Home » La Tribuna » La Tribuna » Presidente Pigliaru, fa’ qualcosa di sinistra!

Immagini del paese

Castello 28.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 5332291

Notizie del giorno

 
Presidente Pigliaru, fa’ qualcosa di sinistra! PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 10
ScarsoOttimo 
Venerdì 21 Luglio 2017 09:31

L’Amministrazione regionale prova ad aggirare la severa legge Soru sulla cementificazione nelle aree entro i 300 metri dalla costa

di Carlo Patatu

Alla Regione Sardegna governano Pd e altre piccole formazioni politiche afferenti alla sinistra; ma, stando a taluni provvedimenti in corso di approvazione, pare che a Villa Devoto siedano ancora Cappellacci e i suoi accoliti. E cioè Forza Italia.

Leggo sull’ultimo numero dell’Espresso che a Cagliari è in corso un’operazione volta ad aggirare surrettiziamente le disposizioni della legge urbanistica voluta da Renato Soru quand’era Governatore e dal suo assessore Gian Valerio Sanna e che mirava a salvaguardare l’intera fascia costiera entro i 300 metri dal mare.

Infatti il nuovo disegno di legge urbanistica proposto dall’assessore Erriu, all’articolo 31 prevede che al fine di migliorare qualitativamente l’offerta ricettiva, sono consentiti interventi di ristrutturazione, anche con incremento volumetrico delle strutture destinate all’esercizio turistico-ricettivo.

Che significa?

Che, in concreto, possono essere autorizzati, anche in deroga agli strumenti urbanistici in vigore, aumenti di cubatura nella misura del 25%. E così hotel, pensioni, residence, multiproprietà e lottizzazioni turistiche varie potranno gonfiare di un quarto le previsioni e le situazioni attuali, preparando così una nuova immensa colata di cemento lungo le nostre coste. Che il turismo internazionale apprezza proprio perché in gran parte incontaminate e ancora scarsamente edificate.

C’è da pensare con qualche apprensione a quanto potrebbe accadere a Cala Girgolu (San Teodoro), Capo Caccia e Baia di Conte (Alghero), La Marmorata (Santa Teresa di Gallura), Baia delle Mimose (Badesi), Carloforte e via cantando.

Ecco suonare la campana a morto per una legge severa, quella voluta da Soru. Una legge che, scrive Michele Serra su Repubblica[1], rappresenta un pezzo della storia migliore del PD in Sardegna.

Il nuovo disegno di legge urbanistica, già approvato dalla Giunta regionale e ora all’esame del Consiglio, si configura come un regalo ai palazzinari voraci quale nemmeno i corifei di Berlusconi erano riusciti a partorire. È proprio vero quanto affermava qualche giorno fa in televisione a La7 Pierangelo Buttafuoco: viviamo in una condizione politica paradossale, per cui le cose della Destra finisce col farle la Sinistra e viceversa.

Ma l’operazione, a quel che pare, va incontro a un terreno minato. La sua navigazione si presenta alquanto burrascosa. Una parte dello stesso PD si è ribellata alla proposta di Erriu, il quale ora, messa la sordina alla polemica innescatasi sull’argomento, si affanna a mediare, ricercando una soluzione praticabile, ma che stia all’interno dei confini della decenza. La denuncia fatta dall’Espresso ha avuto il merito di portare oltremare il dibattito su questo problema. Leggo sulla Nuova Sardegna che alcuni parlamentari hanno presentato al riguardo interpellanze al Governo, con richiesta di audizione di Antonio Pigliaru, capo del Governo regionale.

Vedremo come andrà a finire questa ennesima e incomprensibile deriva destrorsa del PD, che pare subire, ancora e irresistibilmente, il fascino delle sirene tardo berlusconiane.

E Pigliaru che fa?

Se ne sta alla finestra. Così pare, almeno. Privo di polso e di carisma, presiede stancamente e con scarsa incisività il governo regionale, prendendo così botte sia da destra che da sinistra.

Sveglia Presidente! Fai qualcosa di sinistra! Facci sapere se anche tu stai dalla parte degli avidi cementificatori delle nostre splendide coste. O se la pensi diversamente. La cosa non è di poco conto, se è vero, com'è vero, che di tutto questo dobbiamo rispondere ai nostri figli e ai nostri nipoti.

 


[1] L’amaca di Mercoledì 19 Luglio scorso.

 
Commenti (1)
FURTO CON "SINISTREZZA"
1 Venerdì 21 Luglio 2017 17:17
Andrea Corso
Soru è quello che d'imperio, sovvertendo tutti i principi costituzionali, ha cancellato il 40% dei volumi delle lottizzazioni CONVENZIONATE facendo strame degli impegni presi dalle amministrazioni comunali. I titolari sulla base dei volumi assentiti hanno effettuato le cessioni alle amministrazioni comunali per uso pubblico. Un vero e proprio furto con...sinistrezza...Se questa è "un pezzo della storia migliore del PD"

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):