Home » Limba Sarda » Sale Maria » Bentu chi lebiu carignas

Immagini del paese

Chiaramonti panorama 9.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 5033003

Notizie del giorno

 
Bentu chi lebiu carignas PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Sabato 15 Ottobre 2016 00:00

di Maria Sale


Cun pampanas ses torradu

e morigas òndias de lughe

in pojos de lacanas rujas.

E-i s’isburrida imbolas

A mètida ‘e cantu seriu,

reduende sa serrada

un’isalenada arrughida,

che tzinnu ‘e dispedida

ch’incrispit e s’abbentat.


M’intzerrias su passu

Iscoitzende s’andanta

E cun su fuschinare

M’istas chirriende ranos

Pro s’aidu de sa die.


Che bestimenta istrintu

Ti sero in s’isfrijare,

mi das friscura e afianzas,

mi sizis aeràdas d’eranu,

mi ‘asas cun fagher falanu

bentu chi lebiu carignas.


Traduzione a cura dell’autrice

 

Vento che lieve accarezzi

 

Sei tornato a vampate

e rimesti stanghe di luce

In pozzi dai rossi confini.

E il tuo urlo s’espande

con tristi tonalità,

riducendo il finale

un rauco respiro,

come cenno d’addio

che china e rattrappisce.


Destrezza inciti al passo

guizzando andatura

e col tuo frantumare

mi scegli i semi giusti

per valicare il giorno.


Come veste attillata

Ti sento mentre sfiori,

dai fresco e tepore

e cingi di profumi,

mi baci e sei galante

vento che lieve accarezzi.

 

Cfr. MARIA SALE, Carignos de ‘entu, Edes, Sassari 2015, pagg. 74-75.

Ultimo aggiornamento Venerdì 14 Ottobre 2016 11:55
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):