Home » Limba Sarda » Patatu Salvatore » Su Càntigu de frade Sole

Immagini del paese

Ch neve 2005.11.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 5930464

Notizie del giorno

 
Su Càntigu de frade Sole PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 19
ScarsoOttimo 
Lunedì 05 Ottobre 2015 09:36

de Santu Frantziscu de Assisi (1181 - 1226)

Traduìdu in limba sarda da-e Sevadore Patatu

 

Una decina di anni fa ho tenuto un corso di Lingua sarda presso le scuole elementari di Alà dei Sardi e, alla fine del corso, i bambini recitarono alcune commedie scritte da me e dall'indimenticabile maestra, che mi piace qui ricordare, Caterina Bua, morta giovane alcuni anni fa.

Una di queste commedie era intitolata Sa Cheja de Santu Frantziscu de Alà, nella quale gli alunni recitavano in coro Il Cantico delle Creature di Frate Sole, tradotto da me in sardo. Ho pensato di ricordare la grande “Maestra Caterina”, nel giorno della festa di San Francesco, la festa più importante del suo paese.

---

Altissimu, soberanu e bonu Babbu,

tua sun sas lodes, sa glòria,

s’onore e ogni beneiscione.

A tie solu, Altissimu, si cunfaghen

e òmine perunu dignu est de ti mentovare.


Laudadu sias Tue, Sennore meu,

cun totu sas criaduras tuas,

mascamente tue, Sole, frade meu,

chi dae Isse leas sa lughe ei sa die;

e tue ses bellu e lughente cun ispantu;

de Te, o Babbu Mannu, giughet significu.


Laudadu sias, Sennor meu,

pro sa Luna e sas Istellas;

In Chelu las as postas,

giaras, caras e bellas.


Laudadu sias, Sennor meu,

pro su ‘Entu, frade nostru,

e pro s’Aera, annuada

o ispalatada e in onzi tempus.


Laudadu sias, Sennor meu,

pro sorre nostra, s’Abba,

chi est ùmile, lìera, utilos e pretziada.


Laudadu sias, Sennor meu,

pro su Fogu, frade nostru,

cun su cale allughes sa note,

e issu est bellu,

allegru e forte che ferru.


Laudadu sias, Sennor meu,

pro sorre e mama nostra Terra,

chi sustentat e gruvenat,

e frùtures produit,

coloridos fiores e erva.


Laudadu sias, Sennor meu,

pro totu cuddos

chi perdonan pro more tua;

e suportan marturias e tribulias.

Biados cussos chi suportan in paghe,

ca tue, Babbu mannu,

los as a incoronare.


Laudadu sias, Sennor meu,

pro sorre nostra, Morte corporale,

dae chie nemos vivente  podet isfuire.

Coltzu su chi morit in pecadu mortale;

biadu a chie morit segundu

sa voluntade tua bona e santa,

ca s’àtera morte, sa de s’ánima, non li noghet.


Laudade e beneighide su Sennore,

e ringrasciàdelu e adoràdelu,

cun umilidade manna. Amen


Ed ecco il testo originale


Il Cantico delle Creature

di Francesco d’Assisi (1181 - 1226)

Altissimu, onnipotente, bon Signore,

tue so’ le laude, la gloria e l’honore et onne benedictione.
Ad te solo, Altissimo, se konfano,
et nullu homo ène dignu te mentovare.
Laudato sie, mi’ Signore, cum tucte le tue creature,
spetialmente messor lo frate sole,
lo qual è iorno, et allumini noi per lui.
Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore:
de te, Altissimo, porta significatione.
Laudato si’, mi’ Signore, per sora luna e le stelle:
in celu l’ài formate clarite et pretiose et belle.
Laudato si’, mi’ Signore, per frate vento
et per aere et nubilo et sereno et onne tempo,
per lo quale a le tue creature dài sustentamento.
Laudato si’, mi’ Signore, per sor’aqua,
la quale è multo utile et humile et pretiosa et casta.
Laudato si’, mi’ Signore, per frate focu,
per lo quale ennallumini la nocte:
ed ello è bello et iocundo et robustoso et forte.
Laudato si’, mi’ Signore, per sora nostra matre terra,
la quale ne sustenta et governa,
et produce diversi fructi con coloriti flori et herba.
Laudato si’, mi’ Signore, per quelli ke perdonano per lo tuo amore
et sostengo infirmitate et tribulatione.
Beati quelli ke ‘l sosterrano in pace,
ka da te, Altissimo, sirano incoronati.
Laudato si’, mi’ Signore, per sora nostra morte corporale,
da la quale nullu homo vivente pò skappare:
guai a·cquelli ke morrano ne le peccata mortali;
beati quelli ke trovarà ne le tue sanctissime voluntati,
ka la morte secunda no ‘l farrà male.
Laudate e benedicete mi’ Signore et rengratiate
e serviateli cum grande humilitate.

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 05 Ottobre 2015 23:10
 
Commenti (3)
contatti
3 Martedì 05 Aprile 2016 18:04
maria luisa businco
Gentilissimo Dottor Carlo Patatu, sto organizzando una giornata dedicata all'Ambiente, al Trenino Verde, alle Tradizioni Popolari e alla Longevità nel Comune di Laconi il "4 Aprile p.v. Ho piacere di far declamare il Cantico Delle Creature ad una decina di bambini di una prima media di Laconi. La farei declamare bilingue. Posso usare il Suo bellissimo testo? La ringrazio per l'attenzione e spero di sentirLa presto! Con affetto, Maria Luisa Businco - cellulare: 342 150 7164

---


Gentile Signora, giro la sua richiesta all'autore della traduzione, mio fratello Tore. Il quale non mancherà di risponderle a breve. Sono pure certo che sarà lieto di dirle di si. Cordialmente (c.p.)

Su cantigu de frade Sole
2 Giovedì 29 Ottobre 2015 00:06
Teresa Lonis
Egregio Dott. Carlo Patatu,


mi permetto di servirmi della sua mail fornitami da Tore per poter lasciare un mio commento su “Su cantigu de Frade Sole”.


La traduzione in sardo del famoso Cantico mi ha lasciato piacevolmente sorpresa, tanto che l’ho riletta più volte e ne ho stampato delle copie da dare ad alcune amiche che condividono l’amore e l’orgoglio per la nostra lingua: lingua che Tore usa, come sempre, con padronanza e ricchezza espressiva, ma anche con il tocco del poeta, tanto che la sua versione risulta molto armoniosa quasi musicale: una dimostrazione che il sardo
è atto ad ogni forma di espressione.


I miei complimenti a Tore e a lei cordiali saluti Teresa Lonis

Produzione poetica di Eva Farris di Mores
1 Mercoledì 07 Ottobre 2015 20:10
Tore Patatu

Conosco molto bene la produzione poetica di Eva Farris, in quanto ho spesso letto e commentato sue poesie e sue commedie. Parlerò con lei al più presto e, se lei è d'accordo, mi farò promotore per pubblicare qualche sua poesia.

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):