Home » Limba Sarda » Sale Maria » Cando passas tue

Immagini del paese

campanile1.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 5542259

Notizie del giorno

 
Cando passas tue PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
Mercoledì 24 Maggio 2017 17:05

di Maria Sale


 

Cando passas tue

s’isfaghen,

si truncan e annanghen

muros de attalzu

cun pedras de ira

fraigados,

pro parare ‘entos

e timorias.


Bi cheres tue,

pro messare ispigas

de ingranire in su sole,

pro grunare ancas

e mutzare chimas

ancora de pesare.


TANDO

attuddit in laras

s’antigu lamentu

e-i su pruite

s’atzendet de nou:

(pregunta mai isolta)

pro ammentare minettas

a dognunu arribadas.


Cando passas tue

si ‘elat su sole

e pius no intebiat

s’oju isozadu.


POI

su passu torrat

a s’andanta ‘e sempre,

Murina Falche

chi a tie nos gighet.

Traduzione a cura dell’autrice

 

Quando passi tu

 

Quando passi tu

si disfano,

si spezzano e uniscono

muri metallici

con pietre di rabbia

costruiti,

per arginare venti

e paure.


Devi esserci tu,

per mietere spighe

da maturare al sole,

per chinare gambe

e spuntare cime

ancor da elevare.


ALLORA

rispunta alle labbra

l’antico lamento

ed il perché

si riaccende a nuovo:

(domanda mai risolta)

per ricordare minacce

serbate per tutti.


Quando passi tu

si gela il sole

e non vi è tepore

per l’occhio ormai smunto.


POI

il passo torna

al ritmo usuale,

Oscura Falce,

che a te ci porta.

 

Cfr. MARIA SALE, Carignos de ‘entu, Edes, Sassari 2015, pagg. 90-93

Ultimo aggiornamento Giovedì 01 Giugno 2017 09:14
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):