Home » Limba Sarda » Sale Maria » Sa luna mia

Immagini del paese

PIC00089.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 4931167

Notizie del giorno

 
Sa luna mia PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
Sabato 03 Settembre 2016 00:00

di Maria Sale


A passos prios iscradiat

in dretos fitianos,

sa luna mia,

issogadora de nottes

cun giobos de lughe.

Hat leadu sa torrada

e tremet istremenende

a s’ala de sole inciupida,

sa luna mia incanida.


Tzocat gianna a disora,

s’accerat fuidita e si cuat,

no passat inziende afaìnu,

sa luna sempre in bighinu.

E bizat sa pidiga iscuta,

candela, in mesu sa nue,

isgantzighende s’intrada,

sa luna cun manu acabada.


L’hapo ‘ida cari tunda,

codulende, intro su poju,

ispijendesi a s’aboju

cuncordadu a s’intrinada,

sa luna mia ingiogatzada.

Traduzione a cura dell’autrice

La mia luna


A passi stanchi scivola,

nei soliti tratti,

la mia luna,

accalappiatrice di notti

con gioghi di luce.

Va verso il ritorno

e trema franando

nella parte inzuppata di sole,

la mia luna incanutita.


Bussa ad ora inusuale,

s’affaccia fuggente e si cela,

senza sosta con fare incitato,

la luna sempre in vicinato.

E veglia l’attimo oscuro,

candela in mezzo alla nube,

aprendovi esile varco,

la luna con saggezza in mano.


Col viso tondo l’ho vista,

rotolando, nel laghetto,

si specchiava in quell’incontro

concordato all’imbrunire,

la mia luna giocosa.

 

Cfr. MARIA SALE, Carignos de ‘entu, Editrice Democratica Sarda, Sassari 2014, pagg. 66-67.

Ultimo aggiornamento Giovedì 01 Settembre 2016 23:30
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):