Home » Commenti agli articoli » Lista » 1931: "Cooperativa Fascista di Consumo"

Immagini del paese

MVC-002F.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 5454695

Notizie del giorno

 
1931: "Cooperativa Fascista di Consumo"
Scritto da c.coda   
Giovedì 06 Luglio 2017 08:37
In fatto di cooperazione, aggiungo questa memoria. Probabilmente occorre arrivare al 1931, perché venga costituito altro sodalizio in paese. Così la “Cooperativa Fascista di consumo”, per venire incontro ai bisogni della popolazione. A costituire legalmente la società, il regio notaio Italo Lobina; Nico Solinas, segretario provinciale dei Sindacate e il rag. Poddighe, Presidente provinciale delle Cooperative fasciste. A presiedere il Consiglio di Amministrazione, il podestà il dr. Antonio Luigi Madau. Membri del Consiglio: dr. Giulio Falchi, fiduciario comunale dei Sindacati; ins. Pasquale Brau, segretario politico; Carlo Franchini, agricoltore e Battista Scanu, muratore. L'intendimento era sostenere un contributo di solidarietà economica, alle famiglie, e ben sperando che, tra i dirigenti e soci, non si verificasse trascuratezza nel farla progredire nell'interesse generale. Visti i precedenti. P.s.: il regio notaio Lobina, non volle alcun compenso per la sottoscrizione dell'atto, ben sperando buoni frutti di economia in paese.