Home » Limba Sarda » Varie » A Monsignor Filia, Cantore de Sardigna

Immagini del paese

Castello 3.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 5344363

Notizie del giorno

 
A Monsignor Filia, Cantore de Sardigna PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 12
ScarsoOttimo 
Martedì 18 Aprile 2017 18:43

Celebrazione lirica del teologo e storico illoraese Damiano Filia nelle ritrovate quartine di Giuanne Maria Dettori

di Cristoforo Puddu

Del genere di poesia occasionale, celebrativa, encomiastica e dedicatoria è ricca la letteratura del passato.

Le attuali manifestazioni della scrittura poetica, alla ricerca di una nuova funzione, perseguono l’atteggiamento dei tempi e le composizioni si sviluppano spesso nella forma e funzionalità di un sintetico e compresso Twitter o messaggio WhatsApp.

A riportare il pensiero verso le liriche celebrative e dedicatorie è il ritrovamento di una composizione, datata “Zaramonte, 12 Santu Aine 1953”, composta da Giuanne Maria Dettori (autore presentato in questo sito nel 2016) per onorare “A Monsignor Filia, Cantore de Sardigna”.

La composizione, affidata alla struttura classica della quartina, rappresenta una ricca espressione di sentimenti e trascina l’animo nella celebrazione della figura umana, sacerdotale ed intellettuale dello scrittore illoraese Damiano Filia (4 novembre 1878 – 22 maggio 1956), principalmente noto per essere autore della monumentale opera La Sardegna Cristiana.

 

 

 

 

A Monsignor Filia, Cantore de Sardigna

 

Fiore de Sardigna, innamoradu

de su misticu incantu ‘e sa natura,

disizosu ‘e onore e de cultura,

a Tàtari ses teneru faladu.


Sa terra gloriosa de Gavinu

connottu hat prestu su valore tou,

amadu t’hat che veru fizu sou;

e t’hat giamadu a lughidu caminu.


Mastru t’hat postu in su mezus giardinu

de sos fiores suos piùs caros,

e tue, cun sos donos tuos raros,

los has bestidos de briu divinu.


Segretos orizontes isgiaridu

has de sa religione cun amore,

e de Sardigna sacra su valore

in te su cantadore hat connoschidu.


Sas baddes t’han pienu ‘e poesia,

sos montes t’han de sole incoronadu

cando pellegrinende ses andadu

a gustare s’arcana melodia


de sa Sardigna tua. Dogni situ

has tue e dogni pedra interrogadu:

fortunas e piantos t’han contadu

de su populu sou, ogni meritu.


Sos nuraghes t’han dadu cun amore

una pagina ‘e antiga fortilesa:

fit piena de rustiga bellesa

e nd’has retentu in coro su lugore.


Sas chejas già ‘estidas de arcanu,

nidos de paghe in tormentadas zonas,

mustradu t’han sas misticas coronas

ch’àn signadu ‘e Sardigna su ‘eranu.


Fin coronas de fide e bonidade,

cun pèrelas de samben e suore,

cun brillantes de zelu e de unore,

cun rosas de virtude e santidade.


Nomenes caros tenian e tue

los has mirados e los has amados;

in ogni trona los has preigados,

sos meritos cantadu has in tottue.


E poi, cun ricamu geniosu,

los has in d’un’istoria annotados:

los mustras bios e sun tramontados,

c’has artisticu estru calorosu.

 

Eroes de umana passione,

eroes de divinu apostoladu,

sa gloria ‘e Sardigna han procuradu

cun sinzera e nobile unione.


E custa terra, mama de affannos,

ch’in cussos fizos hat bantu e amparu,

oe ti donat un’eternu laru

ca lodados los has pro chimbant’annos![1]


Ogni foza, de sambene venada,

naschida est in punta ‘e Monte Santu:

Elia l’hat toccada cun su mantu

e Cristos l’hat de calighes pintada.


Foza ‘e gratu amore profumada

m’ammentat un’altare fortunadu,

ue pro chimbant’annos cunsagradu

has su Zibu pro s’anim’affannada.


Zelante ti mi mustrat pellegrinu

chi amende has piantu e has gosadu,

chi beneittu has e consoladu

‘e lizos semenende su terrinu.


In sa fronte la còlloco, cuntentu

de t’ider fizu dignu incoronadu:

pro ch’às in vida tantu meritadu,

cust’est umile e caru monumentu!


E cando custu sole in sas pupias

ti morit e invocas su consolu,

sos Santos de Sardigna tottu a bolu

t’aunden de zelestes armonias!



[1]Da-e sa die ch’àt zelebradu sa prima missa.

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Aprile 2017 09:42
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):