Home » Limba Sarda » Sale Maria » Chelzo

Immagini del paese

Immagine 022.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 6666010

Notizie del giorno

 
Chelzo PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Mercoledì 28 Febbraio 2018 10:46

di Maria Sale


Chelzo pasare

subr’a sa mimoria,

fraigada ‘e dies

e impastu ‘e ammentos,

gianna ‘e destinu

cun cantone de istoria.

 

Chelzo sa parte mia

Iscameddada,

prima cho ‘entu

tristu e istorridore

l’hapat truncadu

alenti’e s’ischidare.


Chelzo chi siat

iscaza in s’infinidu

inue s’olvidu

in bestes de presente

a manu tenta

est cun su benidore.


Chelzo lughinzos

pro foghiles ruttos

inue peittas frittas

catighende

sun sa rasada

‘e ultimos titones.


Chelzo alleriare

torra de recreu

sos retrattos

de s’anima manna

pedidora de ‘oghe

chi cun pantasimas

andat berdularia.


Chelzo isfrunzare

cun sa ‘oghe mia

alenos noòs

a bentos isganados.


Traduzione a cura dell’autrice

Voglio


Voglio posarmi

sopra la memoria,

incastro di giorni

e cementati ricordi,

porta del destino

fra cantoni di storia.


Voglio la mia porzione

frantumata,

prima che il vento

triste con frastuono

abbia spezzato

il brio del risveglio.


Voglio che sia

una scaglia d’infinito

dove l’oblio

ornato del presente

per mano tiene

il tempo d’avvenire.


Voglio stoppini

per focolai disfatti

dove le orme gelide

calpestano

il rimasuglio

d’ultimi tizzoni.


Voglio invaghire

ancora di piacere

le immagini

della grande anima

che chiede voce

e con fantasmi

erra vagabonda.


Voglio sfrangiare

Con la voce mia

aliti nuovi

e venti ormai svogliati.

 

Cfr. M. SALE Carignos de ‘entu, Edes, Sassari 2015, pagg. 96-99.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 28 Febbraio 2018 10:54
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):