Home » Commenti agli articoli » Lista » Mi pare una relazione da consegnare al vescovo in visita pastorale

Immagini del paese

carruzu longu.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 5553028

Notizie del giorno

 
Mi pare una relazione da consegnare al vescovo in visita pastorale
Scritto da Ange de clermont   
Mercoledì 14 Dicembre 2016 20:45

In genere nello Status Animarum venivano segnate le singole famiglie, ad esempio, "Della famiglia Emme non hanno fatto il precetto i figli maggiori Antonio, Matteo e Giovanni. Padre e madre sì." Oppure "La famiglia Bi non ha fatto il precetto Pasquale, verranno richiamati!"

Dall'esame dei quinque libri delle diocesi centro meridionali, gli Status animarum conservati sono pochissimi in tutte le parrocchie. Nonostante l'obbligo o pochi parroci lo compilavano, vista la delicatezza del caso, o li hanno distrutti giusto nel 1848 a causa delle rivolte, per non rischiare la pelle qualora i laici si fossero introdotti in sacrestia, oppure li hanno bruciati. Fatto sta che i Quinque libri o librorum sono teoricamente 5, ma quasi ovunque si ritrovano in varie lingue a seconda dei periodi in 4.

Alcuni parroci, come raccolto da intervista ad Ossi, Babai Sole, durante la Messa domenicale ammoniva attraverso i fedeli presenti quelli assenti perché adempissero al precetto domenicale.

A me sinceramente questa qui riportata sembra la classica relazione che i parroci dovevano preparare in vista della visita pastorale quinquennale e consegnare al vescovo che poi, prima di recarsi ad Limina Sancti Petri, cioè dal Papa, doveva inserirle nella relatio da consegnare a Roma.

Può anche darsi che questa relazione da te riportata sia stata trascritta anche nel liber status animarum. Del resto il parroco che era presente a Chiaramonti nel 1927 di Giovanni Matteo Tedde ha annotato "Morto rfiutando i sacramenti" e di un altro parente ha scritto "mortem sibi dedit". Queste frasi hanno sapore di Status animarum anche se scritte nel liber sepulturae.

 
Questo è un commento di "1949: come eravamo..."