Home » Cronache del passato » Cronache comunali di 50 anni fa

Immagini del paese

Murrone janas 4.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 5563105

Notizie del giorno

 
Cronache comunali di 50 anni fa PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 
Lunedì 09 Ottobre 2017 16:55

Ostacoli al progetto della Chiaramonti-Santa Giusta. Il sindaco dovrebbe chiarire la situazione - Un mondezzaio da eliminare- Sconci edilizi

La Nuova Sardegna – 1. Ottobre 1965

CHIARAMONTI – (c.p.) C'era una volta un minuscolo e serpeggiante sentiero che, da Chiaramonti, conduceva al santuario di Santa Giusta attraverso alcune fra le zone più fertili del nostro territorio.

Poi vennero la Regione, il progresso, le elezioni e i cantieri di lavoro. E si diede inizio alla costruzione di una stradetta che, nel volgere di pochi anni, avrebbe dovuto permettere ai numerosi pellegrini di recarsi in macchina al santuario (due volte l’anno, secondo la tradizione) e alle numerose famiglie che vivono in quella zona di condurre un’esistenza più comoda.

Le speranze delle numerose persone interessate alla costruzione della stradetta venivano debolmente alimentate, alla scadenza di ogni competizione elettorale, con lo stanziamento di piccole somme. Che consentivano di far procedere i lavori a singhiozzo.

Ora pare che i nostri consiglieri regionali riescano a procacciarsi i voti anche senza promettere o concedere piccoli stanziamenti. Tant'è che la stradetta si è fermata, da diverso tempo, sulle sponde di un ruscello e attende che venga qualcuno a trarre il fatidico dado che le consenta di superare il corso d'acqua e procedere fino al traguardo.

Nel frattempo, molte famiglie di pastori hanno abbandonato la campagna, forse definitivamente; quelle che ancora ci rimangono sono costrette a viaggiare a dorso di mulo, nell'attesa che qualcuno si decida a dare una spintarella alla macchina burocratica che dovrebbe permettere l'ultimazione dell’opera.

Ammesso che si tratti soltanto di burocrazia...

Infatti qualche maligno osa fare insinuazioni (forse gratuite) che tenderebbero a fare ricadere la colpa più sulle persone che sulla burocrazia. Mi rifiuto di credere che le cose stiano così. Comunque, sarebbe bene, per mettere in chiaro le cose e anche per delimitare nettamente le responsabilità, che il sindaco spiegasse pubblicamente (in occasione della prossima seduta del Consiglio, per esempio) la situazione attuale della strada di Santa Giusta e i provvedimenti che ha preso o intende prendere il Comune per il superamento di questa situazione divenuta ormai insopportabile.

Alcuni anni fa, i pareri divergenti a proposito di questa strada avevano rischiato di compromettere la stabilità della Giunta Brandano[1]. Naturalmente non si vuole che oggi si arrivi a tanto; ma sarebbe logico che le stesse persone che allora lottarono a spada tratta per la prosecuzione dei lavori si muovessero e andassero a ricordare, a quegli alti papaveri venuti a racimolare voti in periodo elettorale, che alle parole, almeno una volta ogni dieci anni, occorre far seguire i fatti.

E ora due brevi segnalazioni.

I rifiuti solidi, ritirati a cura del servizio di nettezza urbana, vengono scaricati nella zona di Santa Maria de Aidos e in punti talmente vicini alla strada provinciale che la stessa si è trasformata in un mondezzaio. Inoltre, i numerosi maiali che vi pascolano e il vento completano l'opera, disseminando qua e là i rifiuti. Che offrono uno spettacolo certamente indecoroso, oltre che un attentato all’igiene.

Sarebbe opportuno assegnare, per lo scarico, una zona adatta, di modo che le immondizie non finiscano sulla strada. La quale, sia ben chiaro, ha bisogno di ghiaia, non di spazzatura.

Il serbatoio per l'acqua pompata da Funtana Noa, costruito ai bordi della via Marconi[2] sacrificando un angolo del nostro bel giardino, ha l’aspetto di un bunker costruito frettolosamente e altrettanto frettolosamente abbandonato. Esso rovina l’estetica della via e del giardino. Vedendolo, viene da pensare che coloro i quali autorizzano le costruzioni non si preoccupino minimamente di conservare l'unico patrimonio di cui disponiamo: la bellezza del paesaggio.

 


[1] Il cav. Nino Brandano è stato sindaco dalla primavera del 1956 fino all’autunno 1960.

[2] Ora via dell’Europa Unita.

Ultimo aggiornamento Lunedì 09 Ottobre 2017 17:20
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):