

nella valle

che flette

al rissoso rimbombare

quando logora ogni brio,

e senza soste

avverto lo smottarmi

verso il fiume.


Filare dilavato

lungo il muro

inseguo

disseminandovi sentieri.


Con mano lieve

intacco il cantonale

ricurvo nella notte

che porge

pietre al cielo,

e nei cancelli del mare

m’imbandisco accoglienze.


Io sono

con radici scuoiate

e granelli penzoloni.


Io sto

per me cogliendo

luci di gelida fiaccola,

sto dipingendo nebbie colorate

che stan mezza giornata

e poi svaniscono.


Io sono

senza voce

elemosinando primavere

contrattate

per ritagli di schiuma.


Io sono

col viso al vento

cullando

aliti di speranza

fra amare voci

che bussano

alla porta del cuore.

 

Cfr. MARIA SALE, Carignos de ‘entu, ed. Edes, Sassari 2015, pagg. 48-51

Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Settembre 2015 17:34
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):