Home » Limba Sarda » Cossu Lucio » Lucio Cossu: note biografiche

Immagini del paese

Chiaramonti panorama 20.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 6760922

Notizie del giorno

 
Lucio Cossu: note biografiche PDF Stampa E-mail
Domenica 30 Dicembre 2007 16:08

Nato a Chiaramonti nel 1925, ha seguito il corso degli studi a Sassari, al liceo Azuni e all'Università, laureandosi in giurisprudenza. Da giovane, ha indossato con successo la maglia della squadra locale di calcio. Ha esercitato la professione forense, ha insegnato lingua straniera nella scuola media e ha concluso la carriera scolastica da dirigente.

È stato pure consigliere comunale dal 1965 al 1970 e presidente dell'ECA (Ente Comunale di Assistenza) nel quinquennio successivo. I chiaramontesi della mia generazione ricordano i suoi comizi svolti in occasione della campagna elettorale per le amministrative del 1956. Quando, pur non essendo candidato in alcuna delle tre liste in lizza, si affacciò più volte a una finestra di piazza di Chiesa per prendere bonariamente in giro i candidati in corsa per lo scranno di consigliere comunale o di sindaco. Le sue battute irresistibili, le critiche sferzanti e i nomignoli curiosi affibbiati ad alcuni personaggi molto in vista hanno fatto epoca. Peccato che non ci fossero ancora i registratori e le cineprese a immortalare quel botta e risposta fra i comizianti in piazza. Ci siamo persi la testimonianza interessante di una stagione irripetibile. Della quale Lucio Cossu è stato decisamente un protagonista indimenticabile.

Nessuno poteva immaginare, allora, che la sua passione vera sarebbe stata la poesia "in limba". Una passione coltivata in segreto e che egli ha manifestato quasi all'improvviso, con grande stupore dei suoi compaesani, quando nel 1959 si è classificato al secondo posto nel 4. by Deal Top" style="border: none !important; display: inline-block !important; text-indent: 0px !important; float: none !important; font-weight: bold !important; height: auto !important; margin: 0px !important; min-height: 0px !important; min-width: 0px !important; padding: 0px !important; text-transform: uppercase !important; text-decoration: underline !important; vertical-align: baseline !important; width: auto !important; background: transparent !important;">Premio di Poesia Città di Ozieri, col sonetto "Alveschida de dolore" che pubblichiamo più avanti e che egli aveva composto sull'onda della commozione per la scomparsa, durante il parto del quinto figlio, della giovane Pinuccia Schintu, consorte del suo caro amico d'infanzia Battista Falchi. Due anni dopo, è stato ancora premiato a Ozieri per la poesia in quartine "Terra mia".

Ora riposa nel cimitero di questo paese, dov'è scomparso nel 1999.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 13 Giugno 2018 13:07
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):