Home » Limba Sarda » Sale Maria » Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia – capitulu 4

Immagini del paese

Castello 46.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 6769612

Notizie del giorno

 
Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia – capitulu 4 PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Mercoledì 04 Aprile 2018 23:48

di Maria Sale


SABIENTZIA - CAPITULU 4

1) Mezus èssere chena fizos ma tennere sa virtude, ca in s’ammentu sou est s’immortalidade sende pretziada dae omines e dae Deus.

2) Cando b’est nd’est copiada, cando mancat est disizada, triunfat in s’eternidade, incoronada pro àere ‘inchidu litzitos cumbatimentos.

3) S’erentzia manna de sos eretigos no at a balere nudda, no at a ponnere raighinas ne fundamentos siguros.

4) Mancari ponzan rebuddos in sos ratos, ten-èssere noales chi su ‘entu abbentat e israighinat in sa temporada.

5) S’an a truncare sas ratos ancora tenneros, e su fruttu insoro at a èssere innutile, crùu pro èssere mandigadu e a nudda at a servire.

6) Sos fizos de chie no at litzita unione testimonian sa malidade de sos babbos e de sas mamas in su giudìssiu insoro. Sa morte primadìa de su giustu

7) Su giustu, mancari morzat pitzinnu, at agatare pasu.

8) Betzesa manna no est a campare meda, ne si contat dae su numeru de sos annos.

9) Sa ‘etzesa de s’omine est in sa sabiesa, una vida longa est cando est chena mancia peruna.

10) Ca fit caru a Deus dae issu fit amadu, e ca fit cun peccadores issu che l’at istrejidu.

11) L’at furadu, pro chi sa maliscia no li cambieret sos sentidos o s’ingannu no li travieret s’animu.

12) Ca su visciu attraet, traviat su bene e triulat sa mente ch’est in semplitzidade.

13) Giompidu in presse a sa perfessione, at fatu gai una carriera longa.

14) Aggradessida a Deus fit s’anima sua, e che l’at leadu in presse dae su logu malu. Sa zente bidet ma no cumprendet,

15) e no pensat chi grascia e miserigordia sun de sos preferidos suos ed’est amparu pro sos santos suos.

16) Sa bonànima de su giustu cundennat sos eretigos chi sun ancora in bida; una pitzinnia, giompida in presse a sa perfessione cundennat sa ‘etzesa de s’ingiustu.

17) Sa zente at a bidere sa fine de su sabiu, ma su chi pro issu at detzisu Deus no l’an a cumprendere, e nemmancu an’a cumprendere pruit’est chi Deus l’at dadu àmparu.

18) An a bidere e an a dispretziare, ma su Segnore s’at a riere de issos.

19) Pro sempre dispretziados ten-èssere in mesu sos mortos. Deus che los at a betare mudos, a conc’a terra, e los at a ischitzare in sas fundamentas; arruinados in totu, tra dolos s’an agatare e s’ammentu insoro at a isparire. Sos eretigos cumparin in giudisciu

20) S’an a presentare totu tremende a dare contu de sos peccados insoro, sos isbaglios chi an fatu s’an a pesare reos pro los accusare.

 

Testo in lingua italiana

Sapienza - Capitolo 4

[1]Meglio essere senza figli e avere la virtù, poiché nel ricordo di questa c'è immortalità, per il fatto che è riconosciuta da Dio e dagli uomini.

[2]Presente è imitata; assente è desiderata; nell'eternità trionfa, cinta di corona, per aver vinto nella gara di combattimenti senza macchia.

[3]La discendenza numerosa degli empi non servirà a nulla; e dalle sue bastarde propaggini non metterà profonde radici né si consoliderà su una base sicura.

[4]Anche se per qualche tempo mette gemme sui rami, i suoi germogli precari saranno scossi dal vento e sradicati dalla violenza delle bufere.

[5]Si spezzeranno i ramoscelli ancora teneri; il loro frutto sarà inutile, non maturo da mangiare, e a nulla servirà.

[6]Infatti i figli nati da unioni illegali attestano la perversità dei genitori nel giudizio di essi.

La morte prematura del giusto

[7]Il giusto, anche se muore prematuramente, troverà riposo.

[8]Vecchiaia veneranda non è la longevità, né si calcola dal numero degli anni;

[9]ma la canizie per gli uomini sta nella sapienza; e un'età senile è una vita senza macchia.

[10]Divenuto caro a Dio, fu amato da lui e poiché viveva fra peccatori, fu trasferito.

[11]Fu rapito, perché la malizia non ne mutasse i sentimenti o l'inganno non ne traviasse l'animo,

[12]poiché il fascino del vizio deturpa anche il bene e il turbine della passione travolge una mente semplice.

[13]Giunto in breve alla perfezione, ha compiuto una lunga carriera.

[14]La sua anima fu gradita al Signore; perciò egli lo tolse in fretta da un ambiente malvagio. I popoli vedono senza comprendere; non riflettono nella mente a questo fatto

[15]che la grazia e la misericordia sono per i suoi eletti e la protezione per i suoi santi.

[16]Il giusto defunto condanna gli empi ancora in vita; una giovinezza, giunta in breve alla perfezione, condanna la lunga vecchiaia dell'ingiusto.

[17]Le folle vedranno la fine del saggio, ma non capiranno ciò che Dio ha deciso a suo riguardo né in vista di che cosa il Signore l'ha posto al sicuro.

[18]Vedranno e disprezzeranno, ma il Signore li deriderà.

[19]Infine diventeranno un cadavere spregevole, oggetto di scherno fra i morti per sempre. Dio infatti li precipiterà muti, a capofitto, e li schianterà dalle fondamenta; saranno del tutto rovinati, si troveranno tra dolori e il loro ricordo perirà.

Gli empi compaiono in giudizio

[20]Si presenteranno tremanti al rendiconto dei loro peccati; le loro iniquità si alzeranno contro di essi per accusarli.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Aprile 2018 23:55
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):