Home » Limba Sarda » Sale Maria » Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia - Capitulu 1

Immagini del paese

Mulino a vento 3.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 7287094

Notizie del giorno

 
Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia - Capitulu 1 PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Giovedì 08 Marzo 2018 14:26

di Maria Sale


La poetessa chiaramontese Maria Sale si va cimentando nella traduzione della Bibbia in sardo logudorese.

Si tratta di un lavoro molto impegnativo, che la nostra compaesana ha affrontato con la consueta umiltà e la consapevolezza di avere assunto un carico gravoso.

Ci ha inviato, e di ciò la ringraziamo, qualche frammento dell’opera realizzata e che riguarda il capitolo inerente alla Sapienza. Contiamo di pubblicare a scansione settimanale il testo in limba, facendolo seguire da quello originale in lingua italiana.


 

SABIENTZIA – CAPITULU 1

Sa sabientzia e su destinu de s'omine

Chircare a Deus e fuire dae su pecadu

  1. Amade sa giustiscia, bois chi cumandadet subra sa terra, in su giustu pensade a Nostru Segnore, chircadelu cun coro sèmpritze.
  2. Issu si faghet agatare dae sos chi no l’intzidian, si mustrat a chie no negat de creère in issu.
  3. Sos arrejonamentos imboligosos istrejin dae Deus, s’onnipotentzia, posta a sa proa, che catzat sos iscabàdos.
  4. Sa sabientzia no intrat in s’anima chi oberat a su malu ne in chie est isciàu de su pecadu.
  5. S’ispiridu santu, chi issinzat, fuet dae sa fintzione, istat atesu de sos arrejonamentos iscabàdos, ch’est dispaciadu cando benit s’ingiustiscia.
  6. Sa sabientzia est un’ispiridu amigu de sos omines, ma no at a lassare impunìdu chie ‘ettat infàmia cun sas laras suas, ca Deus est testimonzu de sos sentidos suos, annotadore verdaderu de su coro sou e iscurtat sas peraulas chi ‘essin dae sa ‘ucca sua.
  7. Difatis s’ispiridu de nostru Segnore pienat s’universu e, abratzende donzi cosa, connoschet donzi ‘oghe.
  8. Pro custu, no l’at a fuire chie narat faeddos ingiustos, no l’at a mancare sa giustiscia vindicativa.
  9. S’at a indisciare in sos determinos de s’eretigu, su sonu de sas peraulas suas at arrivire a nostru Segnore pro cundenna de su malufaghere sou;
  10. 10. ca un’orija chi, belosa, iscurtat donzi cosa, fintzas su fine murmutu no li restat cuadu.
  11. Abbaidadebos, duncas, de su faeddare indebadas, impidide a sa limba su nàrrere male, ca peruna peraula segreta at a èssere chentza efetu, una ‘ucca faularza bocchit s’anima.
  12. No intzerrièdes sa morte cun sos errores de sa vida ‘ostra, no attraèdes sa ruìna cun sas faìnas de sas manos bostras;
  13. ca Deus no at fatu sa morte e no godit de sa ruina de sos bios.
  14. Issu at criadu donzi cosa pro s’esistentzia, sas criaduras de su mundu sun sanas, in issas no b’est su velenu de sa morte, ne s’inferru cumandat subra sa terra,
  15. ca sa giustiscia no morit mai.

Sa vida sigundu sos ereticos

1. Sos eretigos si pregan sa morte cun gestros e peraulas, cretendela amiga si cunsumin pro issa e cun issa faghen alliantzia, ca sun dignos de èssere cosa sua.

Segue il testo originale in lingua italiana

 

Sapienza - Capitolo 1

I. LA SAPIENZA E IL DESTINO UMANO

Cercare Dio e fuggire il peccato

1. Amate la giustizia, voi che governate sulla terra, rettamente pensate del Signore, cercatelo con cuore semplice.

2. Egli infatti si lascia trovare da quanti non lo tentano, si mostra a coloro che non ricusano di credere in lui.

3. I ragionamenti tortuosi allontanano da Dio; l'onnipotenza, messa alla prova, caccia gli stolti.

4. La sapienza non entra in un'anima che opera il male né abita in un corpo schiavo del peccato.

5. Il santo spirito che ammaestra rifugge dalla finzione, se ne sta lontano dai discorsi insensati, è cacciato al sopraggiungere dell'ingiustizia.

6. La sapienza è uno spirito amico degli uomini; ma non lascerà impunito chi insulta con le labbra, perché Dio è testimone dei suoi sentimenti e osservatore verace del suo cuore e ascolta le parole della sua bocca.

7. Difatti lo spirito del Signore riempie l'universo e, abbracciando ogni cosa, conosce ogni voce.

8. Per questo non gli sfuggirà chi proferisce cose ingiuste, la giustizia vendicatrice non lo risparmierà.

9. Si indagherà infatti sui propositi dell'empio, il suono delle sue parole giungerà fino al Signore a condanna delle sue iniquità;

10. poiché un orecchio geloso ascolta ogni cosa, perfino il sussurro delle mormorazioni
non gli resta segreto.

11. Guardatevi pertanto da un vano mormorare, preservate la lingua dalla maldicenza, perché neppure una parola segreta sarà senza effetto, una bocca menzognera uccide l'anima.

12. Non provocate la morte con gli errori della vostra vita, non attiratevi la rovina con le opere delle vostre mani,

13. perché Dio non ha creato la morte e non gode per la rovina dei viventi.

14. Egli infatti ha creato tutto per l'esistenza; le creature del mondo sono sane, in esse non c'è veleno di morte, né gli inferi regnano sulla terra,

15. perché la giustizia è immortale.

La vita secondo gli empi

16. Gli empi invocano su di sé la morte con gesti e con parole, ritenendola amica si consumano per essa e con essa concludono alleanza, perché son degni di appartenerle.

 

1 - continua

Ultimo aggiornamento Venerdì 16 Marzo 2018 15:15
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):